I template sono facili da cambiare, il contenuto non tanto

Un buon promemoria da Chris Coyer, di CSS Tricks:

There are two kinds of HTML:

  • HTML that makes up templates
  • HTML that is content

I feel like some discussions about HTML are clouded by not making this distinction. […]

It’s not impossible to change content, but it’s likely much harder and more dangerous.

Websites can last a long time. Content tends to grow and grow. For instance on CSS-Tricks there are 2,260 Posts and 1,369 Pages. Over the years I’ve sprinkled in classes here and there to do certain stylistic things and over time I always regret it.

PERMALINK COMMENTA

❤️ Articoli consigliati

Navigare sul web nel 2016

Da un tweet di @gordypls:

  1. Apri sito
  2. Rifiuta richiesta di iscrizione a newsletter
  3. Chiudi e accetta l’informativa sull’uso dei cookie
  4. Blocca la richiesta di invio notifiche
  5. Blocca la richiesta di geolocalizzazione
  6. Rinuncia

Se avete un ad-blocker installato, c’è anche un altro passo da compiere per quei fantastici siti come Wired (questo è l’unico avviso che potreste, un giorno, trovare su Bicycle Mind).

PERMALINK 1 COMMENTO

Le nuove reazioni di Facebook sono più limitanti del bottone like?

Interessante articolo di Slate sulle nuove reactions di Facebook (le aggiunte recenti al bottone like):

The new reactions aren’t designed to help users express how they really feel. They function more like patches for all those times when a like seems insufficient or inappropriate. […]

Facebook’s limited set of responses feels strangely more constricting than the solitary like button. The Facebook like, the Instagram heart, and the Twitter fave (recently rebranded as a like, too) are all just sunny euphemisms for a gesture of generalized acknowledgement. The like button was a nod. It said: “I see you.” Maybe it was meant to mean “I like the content of this post,” but it often felt like “I like you.” But the additional responses complicate that reading. Now a simple like risks feeling like: “I like this, but I don’t love it.” Or: “I acknowledge you’ve made a joke, but I won’t pretend it made me laugh.” Or “I know I have the option to signal that I’m sad about your dog dying, but I’m inconsiderate or dastardly enough to just like it anyway.”

Il thumbs down pare sia stato scartato perché ambiguo: cos’è che non ti è piaciuto, il post dell’utente o l’argomento che il post tratta?

 

PERMALINK 1 COMMENTO

Perché Facebook ha espanso il like

Il Product Designer di Facebook ha raccontato, su Co.Design, come sono arrivati a realizzare il nuovo bottone like — e quali riflessioni ci sono state dietro. Hanno, per esempio, analizzato i commenti brevi — di una parola o due — più popolari:

We also took an anonymized global sample of commonly used, short comments. These gave us some of the specific language that people use to express themselves, and helped us understand more fully the context in which people use these types of comments.

PERMALINK COMMENTA

‘Slack: non andiamo più d’accordo’

Samuel Hulick ha delle buone ragioni per non utilizzare Slack. Personalmente lo apprezzo, ma a volte mi accorgo — usandolo per lavoro — che è utilizzato impropriamente e può risultare più impegnativo delle email:

Everything is scattered, and the mental load that comes with it is real. Linda Stone calls this perpetual, shallow quasi-presence “continuous partial attention”, and this makes each conversational thread, almost by definition, a loose one.

This isn’t so bad in the real world, where conversations have nuance and substance and context. With you, though, everything has roughly the same weight, so I find myself having to mentally maintain tabs on all my chats, be they consequential or not.

PERMALINK 2 COMMENTI

Supporta Bicycle Mind — se ti piace, ovvio, eh — così: acquistando su Amazon (partendo da qua), abbonandoti alla membership o con una donazione. Leggi di più

Come sta andando Apple Music Connect?

Better Elevation:

Imagine a social network where you can’t see how many followers you have, can’t contact any of them directly, can’t tell how effective your posts are, can’t easily follow others, and can’t even change your avatar.

Welcome to Apple Music Connect.

Apple Music Connect, il successore di Ping, è un flop quanto Ping. In generale Apple Music è davvero una cosa brutta.

PERMALINK COMMENTA

Spingere o tirare?

Video

Spingere o tirare?

