La foto della ragazza

Quando muore qualcuno, si verifica un attentato o una tragedia, i giornali (soprattutto italiani) si sentono autorizzati ad attingere da Facebook, a scaricare le foto delle vittime e pubblicarle (magari ignorando anche i vari filtri per la privacy di Facebook). Senza chiedere, senza permesso; in maniera molto prepotente. Ecco qua la ragazza mentre sorrideva spensierata, e in quest’altra in una posa divertente.

Bisogna sottolineare che anche se le foto sono su internet non significa che siano di pubblico dominio, pronte per i giornalisti a farne qualsiasi cosa vogliano o serva i loro interessi. Scrive Mantellini:

Ora la ragazza è morta e i giornali, quasi tutti, hanno usato le sue foto, prese dal suo profilo Facebook per corredare i servizi di cronaca nera che parlano di lei. Hanno chiesto il permesso a qualcuno? Non ce n’è stato bisogno. Erano lì, su Internet, è bastato un colpo di mouse per impadronirsene. Un altro per pubblicarle.

Le nostre foto sono nostre ed i giornali fanno finta di non saperlo. Pubblicare una propria immagine su Internet, anche su una bacheca pubblica, non significa dichiarare che quella foto sia di tutti, che possa essere utilizzate liberamente. Le fotografie sono come le parole, raccontano mondi, quasi sempre privati e insondabili, aprono il fianco a interpretazioni ed equivoci: nessuno dovrebbe avere il diritto di toccarle senza il nostro permesso. O senza il permesso di qualcuno che ci conosce e ci ama nel giorno in cui noi non potessimo più decidere da soli.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Notizie da altri luoghi, e segnalazioni rapide.

+ Visita l'archivio, con descrizione dei link. Oppure, ricevi i link ogni settimana abbonandoti alla newsletter.

Apple introduce la possibilità di riconsegnare le applicazioni entro 14 giorni

Da un certo punto di vista sono contento — è giusto poter riconsegnare un’applicazione quando questa si rivela sotto le aspettative: fino ad ora si era costretti a tenersela — da un altro potrebbe verificarsi un abuso: il noleggio di applicazioni monouso (quelle che ci servono una volta, e mai più: come una guida turistica) gratuito, sfavorendo gli sviluppatori.

Un trial nell’App Store — cosa che questa nuova policy abilita — è necessario. Magari non di 14 giorni: in 14 giorni uno può finire un gioco, restituirlo, e riavere indietro i soldi senza fornire alcuna motivazione.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Se c’è una forma di intelligenza nello spazio, è probabilmente artificiale

Motherboard ripropone l’idea che se un giorno ci scontreremo con degli alieni, questi potrebbero essere basati su silicio più che carbonio. Se c’è una forma di vita qua fuori — scrive Vice — probabilmente è artificiale. In primo luogo per quella che Schneider (professore di filosofia all’università del Connecticut) definisce short window observation:

The reason for all this has to do, primarily, with timescales. For starters, when it comes to alien intelligence, there’s what Schneider calls the “short window observation”—the notion that, by the time any society learns to transmit radio signals, they’re probably a hop-skip away from upgrading their own biology. […]

“As soon as a civilization invents radio, they’re within fifty years of computers, then, probably, only another fifty to a hundred years from inventing AI,” Shostak said. “At that point, soft, squishy brains become an outdated model.” […]

Most of the radio-hot civilizations out there are probably thousands to millions of years older than us. […] “The way you reach this conclusion is very straightforward,” said Shostak. “Consider the fact that any signal we pick up has to come from a civilization at least as advanced as we are. Now, let’s say, conservatively, the average civilization will use radio for 10,000 years. From a purely probabilistic point of view, the chance of encountering a society far older than ourselves is quite high.”

Perché non ci siamo scontrati con nessuna forma di intelligenza fino ad ora — e perché questa, se più evoluta di noi, ci ignora? Shostak (direttore alla NASA di SETI, acronimo per Search for Extraterrestrial Intelligence) dice che siamo interessanti tanto quanto un pesciolino rosso: irrilevanti. Non vuoi del male al tuo pesciolino rosso, e nemmeno vuoi leggerci dei libri assieme.

“I’d have to agree with Susan on them not being interested in us at all,” Shostak said. We’re just too simplistic, too irrelevant. “You don’t spend a whole lot of time hanging out reading books with your goldfish. On the other hand, you don’t really want to kill the goldfish, either.”

