Buon Natale

PERMALINK COMMENTA

❤️ Articoli consigliati

La semplicità vende più del lusso?

Muji è una mia ossessione, probabilmente possiedo più cose di Muji che di qualsiasi altra azienda1. Il New Yorker gli ha recentemente dedicato un pezzo:

A decade ago, we had cool Japan, all Hello Kitty and Pokémon and street fashion. Muji, with its lack of logos, represents post-cool, normcore Japan, which is, of course, a fetishized version of Japanese culture—serene and neat and proper.

It is tempting to describe Muji’s goods as basic, but that would belie the sophistication and premeditation at work. Its Facebook page describes its aim as creating “products that are really necessary in everyday life in the shapes that are really necessary.” Muji certainly produces staples, like stationery, kitchenware, cleaning products, luggage, storage options, and snacks. The colors, patterns, and materials are generic, but everything, from toothbrush holders to storage boxes, comes in pleasing shapes. […]

Muji is banking on “the idea that simplicity is not merely modest or frugal, but could possibly be more appealing than luxury.”

  1. Come trivia: in questo momento indosso, casualmente, pantaloni, camicia e pure biancheria di Muji!

PERMALINK 1 COMMENTO

Le emoji funzionano meglio delle stelline per dare un voto?

Uber sta sperimentando in alcune città, e con un gruppo limitato di utenti, un sistema alternativo di rating, basato su emoji invece che stelline:

Uber’s five-star rating system is a major source of conflict between the company and its drivers. If drivers’ ratings drop below a 4.6, they can be booted off of Uber, a fact that many passengers don’t realize. Consumers who are used to rating restaurants and hotels are likely to think a four-star rating isn’t too bad, not knowing that they could actually be costing their driver his job.

Potrebbe rivelarsi un modo meno vago per esprimere la propria opinione — quattro stelline possono essere considerate in maniera diversa da passeggeri diversi (alcuni potrebbero ritenere un voto alto 4 su 5, senza sapere che Uber licenzia gli autisti che hanno una media inferiore a 4.6), mentre una 😡 può significare un’unica cosa.

Scrive Fusion:

In the age of the quantified self, when our every move is being transcribed into a data point, it makes sense that we would turn to emoji to color in the picture. They could be a quick solution for tracking emotional reactions, not just for customer service, but also for opinions, which can be tricky to translate into numbers. Perhaps in the not so distant future, we will be able to rate the next Hollywood blockbuster as 😢😭🏆, the hip new coffee shop that opened around the corner as 😒, or your recent ride on the bus as 💩👃👎😖, which is probably why you downloaded Uber in the first place.

PERMALINK COMMENTA

App Santa 2015

È tornato, puntuale, App Santa: una collezione di applicazioni che in occasione del Natale saranno scontate fino all’80%. La lista include alcune che consiglio vivamente, se già non le avete:

Avete tempo fino al 26 di questo mese per approfittare degli sconti.

PERMALINK COMMENTA

Quanto usiamo internet in Italia (non abbastanza)

Un articolo di Repubblica di un paio di giorni fa, firmato dal digital champion Riccardo Luna titolava che nel 2015 l’Italia corre, su Internet!!!1 Ovvero che il numero di persone connesse è aumentato più che negli altri paesi europei:

Siamo quelli che hanno registrato l’aumento maggiore: 4 punti percentuali, da 64 a 68% (e i non utenti sono passati dal 32 al 28%). La Germania, la Francia e il Regno Unito sono aumentati di un punto appena, la mitica Estonia (Paese simbolo del digitale) cresce di tre: ma va detto che questi Paesi partono da molto più in alto di noi…

Guardando i dati Eurostat (gli stessi su cui Luna ha basato l’articolo), il panorama è meno euforico: accedono regolarmente a internet il 63% degli italiani, contro — come nota Mantellini — l’84% dei tedeschi, 81% dei francesi o il 75% degli spagnoli. Siamo aumentati più degli altri, ma solo perché — com’è ovvio — la crescita è più facile quando la penetrazione è così bassa. Per avere una penetrazione inferiore bisogna guardare a Bulgaria e Grecia.