Una bella intervista a Don Norman, autore di “La caffettiera del masochista“, sull’usabilità degli oggetti quotidiani.

PERMALINK COMMENTA

Apple presenterà un iPad Pro con schermo più piccolo a Marzo

O, per metterla in altri termini, il successore dell’iPad Air correntemente in vendita sarà un iPad Pro con schermo più piccolo.

Mark Gurman:

The new 9.7-inch iPad Pro will debut at Apple’s Tuesday, March 15th event and begin shipping as soon as March 18th, we previously reported. The smaller iPad Pro will have nearly identical features and specifications as the bigger model, bringing along the A9X processor and RAM upgrades from the 12.9-inch model. It will also include the 12.9-inch model’s updated display technology to support the Apple Pencil.

PERMALINK COMMENTA

Le conseguenze che il caso FBI e Apple potrebbe avere sull’internet delle cose

Farhad Manjoo:

Consider all the technologies we think we want — not just better and more useful phones, but cars that drive themselves, smart assistants you control through voice, or household appliances that you can monitor and manage from afar. Many will have cameras, microphones and sensors gathering more data, and an ever-more-sophisticated mining effort to make sense of it all. Everyday devices will be recording and analyzing your every utterance and action. […]

But if Apple is forced to break its own security to get inside a phone that it had promised users was inviolable, the supposed safety of the always-watching future starts to fall apart. If every device can monitor you, and if they can all be tapped by law enforcement officials under court order, can anyone ever have a truly private conversation? Are we building a world in which there’s no longer any room for keeping secrets?

“This case can’t be a one-time deal,” said Neil Richards, a professor at the Washington University School of Law. “This is about the future.”

PERMALINK 1 COMMENTO

La recensione del System 1

Dan Vanderkam, nel 1998, recensendo il primo sistema operativo Macintosh:

One of the things that we take for granted nowadays is the fact that most fonts are smooth at any size, and are extra-smooth when printed. Few people realize just what a long history this fact has however. In fact, none of the six fonts that shipped with the original mac looked good in more than six sizes. As you can see from the picture of Microsoft Works 2.0, it just looked bitmapped at any other size (the logo at the top of this page is another example).

(via 512pixels)

PERMALINK 1 COMMENTO

Atlas cammina

Video

Atlas cammina

Boston Dynamics (di Google (di Alphabet)) ha aggiornato Atlas, il suo robot umanoide. Ora cammina e cammina pure sulla neve senza cascare, apre porte e esce e entra come gli pare e piace, sposta oggetti anche pesanti e si rialza in piedi se lo spingete violentemente a terra.

Aiuto.

PERMALINK 1 COMMENTO

Tumblr, il social network su cui sfogarsi

Il New Republic ha un bel pezzo su come i ragazzi usano Tumblr. Contrariamente agli altri social network, Tumblr è solitamente anonimo: uno non rivela di avere un Tumblr, ma lo apre di nascosto ai propri amici.

Mentre su Instagr.am si mostra la parte migliore di se stessi — ignorando gli episodi negativi — su Tumblr si può, anonimamente, raccontarsi — senza preoccuparsi dell’impatto che ciò avrà sulla propria immagine:

Each social media network creates a particular kind of teenage star: Those blessed with early-onset hotness are drawn to YouTube, the fashionable and seemingly wealthy post to Instagram, the most charismatic actors, dancers, and comedians thrive on Vine. On Facebook, every link you share and photo you post is a statement of your identity. Tumblr is the social network that, based on my reporting, is seen by teens as the most uncool. A telling post from 2014: “I picked joining Tumblr and staying active on here because: 1. I’m not attractive enough to be a Youtuber 2. Not popular enough for twitter 3. Facebook is dumb.” You don’t tell people your Tumblr URL, you aren’t logging the banalities of your day—you aren’t even you. On Tumblr, you can revel in anonymity, say whatever you want without fear of it going on your permanent record.

PERMALINK 1 COMMENTO

Una ragione in più per evitare, quando possibile, il Mac App Store

Una delle ragioni per cui scelgo di acquistare il software dallo store dello sviluppatore, se possibile, è che frequentemente varie app a caso acquistate dal Mac App Store mi chiedono di ri-autenticarmi. Nell’ultima settimana:

La cosa è fastidiosissima. E non è vero che sono state acquistate da un altro computer, come declamano questi avvisi.