(Via Hypertext)

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Attento a quello che scrivi

Dave Pell riflette su intercettazioni e leak di dati: è giusto pubblicarli indiscriminatamente, così come hanno fatto i giornali nel caso di Sony — considerando il materiale di pubblico dominio una volta che è stato rubato dai server dell’azienda — oppure, come argomentava Jacob Weister, editore di Slate, si tratta di una violazione della privacy?

Scrive su Medium Dave Pell:

If it’s digital, it’s public. That should make you scared of losing your privacy. But I’m more concerned about it scaring you away from publishing or sharing your thoughts and opinions at all. But I wouldn’t blame you for holding back. More and more, I find myself holding back too. We all do.

I worry that these new realities will lead us down path towards self-censorship. Sharing was fun at first. But now we can see the potential costs. And the risks associated with broadcasting our thoughts just might be enough to turn the era of open digital communication into the age of shut the fuck up.

Le email e documenti rubati a Sony, secondo Jacob, sono come le foto di Jennifer Lawrence e delle altre attrici che anno subito attacchi al loro account di iCloud alcuni mesi fa: non sono di pubblico interesse, e il fatto che siano state rubate non significa che siano improvvisamente di dominio pubblico. Sempre su Slate un altro giornalista sosteneva la tesi contraria: è importante pubblicare le email di Sony, se queste si rivelano razziste o sessiste, perché mostrano i processi decisionali interni di una grande azienda, i cui prodotti hanno un’influenza molto estesa.

Dal mio punto di vista occorre molta prudenza e una lunga riflessione e selezione del materiale rubato, prima di pubblicare email private, prima di dare in mano al pubblico pezzi di conversazione telefonica, prima di estrapolare da contesto e persona una singola frase. Altrimenti sembra una caccia alla strega. E anche perché una volta in rete, una volta pubblicata la frase sconveniente, può rovinare la carriera — se non la vita — di chi l’ha scritta.

A quanti di voi piacerebbe svegliarsi e ritrovare le proprie email, SMS e corrispondenza privata in rete? E quanti di voi sono certi di non essere mai stati stronzi e irragionevoli in alcune email? Sapreste difendere ogni frase mai scritta? Come scriveva Rodotà in un pezzo uscito poco dopo l’11 Settembre (quindi del 2001, ma pur sempre attuale):

Bisogna diffidare dell’argomento di chi sottolinea come il cittadino probo non abbia nulla da temere dalla conoscenza delle informazioni che lo riguardano. L’uomo di vetro è una metafora totalitaria, perché su di essa si basa poi la pretesa dello Stato di conoscere tutto, anche gli aspetti più intimi della vita dei cittadini, trasformando automaticamente in “sospetto” chi chieda salvaguardia della vita privata.

Se l’equazione digitale = pubblico persiste, anche chi non ha nulla da nascondere dovrebbe preoccuparsi.

PERMALINK 3 COMMENTI TWEET

Iscriviti alla newsletter settimanale

Le notizie della settimana + link inediti + altre varie cose inutili

+ Maggiori informazioni +

Sotto la cover

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Supporta Bicycle Mind — se ti piace, ovvio, eh — così: acquistando su Amazon (partendo da qua), abbonandoti alla membership o con una donazione. Leggi di più

Sei impressioni sulla macchina che si guida da sola di Google

Matthew Inman (aka The Oatmeal) ha avuto l’opportunità di provare la macchina che si guida da sola di Google in anteprima. La ha trovata molto timida e prudente. Ha raccolte le sue impressioni, divise in sei punti, sul suo blog. Questo è l’ultimo:

The unfortunate part of something this transformative is the inevitable, ardent stupidity which is going to erupt from the general public. Even if in a few years self-driving cars are proven to be ten times safer than human-operated cars, all it’s going to take is one tragic accident and the public is going to lose their minds. There will be outrage. There will be politicizing. There will be hashtags.
It’s going to suck.

But I say to hell with the public. Let them spend their waking lives putt-putting around on a crowded interstate with all the other half-lucid orangutans on their cell phones.