Oltretutto, la “corsa” si riduce a un placido camminare guardando alle aziende (dati ISTAT), come riporta Il Post:

L’ISTAT usa un indice di digitalizzazione basato su 12 attività svolte online, come avere un sito web o l’utilizzare i social network per promuovere i propri prodotti: secondo l’ISTAT questo indice è basso o molto basso per 9 imprese su 10.

Insomma, come negli anni passati (e futuri: non è una tendenza che si invertirà all’improvviso, per magia), nulla di cui gongolare.

PERMALINK COMMENTA

Supporta Bicycle Mind — se ti piace, ovvio, eh — così: acquistando su Amazon (partendo da qua), abbonandoti alla membership o con una donazione. Leggi di più

800 persone lavorano alla fotocamera dell’iPhone

La CBS ha dedicato una puntata del suo 60 minutes a Apple. Fra i dettagli rivelati, la dimensione del team che lavora alla fotocamera dell’iPhone: 800 persone.

 Apple now says there are 800 people solely dedicated to working on the iPhone’s camera. That team of “engineers and other specialists” is led by Graham Townsend, who took Rose on a tour of the camera testing lab.

“There’s over 200 separate individual parts” in the iPhone’s camera module, Townsend said. Then he demonstrated how Apple simulates various conditions to test out the camera’s performance, from sunsets to lousy indoor lighting. “We can simulate all those here,” Townsend said. Apple’s competitors certainly conduct many of those same tests, but the sheer size of Apple’s camera team shows you how high up on the priority list it’s risen. Apple has built entire ad campaigns around the iPhone’s camera, and always makes it a point to highlight improvements with each new iPhone revision.

PERMALINK COMMENTA

La vista dal sedile frontale

Chris Urmson, che dal 2009 lavora alla macchina che si guida da sola di Google:

We’ve heard countless stories from people who need a fully self-driving car today. We’ve heard from people with health conditions ranging from vision problems to multiple sclerosis to autism to epilepsy who are frustrated with their dependence on others for even simple errands. One woman in Southern California who lost her ability to drive 15 years ago tells us, “my life has become very expensive, complicated, and restricted” since she had to start paying drivers and enduring long waits for buses and trains. Multiple veterans have come home from defending our country only to have their return to normal life challenged by their inability to drive themselves around in a car. And the elderly worry about having to give up their car keys someday.

As for those of us who can drive, we’re not happy either. California has some of the most enjoyable driving roads in the world, but that’s a tiny fraction of a typical resident’s driving experience. Most of the time we’re stuck in the ugly tedium of a freeway commute or sitting at endless stoplights. We’re all too familiar with that quiver of nervousness when we realize we’re near a weaving driver who’s either had a few too many drinks or is distracted by their phone. Having a self-driving car shoulder the entire burden of getting from A to B — and knowing that many other vehicles out there are also navigating autonomously — could make a big difference.

Urmson aveva già scritto alcuni mesi fa un post su Medium dando alcuni aggiornamenti e riflessioni sullo stato del progetto.

(Leggi anche: ‘Le macchine che si guidano da sole sono inevitabili‘)

PERMALINK COMMENTA

Perché uso Slack

Michael Lopp:

Slack is IRC. It’s a fresh coat of paint on an idea that has been around since the late 80s. The question is: why now? Why does an idea that has been around for years gain traction now?

For a set of technologies that has been designed to connect us regardless of where we might be on the planet, the Internet is increasing impersonal and hostile.

The signal to noise ratio emitting from massive communities like Reddit or YouTube is awful. Even with legions of well-intentioned humans dedicated to enforcing basic rules of conduct, it’s still work finding the right signal and even when you do, you’re often wading through some of the most offensive parts of human behavior.

I Slack because I like hanging with my tribe. My tribe is a knowable set of humans who not only have common interests, but also shared values. This combination results in healthy and productive discourse with very little effort. There are hundreds of people on both the Slack channels I tend and we’ve had exactly *zero* incidents resulting in someone being removed from the community. This doesn’t mean there haven’t been flare ups, but when that occurs, it doesn’t escalate – it’s debated. It’s resolved. We learn and we move forward.