PERMALINK 2 COMMENTI

Il nuovo pensare differente di Apple

Mantellini:

La scelta di Tim Cook mi pare abbia due caratteristiche interessanti. La prima è che non è recentissima. È stata ingegnerizzata (per scrivere software ci vuole tempo) almeno un paio di anni fa e resa pubblica a settembre 2014 con la presentazione di iOS 8. E quando è stata presa una simile decisione di irrobustire le difese crittografiche dei prodotti Apple? Semplice: appena ci si è resi conto – grazie alle rivelazioni di Edward Snowden – che il governo USA attraverso la sua Agenzia per la Sicurezza Nazionale aveva rubato o era in grado di rubare tutti i dati contenuti in tutti i telefoni Apple in tutto il pianeta. In quei giorni avevamo realizzato di essere finalmente tutti uguali: tutti potenziali terroristi dentro un gigantesco database pienissimo di informazioni irrilevanti e nostre.

La seconda caratteristica che mi pare degna di nota è che quella di Apple non è la semplice reazione dell’amante tradito ma una strategia di lungo periodo, l’unica possibile per mantenere il proprio rapporto fiduciario con la clientela. L’idea secondo la quale backdoor di Stato introdotte nei sistemi operativi dei nostri telefoni (che sono ormai parti pulsanti fra le più importanti della nostra vita di relazione) siano lecite e possano essere tollerate in nome della presunta autorevolezza di agenzie come NSA (o peggio delle prerogative di tecnocontrollo di decine di regimi sanguinari in tutto il pianeta) è talmente naïve da poter convincere forse alcuni commentatori occasionali ma per il resto del tutto priva di senso. Le implicazioni a cascata di simili scelte, dentro l’attuale era della sorveglianza, sono talmente tante e talmente rapide da scardinare qualsiasi modello di business legato alla comunicazione e questo in nome di una presunta sicurezza tutta da verificare e già mille volte smentita dai fatti, dalle Torri Gemelle fino ad oggi.

PERMALINK COMMENTA

Come sarebbe stato l’App Store negli anni 80

Immagine

Come sarebbe stato l’App Store negli anni 80

Bellissimo, e funziona pure.

PERMALINK COMMENTA

Il passaggio che il NYT ha rimosso dal suo articolo sull’FBI e Apple

Per qualche ragione, il New York Times ha rimosso uno dei passaggi più importanti dalla sua storia sull’FBI e Apple (qui il riassunto di Bicycle Mind): quello riguardo le conseguenze che l’inserimento di una back door avrebbe per altri Paesi fuori dagli Stati Uniti. In particolar modo, scriveva il New York Times, la Cina è particolarmente interessata all’esito di questa vicenda — se si concludesse a favore dell’FBI potrebbe a sua volta avanzare richieste simili.

Il passaggio è questo:

China is watching the dispute closely. Analysts say the Chinese government does take cues from United States when it comes to encryption regulations, and that it would most likely demand that multinational companies provide accommodations similar to those in United States.

Last year, Beijing backed off several proposals that would have mandated that foreign firms providing encryption keys for devices sold in China after heavy pressure from foreign trade groups.

“… a push from American law enforcement agencies to unlock iPhones would embolden Beijing to demand the same.”

(via @Snowden)

PERMALINK COMMENTA

Non riguarda un singolo iPhone

Un riassunto per capire meglio la vicenda FBI/Apple. Prima di iniziare, però, una citazione di Bruche Schneier:

In generale, la privacy è qualcosa che le persone tendono a sottovalutare finché non ce l’hanno più. Argomenti come “io non ho nulla da nascondere” sono comuni, ma non sono davvero validi. Chi vive in un regime di costante sorveglianza sa che la privacy non è avere qualcosa da nascondere. Riguarda la propria individualità e la propria autonomia personale. Riguarda l’essere in grado di decidere cosa rivelare di se stessi e in quali termini. Riguarda l’essere liberi come individuo, senza essere costretti a giustificarsi continuamente a qualcuno che ci osserva.