I say look at the bigger picture. All the self-driving cars currently on the road learn from one another, and each car now collectively possesses 40 years of driving experience. And this technology is still in its infancy.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Limiti di traffico e d’utilità

L’altro giorno, preparando la valigia per il rientro in Italia per le vacanze natalizie, mi sono accorto che non ho idea di che fine abbia fatto la mia (nano)SIM della Tre. Non la uso da mesi, da quando per università mi sono spostato in Inghilterra. Pazienza, mi sono detto: terrò il numero inglese su terra italica per due settimane. Speriamo sia una cosa fattibile, mi sono detto. Il mio numero inglese appartiene a Three UK, alla quale do £15 mensili, circa 19 euro. Senza contratto: se voglio posso smettere domani di pagare. In cambio ottengo un numero di SMS consistente e intonso (per via di iMessage e WhatsApp), più 500 minuti di chiamate di cui non necessito (uso lo smartphone per tutto, tranne che per chiamare) e una cosa di cui invece sento gran necessità: internet illimitato. Senza limiti giornalieri, senza limiti mensili. Lo specifico perché per gli operatori italiani illimitato è finito con l’essere sinonimo di “tanti GB”: illimitato, ma entro certi limiti. Giornalieri e mensili. No: con Three UK ho internet illimitato, non una versione all’acqua di rose dello stesso. Oltretutto, quando disponibile, si allaccia a rete 4G senza costi aggiuntivi — gratuitamente. Quel numero l’ho fatto due anni fa in un aeroporto, da un distributore automatico, mentre aspettavo la valigia. Stava di fianco a un altro distributore, di bevande: con la stessa facilità e rapidità con cui scelsi cosa bere mi scelsi anche l’operatore — meno di un minuto per un numero di telefono. Perché da nessun altra parte esiste che ti venga richiesta e archiviata la sequenza del DNA per un numero di telefono.

Un piccolo riepilogo dei miei spostamenti ora, per capire dove sto andando con questo post. Due anni fa ero in Inghilterra, poi l’anno scorso sono tornato in Italia, e quest’anno mi trovo di nuovo in Inghilterra. Traduzione: internet illimitato, poi internet limitato a pochi GB mensili, poi di nuovo internet illimitato. Due anni fa ho scoperto che in certe parti del mondo internet illimitato su rete mobile non solo esiste, ma è pure disponibile a prezzo accessibile. Poi sono tornato in Italia e mi sono disperato, e mi sono ricordato di quant’è triste la vita con internet limitato: una lunga e tribolata ricerca mi ha confermato che un abbonamento a prezzo non esorbitante e quantità decente di traffico dati da rete mobile non esiste. Sembra sia concepibile solo per i clienti business. Fallimento. Il meglio che riuscii a trovare fu Tre, 3 GB. Oggi vedo che Tre offre Web senza limiti, ma in realtà con limiti: 500MB giornalieri, 15GB mensili. Lo specificano più sotto nella pagina web dell’offerta: i limiti che non esistono sono di tempo. Ma che bravi.

Ciò che ho avuto modo di notare — passando da internet limitato a illimitato, e poi essendo stato costretto a tornare al primo — è quanto vari l’esperienza d’uso di un iPhone a seconda del tipo di connessione. Dopo avere provato internet illimitato, tornare al primo mi ha riportato alla memoria i tempi di quanto si doveva spegnere il modem, altrimenti la bolletta saliva. È anche la differenza fra l’avere una linea normale e affidarsi a una chiavetta. La seconda è limitante, la prima apre molte possibilità — cambia le regole del gioco. Così come il nostro uso di internet è cambiato con l’arrivo di connessioni illimitate (a casa), aprendo nuove possibilità e creando nuovi servizi, l’arrivo di una connessione senza limiti di traffico su mobile cambierà l’uso che faremo degli smartphone stessi. Ma perché ciò avvenga non basterà fare un pochettino meglio, non basterà dare uno o due GB in più al mese: ne servono infiniti. Serve che non ci sia più un limite su quanto possiamo scaricare da mobile.