È la ragione per cui esiste uno Slack di Bicycle Mind: Slack non è solo ottimo per parlare con colleghi, ma anche un buon luogo per parlare con gli amici, su cui creare comunità specifiche per conversazioni meno rumorose e meno dispersive che altrove — Twitter, Facebook o altri luoghi più pubblici.

PERMALINK 1 COMMENTO

Come funziona Product Hunt

Un articolo su Medium racconta come funziona Product Hunt, un sito che negli ultimi due anni è diventato abbastanza centrale per introdurre e far conoscere il proprio prodotto, utilizzato come piattaforma di lancio da startup e indipendenti — se una nuova applicazione riesce a ottenere, dalla comunità di Product Hunt, un discreto numero di upvote è garantito un traffico di interesse e di visite.

Ma, come racconta l’articolo di Ben Wheeler, per molti di questi prodotti la comunità di Product Hunt è una farsa: non finiscono in homepage perché gli utenti del sito li hanno votati, ma perché si sono accordati in anticipo con un superuser che, dotato di privilegi speciali, può postare direttamente nella home del sito senza dover attendere l’approvazione degli utenti del sito:

Browse Product Hunt listings, and reach out to the curators who posted them, and you will find a great many were posted by prior arrangement with the creators. Ryan Hoover emphasized to me that the central Product Hunt team itself conducts these arrangements only rarely, but wouldn’t say how much of the time the curators arrange featured postings for products they’re linked to.

Sarebbe carino se Product Hunt segnalasse questi prodotti — con un badge, o una scritta — almeno da saperlo e comunicarlo al visitatore. Sembra altrimenti che tutto funzioni ad upvote, e il successo o meno di un prodotto sia nelle mani degli utenti, quando in realtà il processo è ben poco trasparente (prima di leggere questo articolo, io stesso — che visito Product Hunt svariate volte al giorno — ignoravo tutto ciò)

PERMALINK COMMENTA

Elon Musk su OpenAI

Steven Levy ha fatto una chiacchierata con Elon Musk (e Sam Altman) per capire meglio che piani hanno per OpenAI:

I want to return to the idea that by sharing AI, we might not suffer the worst of its negative consequences. Isn’t there a risk that by making it more available, you’ll be increasing the potential dangers?

Altman: I wish I could count the hours that I have spent with Elon debating this topic and with others as well and I am still not a hundred percent certain. You can never be a hundred percent certain, right? But play out the different scenarios. Security through secrecy on technology has just not worked very often. If only one person gets to have it, how do you decide if that should be Google or the U.S. government or the Chinese government or ISIS or who? There are lots of bad humans in the world and yet humanity has continued to thrive. However, what would happen if one of those humans were a billion times more powerful than another human?

Musk: I think the best defense against the misuse of AI is to empower as many people as possible to have AI. If everyone has AI powers, then there’s not any one person or a small set of individuals who can have AI superpower.

PERMALINK COMMENTA

Esperimenti geometrici con i Google Cardboard

Tornando ai Google Cardboard: 100Spher.es offre una serie di paesaggi geometrici e virtuali abbastanza disorientanti.

PERMALINK COMMENTA

OpenAI: una no-profit per creare un’intelligenza artificiale buona

Elon Musk, Sam Altman e un numero piuttosto cospicuo di nomi della Silicon Valley ha presentato OpenAI, una no-profit dedicata ad avanzare lo stato dell’intelligenza artificiale senza concentrarsi sui profitti, ma sul “bene” che l’umanità può derivarne (se volete spaventarvi, c’è una serie di lunghi post del blog Wait but Why che spiega cosa potrebbe succedere nel caso vada tutto storto).

OpenAI:

Because of AI’s surprising history, it’s hard to predict when human-level AI might come within reach. When it does, it’ll be important to have a leading research institution which can prioritize a good outcome for all over its own self-interest.

We’re hoping to grow OpenAI into such an institution. As a non-profit, our aim is to build value for everyone rather than shareholders. Researchers will be strongly encouraged to publish their work, whether as papers, blog posts, or code, and our patents (if any) will be shared with the world. We’ll freely collaborate with others across many institutions and expect to work with companies to research and deploy new technologies.

