Le notifiche come prossima interfaccia dell’iPhone

Con iOS 8 diventeranno interattive, ed è probabile che ci ritroveremo ad usare il notification center sempre più di frequente:

When iOS 8 hits, the notification center is going to be the most important screen in your iPhone. Think about it: Notifications already are the way you know about everything that happens without having to fire up an app. A notification lets you know you have a new email, a new text message, a new Snapchat. (Hi, Tony. Looking good.) But with iOS 8 they become interactive. They’re not just simple announcements—or even calls to action—anymore. They are actions in and of themselves. Entirely new windows onto our data. It’s nearly impossible to overstate how much this will change the way you use your phone.

Potremo non solamente rispondere a un messaggio o una mail direttamente dalla relativa notifica, ma sviluppatori di terze parti probabilmente le sfrutteranno per evitarci di dover passare da un’applicazione all’altra — si potrà commentare su facebook, fare un check-in su foursquare o rispondere a un tweet, il tutto senza aprire un’applicazione.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Perché Apple non produce concept

Counter Notions:

Everyone has a favorite “concept car.” Whether it’s the ’54 Firebird, ’64 Stiletto, ’80 Epcot or ’88 Sunraycer, these “flights of imagination” all have one thing in common: they weren’t for real.

General Motors had no intention of selling these cars, or cars that were close in form or function. They were largely “concepts” detached from reality or economics. It’s even debatable if they have advanced the art and science of producing cars in ways measurable by subsequent sales. In fact, over the years, while GM was busy creating concept cars, its Asian counterparts were working overtime selling cars that real customers here and elsewhere actually preferred to purchase. After losing over $50 billion in the last three years alone and its debt closing on junk rating, analysts are now wondering if the once-mighty GM will be able to avoid bankruptcy at all.

Microsoft, Nokia e più o meno ogni altra azienda con la quale Apple si trova in concorrenza produce dei concept, una visione del futuro, un prodotto “che potremmo realizzare però ci limitiamo a sognare“. Un prodotto che non ha alcun limite o compromesso — essendo solamente immaginato — e che per questo sulla carta sembra fantastico:

Concept products are like essays, musings in 3D. They are incomplete promises. Shipping products, by contrast, are brutally honest deliveries. You get what’s delivered. They live and die by their own design constraints. To the extent they are successful, they do advance the art and science of design and manufacturing by exposing the balance between fantasy and capability.

PERMALINK COMMENTA TWEET

John Oliver in difesa della Net Neutrality

Video: John Oliver in difesa della Net Neutrality

John Oliver spiega e difende la Net Neutrality, senza essere noioso.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Ricevi le notizie del giorno nella tua inbox

Ogni mattina: 5 link selezionati con cura + le notizie del giorno ?

Swift: che vantaggi offre?

Tim Stevens su CNET:

Scripting languages, like Python, tend to be easy to write and easy to test, but they aren’t particularly powerful and generally don’t perform well. Not ideal when you’re writing, say, a game that needs access to the full power of your device. Traditional programming languages, like Objective-C, give better access to the power of the device and enable the creation of more comprehensive apps, but are difficult to learn and tedious to compile and test.

Swift promises to have all the good with none of the bad. Apple promises that, at least in a few key benchmarks, it is considerably faster to execute than Python and faster even than Objective-C. But, despite that, the language supports what’s called “playgrounds” within the Xcode developer environment, visualizing Swift code in real-time, like a scripting language.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Non chiudete le applicazioni

CIT.

Quitting iOS apps to save battery is like unscrewing the light bulb in the fridge before you close. The fridge handles it. Just trust it. Bradley Chambers

PERMALINK COMMENTA TWEET

I prototipi di Apple degli anni ’80

GUARDA L'IMMAGINE

PERMALINK COMMENTA TWEET

Ossessionati dalla paura di perderci qualcosa

Internet è piena di cose magnifiche, e finiamo col perdercele quasi tutte. Dovremmo farcene una ragione, evitare (di tentare) di stare dietro a tutti gli ultimi articoli nel nostro feed rss, o tutti i tweet della timeline, rassegnandoci: non potremo mai leggere tutte le cose che ci interessano, e va bene così.

FoMO significa “fear of missing out“, e con internet questa paura è costante: viene dai blog, dalle notizie, e anche dagli amici: tutte le volte in cui l’iPhone emette un suono e ci sentiamo obbligati a controllarlo perché potrebbe essere importante. Non lo è mai, ma pazienza.

E indovinate cosa dicono? Che disconnettersi non è utile — lo è imparare a utilizzare meglio internet, e rassegnarsi alla semplice realtà: occorre fare delle scelte, che significa perdere qualcosa (qualche notizia, qualche tweet) per ottenere altro.