C’è stato un aumento dell’utilità dell’iPhone, e un cambiamento nell’uso che ne faccio. Non ho più alcuna canzone archiviata in locale: solo Spotify. Certe mattine, dal bus, guardo un episodio di una qualche serie tv su Netflix. Le applicazioni mi si aggiornano ovunque. Se un podcast che seguo pubblica un episodio mentre sono in giro posso ascoltarlo subito, in streaming, senza preoccuparmi. Backup ovunque. Uso Skype senza problemi. Posso aprire qualsiasi link — anche video di YouTube di diversi minuti. Chiamo con FaceTime, in giro per la città. Praticamente non faccio mai — mai — una chiamata normale. Se mi serve il MacBook Air posso trasformare l’iPhone in un hotspot senza crucciarmi di quanto traffico dati mi resterà a disposizione. Posso arrivare a casa senza dover subito attivare il WiFi: che tanto non fa più alcuna differenza. Da metà Ottobre ho consumato circa 25GB da rete mobile. Oltretutto, siccome Three UK offre 4G gratuitamente, la connessione è anche velocissima.

Quello che poi ho scoperto — come conseguenza dell’aver perso la mia SIM italiana della Tre — è che Three UK offre un’opzione simile al nostro all’estero come a casa: se ti trovi in un Paese in cui c’è H3G come operatore puoi usufruire delle tue tariffe e del tuo piano dati come fossi nel Paese a cui il tuo numero appartiene. In questo caso un limite c’è, ma è fissato a 25GB mensili: molto più di quanto qualsiasi operatore italiano offra a quel costo. Da quando sono qua ho scaricato circa 645MB, in roaming. Il paradosso, insomma: è più conveniente andare su internet in Italia con un operatore estero, in roaming, che con una qualsiasi altra offerta di un qualsiasi altro operatore italiano.

PERMALINK 9 COMMENTI TWEET

Quali notizie vengono bloccate in Cina

Pro Publica sta tracciando quando le homepage di alcune delle principali fonti di informazione (BBC, New York Times, WSJ, etc.) vengono bloccate in Cina. Il grafico a questa pagina mostra quando queste risultavano inaccessibili, e quali notizie erano presenti in prima pagina in quel momento.

(La censura online, in Cina, potrebbe essere più selettiva di quanto ipotizzato)

PERMALINK COMMENTA TWEET

‘Skype Translator è la cosa più futuristica che abbia mai usato’

Secondo Peter Bright di Arstechnica sembra provenire da un film di fantascienza. Peter ha provato ad avere una conversazione con uno spagnolo: Peter parlava inglese, quest’ultimo lo spagnolo. Skype trascriveva quanto detto da entrambi, traduceva e poi — con un leggero ritardo — leggeva la frase tradotta.

Intellectually, I understand that all the different parts have been done before—Microsoft has shipped speech-to-text and text-to-speech technology for the better part of 20 years now, and robotranslation of Web content is relatively commonplace, if a little haphazard. But tying these pieces together has turned them into something magical and awe-inspiring.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Una guida ai peggiori attacchi informatici del 2014

Un’infografica molto chiara su cosa è stato esposto, qual è stata la reazione del mercato azionario e quanti dati sono stati rubati.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Il divario prima culturale, poi digitale, italiano

CIT.

Il numero di cittadini che si collega quotidiamente a Internet in Italia oggi secondo Eurostat è il 58%. Si tratta di un dato importante perché esprime prevalentemente il divario culturale rispetto a quello infrastrutturale. In un Paese come l’Italia che ha connettività paragonabile a quella di molti altri paesi europei, quei 4 cittadini su 10 che non usano Internet o la utilizzano in maniera saltuaria, sono uno dei principale ostacoli alle mille cose che si potrebbero fare attraverso la Rete per lo sviluppo del Paese. Italiani che odiano internet, Massimo Mantellini

PERMALINK COMMENTA TWEET

Ulysses arriverà su iPad

Ulysses arriverà su iPad, non si sa molto altro al riguardo per adesso ma è un’ottima notizia. Su Mac la uso da tempo per strutturare gli articoli un po’ più lunghi di questo blog, e per le cose che devo scrivere per l’università. Uno strumento indispensabile per scrittori, blogger, studenti — chiunque abbia bisogno di scrivere e di un posto in cui organizzare i pensieri.

PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

Una bugia confortante

Due cose interessanti da questo pezzo sullo scheumorfismo. La prima: lo scheumorfismo non è un fenomeno recente, ma esiste da sempre:

Skeuomorphs have been around approximately forever. Ancient Greek temples have marble columns with square bits at the top and bottom; those are only there to echo the shape of older wooden columns. The wood columns needed load-spreaders to stop the end grain from splitting. The stone columns don’t, but it became a tradition.