PERMALINK COMMENTA

Il dilemma etico delle macchine che si guidano da sole

Video

Il dilemma etico delle macchine che si guidano da sole

Come deve comportarsi una macchina che si guida da sola, in caso di incidente? Deve massimizzare la sicurezza di chi la guida — tentando di salvare il guidatore/passeggero ad ogni costo — oppure optare per un’incidente che causa la morte del numero minore di persone — magari, così facendo, decidendo una brutta sorte per il guidatore?

Mentre quando è un umano alla guida, la reazione a un incidente viene appunto interpretata come una reazione, una macchina che si guida da sola prenderà una decisione, stabilita magari anni prima da chi l’ha programmata. Mettiamo Tesla facesse macchine che salvano il maggior numero di persone, mentre Apple si concentrasse sulla vita del guidatore: voi quale comprereste?

È, questo, il classico problema del carrello ferroviario.

PERMALINK COMMENTA

Forevery: Google Photos per la libreria fotografica dell’iPhone

Applicazione

Forevery: Google Photos per la libreria fotografica dell’iPhone

A pochi minuti dall’installazione di Forevery, già mi sento di raccomandarla. Forevery è Google Photos per la libreria fotografica dell’iPhone: un’applicazione che aiuta a cercare e trovare le fotografie scattate, tramite l’API di Clarifi per il riconoscimento visivo.

L’applicazione divide le fotografie in varie macrocategorie — persone, luoghi, posti — ciascuna con all’interno album più specifici. Col tempo, potete insegnare all’algoritmo a riconoscere persone specifiche, paesaggi o oggetti. Permette anche di ritrovare le proprie foto cercandole a parole, tramite tag associati automaticamente — ad esempio, sunset dovrebbe restituirvi tutte le originalissime foto di tramonti che avete scattato.

(Non ho idea di come si comporti dal punto di vista della privacy, suppongo però solo i metadata associati a un’immagine vengano caricati siccome il processo iniziale di setup si è rivelato piuttosto veloce)

PERMALINK COMMENTA

La nuova custodia con batteria di Apple

Apple ha presentato la propria custodia con batteria incorporata, in grado di aggiungere all’iPhone un giorno di vita. Utile, ma tanto — ma proprio tanto — brutta. Con una gobba sul retro. Sembra, da tanto è brutta, che nemmeno si siano posti il problema di come produrre una custodia + batteria non inguardabile.

Si aggiunge al tanto, ma proprio tanto, brutto dock per Apple Watch presentato poche settimane fa. Spero la lista di accessori inguardabili non si allunghi.

PERMALINK 4 COMMENTI

Focus, il content blocker di Mozilla per iOS

Applicazione

Focus, il content blocker di Mozilla per iOS

Appena lanciato:

Focus users can control what to block, including three types of trackers: ads, social, and analytics. Users can also block “other content trackers,” which essentially turns on full blocking. This option is very strict, to the point that Mozilla warns this can result in some webpages not loading correctly.

Si basa sulle regole di Disconnect.me (l’applicazione per Mac — sempre volta a proteggere la privacy dell’utente in rete — è piuttosto efficiente, la sto provando da oggi).

PERMALINK COMMENTA

Swift nel browser

IBM:

The IBM Swift Sandbox is an interactive website that lets you write Swift code and execute it in a server environment – on top of Linux! Each sandbox runs on IBM Cloud in a Docker container. In addition, both the latest versions of Swift and its standard library are available for you to use.

Grazie ad IBM, potete giocare con Swift nel browser.

PERMALINK COMMENTA

L’hype è fondato

Gus Mueller, sviluppatore di Acorn, ha scritto un post entusiasta sulla Apple Pencil. In sintesi: per 20 anni ha sempre utilizzato tablet Wacom per lavori grafici, senza mai trovare un’alternativa altrettanto valida. Settimana scorsa ha provato l’accoppiata iPad Pro e Apple Pencil e, per la prima volta, è rimasto piacevolmente stupito da una stylus:

I got the Apple Pencil (which is Apple speak for a stylus) and an iPad Pro. This new tablet from Apple has the hardware support needed to make a useful stylus. Hardware support that has been missing for five long, very long, agonizing years.