Psychotherapy for the underlying emotional causes of FoMO is far too costly and invasive, and simply vowing to disconnect from our gadgets fails to work. Instead, the best way to cope with FoMO might be to recognise that, at our frenetic pace of life, we are sometimes bound to miss out. And that, when we do, we might actually improve the outcomes of the options we have chosen.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Un documentario sul web, narrato dalle persone che il web lo fanno

What Comes Next is The Future” è un documentario (a cui hanno preso parte anche Jeffrey Zeldman e Ethan Marcotte) sul web e sul suo futuro, dedicato soprattutto a cercare di spiegare cosa succede — a noi, e al web — ora che internet l’abbiamo sempre in tasca.

What Comes Next Is the Future is a story about the internet, and how the shifting mobile landscape has drastically changed our industry. But it’s also the story of how we’ve all changed as a culture and what we can look forward to in the future, as seen from the perspective those who’ve helped build and shape the web over the last 25 years.

Ha già superato la raccolta fondi di Kickstarter, e io non vedo l’ora di vederlo.

PERMALINK COMMENTA TWEET

New Matter: la stampante 3D di $200

New Matter è una stampante 3D con due caratteristiche che la distinguono dal resto dell’offerta: un prezzo contenuto sui $250 (o addirittura $200 se la preordinate adesso) e un network costruito attorno ad essa che permetterà ai suoi utenti di acquistare e vendere “progetti” da stampare, fornendo anche degli strumenti semplici e immediati da utilizzare che agevolino la creazione e modifica di design 3D.

(Ma non stampa dentiere o case!)

PERMALINK COMMENTA TWEET

Quello che la macchina di Google non può fare

Non è brava a evitare scoiattoli e animali piccoli, non può portarvi in montagna (almeno fino a quando non risolvono il problema che nebbia, neve e pioggia causano ai sensori) e se perde la connessione alla rete torna ad essere una macchina normale.

Poi però, scrive WIRED, è brava ad evitare i ciclisti ed è stata programmata per non rispettare la legge in certe situazioni: in autostrada, va un po’ sopra il limite consentito.

Turns out self-driving cars tend to be too polite. Google noticed that at four-way stops, the car stayed behind the stop line, waiting for its turn. Naturally, human drivers, seeing it just sitting there, took advantage and crossed ahead of it. So the team rejiggered the car to slowly inch forward at stop signs, signaling to other drivers that it wants its turn.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Il primo prototipo della macchina che si guida da sola di Google

Video: Il primo prototipo della macchina che si guida da sola di Google

Google ha rivelato il primo prototipo funzionante della sua macchina che si guida da sola. Al contrario delle versioni precedentemente mostrate al pubblico, questa non è una macchina normale “potenziata” con telecamera e sensori per le funzioni aggiuntive, ma un veicolo disegnato da zero — e pensato interamente per una guida senza guidatore:

They won’t have a steering wheel, accelerator pedal, or brake pedal… because they don’t need them. Our software and sensors do all the work.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Selfie automatici (WU 48)

Trovate un pezzo del sottoscritto — il vostro blogger preferito — su WU Magazine numero 48, aka quello correntemente in circolazione.

Read more »

PERMALINK COMMENTA TWEET

“About Feminism”: un manifesto

Un manifesto scritto da alcune sviluppatrici, necessario dato lo stato in cui si trova la Silicon Valley e l’intero settore tecnologico per parità di diritti uomo/donna:

We’re constantly asked ‘if you write any code” when speaking about technical topics and giving technical presentations, despite just having given a talk on writing code. We’ve been harassed at these same conferences in person and online about our gender, looks, and technical expertise. We get asked if we’re the event planner or executive assistant on a regular basis.

(“Essere una donna su Internet“)

PERMALINK COMMENTA TWEET

Come si usano le emoji

GUARDA L'IMMAGINE

Rivelazione di Cabel, sviluppatore di Panic.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Quanto consuma Netflix?

Secondo Re/code:

The top 15 percent of streaming video users go through 212 gigabytes of data month. That’s more than seven times the average broadband user, who uses 29 gigabytes.

Se internet ha per voi totalmente rimpiazzato la televisione — per serie tv, film, e quant’altro — consumate in media sette volte un normale utente. Forse ha ragione Ben Thompson, quando scrive che non basta supportare la net neutrality perché più giusta eticamente: ci vuole un piano migliore, che tenga conto degli investimenti che i provider devono fare sull’infrastruttura e derivi i soldi necessari per questi in qualche altro modo:

Or, we could have the situation we have now: emotional appeals for net neutrality on one side, with ISPs arguing they have the right to maximize the economic utility of their networks by means that most consumers will never see (i.e. making content providers pay for fast lanes) on the other, and only the latter includes a solution for incentivizing ongoing investment.