La seconda: a volte il design scheumorfico è necessario e essenziale per un buon design. È il caso del Comfort noise, il rumore di fondo che gli operatori inseriscono quando in una chiamata uno dei due interlocutori smette di parlare: il rumore che sentiamo è artificiale, prodotto e inserito volontariamente perché il silenzio improvviso ci fa pensare a un errore di comunicazione, a un problema con la linea:

Comfort noise is a fake hiss that your mobile phone, your VoIP phone, your corporate digital phone system, whatever, creates to mask the silences between talkspurts. That hiss isn’t actually coming down the line, from some analogue amplifier and hundreds of kilometres of copper; it’s created independently at each end by kindly computers.

PERMALINK COMMENTA TWEET

La terribile ricerca dell’App Store

Trovare un’applicazione affidandosi esclusivamente all’App Store è pressoché impossibile: la funzione di ricerca restituisce frequentemente risultati che lasciano a desiderare, rivelandosi poco efficace e precisa. Google spesso funziona meglio della ricerca interna all’App Store.

Ged Maheux ha provato mettendo “Twitter” come parola chiave: l’applicazione ufficiale è al primo posto, seguita da cose che non c’entrano nulla fino ad arrivare, in ventesima posizione, a Hootsuite. Con il risultato che un utente poco esperto ha basse probabilità di inciampare in Tweetbot o Twitterrific, prodotti di sviluppatori indipendenti.

PERMALINK COMMENTA TWEET

App Santa: applicazioni belle ad un prezzo ridotto

Fino al 26 Dicembre potete acquistare alcune bellissime applicazioni ad un prezzo scontato, grazie a App Santa: un’iniziativa che raccoglie e promuove le applicazioni di diversi sviluppatori indipendenti.

Fra quelle scontata si trova (anche se mi sembra strano ci sia qualcuno che segue questo blog e già non le abbia): Tweetbot, Clear, MindNode, Soulver, Launch Centre, Terminology, Next, Deliveries, Draft 4, Day One, Manual, PDF Expert e TextExpander.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Newsletter, Linklog & Membership

Dopo aver rifatto il template del blog sto mettendo mano a altre parti del blog. Il Linklog è il posto in cui da adesso vanno a finire i link extra, applicazioni e articoli interessanti, che ho letto e apprezzato. Nel mio piccolo tentativo di invogliare a sottoscrivere una membership — oppure regalatela per Natale ai parenti, nonni e zii: è apprezzatissima. Credo. —, e supportare questo blog, i visitatori non-membri del sito hanno accesso solamente ai 10 link più recenti, i quali riconducono tutti alla medesima pagina: una pagina interna a Bicycle Mind, non al link di destinazione (che comunque chi vuole può trovare facilmente copiandone & incollandone il titolo su Google). Al contrario, gli iscritti alla membership hanno accesso a un archivio mensile dei link, funzionanti.

L’altra piccola notizia noiosa riguarda la newsletter. Quella giornaliera è ferma da una settimana, perché stava andando abbandonata a se stessa. È dunque probabile che la newsletter settimanale finisca con l’inglobare quella giornaliera e si arricchisca con quei link sopra menzionati, alcune righe di commento o riassunto. Non ne ho idea, ma questa è la ragione per cui negli ultimi 7 giorni non è stata inviata.

PERMALINK COMMENTA TWEET

“Che ora è?” “È verde”

Nel momento in cui scrivo sono le 17:54:04, ed è verde. “What colour is it?” è una pagina che trasforma la data in un colore (utilizzandola come codice hex del colore stesso).

PERMALINK COMMENTA TWEET

Le porcherie contro Google News

È di pochi giorni fa l’annunciata chiusura di Google News in Spagna, a seguito di una nuova legge che costringerà Google a pagare una tassa per indicizzare gli articoli di un quotidiano. Un piccolo obolo per ogni articolo.

Ma Google News non ha alcuna pubblicità al suo interno (così da evitare le critiche che comunque gli sono state rivolte), è un aggregatore che riporta poche righe del testo originale (in linea i diritti di citazione che permettono anche a me di riprendere il paragrafo di un pezzo del New York Times) e il loro corrispettivo titolo, che a sua volta rimanda alla fonte originale. È insomma — come scrive Mantellini — una lunga lista di link e “una porcheria senza scusanti“.