And It’s God Damn Amazing.

It feels absolutely right. Super low latency, palm rejection, and … it just works.

Is it the same as drawing in my sketchbook? No. Of course not. I’m rubbing a plastic tip across a glass screen.

It’s still God Damn Amazing though.

Dello stesso parere, pare essere Christopher Phin:

Let me be completely clear: this is the best digital drawing tool there has ever been. Better than a Wacom Intuos, better than a Wacom Cintiq, and better, by a margin so wide it’s downright comical, than any other stylus for iOS or Android.

Actually, let me be even clearer: pair this stylus with the iPad Pro – the only device it currently works with – and at a hardware level, it’s capable of a fluidity and unthinking naturalness that genuinely comes as a shock. You have never used anything so quick, so lovely, so wonderfully analogue.

Khoi Vinh, a sua volta, sembra molto positivo. Nel suo post ha incluso però una serie di funzionalità mancanti, o azioni difficili da svolgere, che rallentano i lavori su iPad. Principalmente:

  • Una clipboard robusta
  • Un file manager più robusto
  • Possibilità di installare font propri sul device
  • Un’alternativa al rullino fotografico. Al momento, per spostare immagini da un design all’altro occorre salvarli nel ruling fotografico, mischiandoli a foto con cui non hanno nulla a che fare

PERMALINK 1 COMMENTO

Sketch lascia il Mac App Store

Un paio di settimane fa Dan Consuell (fondatore di Realmac Software) ha stilato una lista di alcune delle principali applicazioni per Mac non distribuite tramite il Mac App Store — come: Coda, Dropbox, f.lux, Chrome, etc…

Nonostante esista da sei anni, scriveva Dan, il Mac App Store tuttora non ha in catalogo molti dei software migliori che il Mac, come piattaforma, ha da offrire (software che continuano a trovare successo fuori dallo store ufficiale).

Alla lista, già lunga (Dan ne ha individuate 68), di queste applicazioni si è andata ad aggiungere, oggi, Sketch:

There are a number of reasons for Sketch leaving the Mac App Store—many of which in isolation wouldn’t cause us huge concern. However as with all gripes, when compounded they make it hard to justify staying: App Review continues to take at least a week, there are technical limitations imposed by the Mac App Store guidelines (sandboxing and so on) that limit some of the features we want to bring to Sketch, and upgrade pricing remains unavailable.

PERMALINK COMMENTA

La crittografia va difesa, anche se la usano i terroristi

Dan Gillmor, tradotto da Valigia Blu:

Un giorno si potrebbe venire a sapere che un terrorista ha usato sistemi potenti di criptaggio, e la risposta giusta sarebbe: “Sì, lo ha fatto, ma dobbiamo comunque proteggere questi sistemi di criptaggio, perché indebolirli peggiorerebbe soltanto le cose.” Perché? Perché il criptaggio è davvero una questione semplice, non importa quanto funzionari legislativi desiderosi di diffondere la paura o politici codardi e ostinatamente ignoranti vadano sbandierando sul bisogno di backdoor nelle comunicazioni protette. La scelta è fondamentalmente binaria per molti esperti in materia. Non si possono alterare i sistemi di criptaggio in maniera significativa senza renderci tutti meno sicuri, perché i cattivi poi sfrutteranno le vulnerabilità introdotte nel processo. Non è una questione di sicurezza verso privacy, come gli esperti hanno spiegato ormai innumerevoli volte, è una questione di sicurezza contro sicurezza. […]

È triste, ma pochi media mainstream hanno cercato di spiegare il problema del criptaggio in modo aderente alla realtà. Citare persone che mentono è già abbastanza brutto, ma non spiegare la realtà può essere anche peggiore.