I presume many of my readers work in technology; if you were deciding between two potential alternatives, one backed with an emotional appeal about one priority, and the other by data and a clear articulation of how a different priority would be addressed, which would you choose? I suspect most would choose the one supported by data. In other words, it’s not enough to insist that a position is morally right; it behooves us who believe in net neutrality to work through how the US can balance net neutrality with the need for ongoing broadband investment, fashion a case for our position, and then build a political movement that makes our plan a reality. That is being serious.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Distrazioni

GUARDA L'IMMAGINE

La prima cosa che guardo in uno screenshot dell’iPhone.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Leftovers: cose non pubblicate (24 Maggio)

Questo materiale — pubblicato a cadenza settimanale — è riservato agli iscritti alla membership. Scopri cos’è la membership (ne rimarrai affascinato: è una cosa bellissima), oppure se già ce l’hai: effettua il login.

PERMALINK COMMENTA TWEET

MetaFilter e il volere di Google

MetaFilter, un forum (e blog) di due o tre internet fa, ha recentemente annunciato un dimezzamento del suo staff causato dai cambiamenti improvvisi all’algoritmo di Google:

The money situation changed one day in November 2012, when I saw a drastic reduction in traffic and revenue to Ask MetaFilter. I double-checked to make sure the initial estimates were correct, and it appeared that Ask MetaFilter lost 40% of its traffic overnight.

Successe anche a questo blog anni fa: Google decide di cambiare l’algoritmo e penalizzare quei siti che ritiene non aderiscano e rispettino le sue linee guida. Ovviamente si tratta di assunzioni, assunzioni che in certi casi permettono di identificare lo spam, in altri finiscono col penalizzare siti che non hanno niente a che fare con esso. A volte queste supposizioni sono corrette, altre vanno a discapito di domini innocenti.

MetaFilter è appunto uno di questi — e uno dei pochi forum di quelle dimensioni con una cura e controllo molto severo sullo spam. Un sito che non ha mai applicato pratiche di SEO e ha sempre dato importanza solamente alla qualità dei propri contenuti, ma che oggi viene penalizzato senza particolari spiegazioni e ragioni per un cambiamento a lui esterno sul quale non ha alcuna decisione ma, soprattutto, nessuna capacità di farsi sentire. Dipende totalmente da Google — non solamente per la ricerca ma anche per la pubblicità.

E se non è una novità essere totalmente sottoposti al volere di Google, la situazione negli anni non è migliorata. Come scrive The Awl a Google si sono oggi aggiunti i social network: un sito dipende totalmente — e sempre più — da entità esterne ed enormi che non può controllare. Un cambiamento al Newsfeed di Facebook può avere un impatto significativo sul traffico di un sito, proprio mentre la sua homepage perde sempre più valore:

Of course a website’s fortunes can change overnight. That these fortunes are tied to the whims of a very small group of very large companies, whose interests are only somewhat aligned with those of publishers, however, is sort of new. The publishing opportunity may be bigger today than it’s ever been but the publisher’s role is less glamorous: When did the best sites on the internet, giant and small alike, become anonymous subcontractors to tech companies that operate on entirely different scales?

PERMALINK COMMENTA TWEET

L’era dei computer quantistici è (quasi) iniziata

Clive Thompson ha scritto un articolo — a tratti molto complesso e tecnico — sul D-Wave, il computer quantistico che preferisce il niobio al silicone, e opera a una temperatura 150 volte inferiore a quella dello spazio interstellare:

It may be that quantum computing arrives in a slower, sideways fashion: as a set of devices used rarely, in the odd places where the problems we have are spoken in their curious language. Quantum computing won’t run on your phone—but maybe some quantum process of Google’s will be key in training the phone to recognize your vocal quirks and make voice recognition better. Maybe it’ll finally teach computers to recognize faces or luggage.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Tornano i commenti su Bicycle Mind

Dopo anni, ci si riprova. Sono basati su un servizio esterno, Discourse, una piattaforma per le conversazioni. Potremmo chiamarlo forum ma poi sembrerebbe una cosa del passato e nessuno di voi la proverebbe. L’intento è quello di tracciare una grossa linea di separazione fra i post e i commenti a questi, che stanno da un’altra parte (discuss.bicyclemind.it) nonostante poi vengano visualizzati sotto ciascun post.

Discourse è raggiungibile a discuss.bicyclemind.it e vi permette, previa registrazione (anche con le credenziali di twitter), di creare dei topic per avviare discussioni con gli altri utenti e lettori del blog. Anche ogni nuovo post genera un topic1: i commenti a questo verranno visualizzati sotto l’articolo originale, ad esso relativo.

Andate a vederlo e provarlo: è molto carino.

  1. Questo, ad esempio, è il topic relativo all’articolo che stai leggendo ora

PERMALINK COMMENTA TWEET