Il perché lo dice Mantellini:

[La ragione per cui] L’attacco a Google News è una porcheria ributtante è che attaccare gli estratti, le citazioni, i link, trovando magari un giudice stupido che ti dà ragione come è accaduto in Spagna, è un attacco frontale non solo a Google ma anche all’architettura di rete e ai diritti dei cittadini. È un attacco proditorio e insensato modello bambino-acqua sporca, perché tutte le normative sul diritto d’autore proteggono il diritto di chiunque di estrarre un titolo o due righe da un testo per citarle ad altri, sia che questi siano liberamente disponibili sia che siano protetti da un paywall ad accesso milionario. E questo, per fortuna, da prima di Internet. Ed è un attacco al cuore stesso della rete perché coinvolge il diritto di collegare i propri scritti ed i propri pensieri in rete a quelli di qualcun altro senza dover chiedere permesso. […]

Da quando esiste Internet ogni tanto qualcuno prova a rendersi ridicolo invocando il proprio diritto a non essere linkato senza preventiva autorizzazione o, come nella variante iberica del delirio editoriale, previo pagamento di una somma per la citazione di due righe del prezioso testo: se rimaniamo dentro il microcosmo del contenzioso editoriale la faccenda la si potrebbe ricondurre al comparto psichiatrico delle liti temerarie. Ma così non è: la difesa strenua e a prescindere dei diritti editoriali nel caso di Google News mette in pericolo – seppur in maniera caricaturale – l’essenza stessa della libera espressione dei pensiero e la logica stessa della condivisione delle informazioni in rete.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Tab Snooze: rimandare le tab a un altro giorno

Applicazione

Tab Snooze: rimandare le tab a un altro giorno

Tab Snooze è un’estensione per Chrome che imita il comportamento di Mailbox, applicandolo alle tab del browser. È così possibile rimandare una tab a più tardi (sera, o pomeriggio), spostarla nel weekend o a qualsiasi data preferita.

Io al momento ho più di 30 tab aperte, in tre differenti desktop: una cosa così per Safari mi tornerebbe infinitamente utile.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Il complesso di Frankenstein

Nell’immaginario comune i robot sono una minaccia, nei media e nei film. Non per le conseguenze che potrebbero avere — ad esempio sul lavoro a causa dell’automazione — quanto perché li immaginiamo simili a noi, e per questo potenzialmente capaci di ribellarsi. Una ribellione che ha impossibilità di attuarsi nei robot odierni: semplicemente perché non siamo ancora in grado di costruire un computer cosciente.

Per questo trovo rassicurante, e bellissimo, questo articolo di Om Malik — in cui Om cita il complesso di Frankenstein di Asimov:

Isaac Asimov dubbed our expectations and the resulting fear “the Frankenstein complex”:a fear of artificial human beings. In fiction and in movies, our exposure to robotics has been that drones/HAL/Terminator/RoboCop will replace humanity. And yet while Kiva’s robots and Roomba replace many human functions, they are nowhere near as threatening as those humanlike contraptions we associate with the word “robot.” They are doing what robots are supposed to do: repetitive jobs that humans don’t want. I wonder if the media portrayal of robots might be the core reason why we are so uncomfortable with the idea of robots

Il complesso di Frankenstein, spiegato da Treccani:

Dunque il robot come incarnazione della tecnologia che sfugge al controllo del suo creatore? Non dopo Asimov che, con le sue tre leggi, trasformò i robot in macchine d’uso comune. “Lo dipinsi [il robot] come una creatura assolutamente innocua, intesa a svolgere il lavoro per il quale era stata progettata. Incapace di nuocere all’uomo, eppure oggetto di soprusi da parte degli esseri umani che, afflitti da un ‘complesso di Frankenstein’ [.], si ostinavano a considerare quelle povere macchine come creature pericolose” (ibidem).

Il cambiamento d’orizzonte narrativo operato da Asimov trasforma il robot dal prodotto di una ybris, che giocoforza necessita della sua nemesis, a simbolo pacifico ma emblematico che obbliga l’uomo a confrontarsi con il proprio futuro, riconsiderando se stesso e le sue categorie mentali. Tema, questo, fondante di tutta la fantascienza post-asimoviana.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Non ne hai avuto abbastanza?

Leggi altri post