I giornalisti, in generale, non hanno ricordato al pubblico che usiamo sistemi potenti di criptaggio ogni giorno facendo shopping online. Non hanno spiegato perché i whistleblower, che con coraggio raccontano al pubblico e alla stampa il pessimo comportamento dei governi, delle corporation o di altre grandi istituzioni, sono in grave pericolo in uno stato di sorveglianza. Non hanno unito i puntini fra la copertura sensazionalistica dell’episodio di hacking alla Sony e il bisogno delle aziende di fare affari in modo sicuro, ad esempio. Abbiamo bisogno di sicurezza maggiore e migliore nelle nostre vite, non minore e peggiore.

L’argomento “la crittografia è pericolosa perché anche i terroristi possono farne uso” è alquanto stolido: togliere la crittografia di default ci renderebbe tutti più insicuri, ma non impedirebbe a organizzazioni terroristiche di ricorrervi. Queste potrebbero utilizzare gli strumenti distribuiti da altri paesi, dove la crittografia non sarebbe illegale, o costruirsene di propri (e di fatto, lo fanno).

In difesa di quest’assurdità ho letto uno degli articoli più stupidi su cui mi sia capitato di posare gli occhi negli ultimi anni, sul Telegraph solo settimana scorsa, dal sobrio titolo “Perché la Silicon Valley sta aiutando gli jihadisti?“. Di seguito un allucinante paragrafo:

What will it take? 129 dead on American soil? 129 killed in California? What level of atrocity, what location will it take for the Gods of Silicon Valley to wake up to the dangerous game they are playing by plunging their apps and emails ever deeper into encryption, so allowing jihadists to plot behind an impenetrable wall? […]

It goes back to Edward Snowden, the weaselly inadequate whose grasp for posterity has proved a boon for Isil. They should be gratefully chanting his name in Raqqa, for it was Snowden’s revelations about government surveillance methods that triggered this extraordinary race towards deeper encryption.

Provo vergogna a copiare e incollare quelle frasi su queste pagine — mi chiedo come si possa concepire di scriverle. La risposta di TechDir è alquanto ficcante:

How many hacked credit cards, medical information and email accounts will it take for the Gods of Silicon Valley to wake up and recognize they need to better protect user data. Because that’s what’s actually happening. Encryption is not about “allowing jihadists to plot behind an impenetrable wall” it’s about protecting your data. […]

But, more to the point, undermining encryption makes everyone significantly less safe. The whole idea that weakening encryption makes people more safe is profoundly ignorant.

La sorveglianza di massa non è la soluzione al terrorismo, e il modo in cui la stampa generalista la sta affrontato è piuttosto sconfortante. Considerato poi che sono argomenti che, generalmente, suscitano sbadiglio.

Credere che si possa stare, sorvegliando tutti, completamente sicuri è un’idea fanciullesca. Non bisogna, come scrive Luca De Biase, rinunciare alla libertà:

Si può sostenere che la riduzione di libertà introdotta con la sorveglianza di massa possa essere temporanea, fino alla fine della guerra. E che aumenti le probabilità di scoprire e contrastare i terroristi. Oppure si può sostenere che quella riduzione di libertà tende poi a diventare stabile e che la sorveglianza di massa non faccia che aumentare il potere dei servizi segreti. L’esperienza aiuta a capire quale sia la valutazione giusta.

L’esperienza americana è chiara. La sorveglianza tecnologica “di massa” era stata introdotta, con Echelon, molto prima dell’11 settembre 2001. E la Nsa aveva iniziato il suo progetto di sorveglianza via internet prima del più terribile atto di terrorismo della storia americana. Secondo alcune inchieste (vedi Washington Post), in più occasioni è stato provato che le notizie potenzialmente utili per fermare i terroristi erano in possesso dei servizi americani, archiviate da qualche parte e non utilizzate a dovere. Anche per la scarsa collaborazione tra servizi, dovuta a una certa loro idea di potere. Dopo di allora, l’attività di sorveglianza di massa dell’Nsa si è sviluppata oltre ogni senso del limite, come ha provato Edward Snowden. E il tentativo di sradicare la sorveglianza di massa operato in qualche occasione dall’attuale amministrazione si è arenato di fronte al “ricatto” dei servizi formulato in modo tale da far pensare che ridurre quella sorveglianza significhi aumentare i rischi di attentati.

PERMALINK COMMENTA

Non ne hai avuto abbastanza?

Leggi altri post