L’FBI vuole accedere a dei dati contenuti dentro l’iPhone 5c di Syed Rizwan Farouk, uno degli attentatori di San Bernardino. Questi dati — messaggi, foto, etc.; cifrati — non sono stati salvati su iCloud ma si trovano dentro l’iPhone. Apple ha già dato accesso all’FBI ai dati che si trovavano su iCloud ma l’FBI ha avuto problemi a bypassare le misure di sicurezza dell’iPhone e, di conseguenza, ad accedere ai dati che risiedono solo sul device in questione.

Per accedere ai dati di un iPhone 5c sono necessari “solo” due ingredienti: il passcode dell’utente e il codice del device. A complicare le cose sono le misure di sicurezza adottate da Apple: il fatto che i dati vengano cancellati dopo 10 tentativi, o che fra un tentativo e l’altro sia necessario aspettare 5 secondi. Ci vorrebbero dunque anni per l’FBI a indovinare il codice tramite brute force (provando ogni possibile combinazione del codice).

L’iPhone in questione è un 5c, quindi senza Secure Enclave. Come spiega Ben Thompson, la Secure Enclave è un chip A7 che agisce come computer indipendente, con un proprio sistema operativo, che renderebbe molto più complesso l’accesso ai dati. Nel caso di un iPhone 6s, dotato di Secure Enclave, sarebbero necessari tre ingredienti per decrittografare i dati: la chiave del device, il passcode dell’utente e una chiave casuale, generata dalla Secure Enclave, sconosciuta a Apple stessa. Se l’attentatore avesse avuto un iPhone 6s o uno qualsiasi degli iPhone più recenti, sarebbe stato impossibile per Apple cooperare con l’FBI — anche se avesse voluto — se non inserendo una backdoor ancora più insicura e terrificante nel sistema operativo: una chiave fissa e unica. Si può fare, però, e il pericolo principale è che l’FBI sfrutti questo caso come precedente — per chiedere un qualcosa di ancora più insicuro.


L’FBI, dunque, come spiega Fabio Chiusi, vuole tre cose da Apple:

  1. Rimuovere o disabilitare la funzione di auto-distruzione dei contenuti.
  2. Consentire all’FBI di provare a inserire la password corretta (in sostanza, abilitare tentativi infiniti di trovarla, una tecnica detta “brute force”).
  3. Garantire che non ci siano le attese (delay) tra un tentativo e l’altro attualmente previste da iOS, a meno di quelle necessarie al funzionamento dell’hardware.

L’FBI chiede a Apple di disabilitare la funzione che elimina tutti i dati di un iPhone dopo dieci tentativi di accesso falliti — in modo da poter provare tutte le combinazioni possibili e accedere al device tramite brute force. Apple non può semplicemente disabilitare la funzionalità: solo l’utente (che l’ha attivata) può farlo. Affinché questa misura di sicurezza possa essere bypassata, è necessario che Apple scriva un software che sia in grado di disabilitare una delle funzionalità di sicurezza di iOS.

Il che significa — punto e basta, senza sfumature — creare una backdoor. La Casa Bianca si è difesa spiegando che in realtà vuole l’accesso a un solo, singolo, device — l’iPhone 5c in questione — ma Cook è stato ben chiaro: non è così semplice.

Il governo suggerisce che questo strumento potrebbe essere usato solo una volta, su unico telefono. Ma è semplicemente falso. Una volta creata, la stessa tecnica potrebbe essere usata ancora e ancora, su un qualunque numero di device. Nel mondo fisico, sarebbe l’equivalente di un passe-partout, in grado di aprire centinaia di milioni di lucchetti – di ristorante e banche, negozi e case. Nessuna persona ragionevole lo accetterebbe.

Una volta che Apple sviluppa questo software, crea un precedente e lo rende disponibile a qualsiasi soggetto e situazione. Rende tutti gli iPhone — di tutti i cittadini — insicuri. Potenzialmente un qualsiasi hacker potrebbe sfruttare questa falla per ottenere i dati di un qualsiasi altro utente. Non solo: un governo meno democratico potrebbe a sua volta sfruttare questa porta ai dati dei cittadini. Quando si trattano questi temi bisogna sempre ricordarsi che le misure che prendiamo dalle nostre parti hanno ripercussioni in luoghi meno liberi del pianeta.


La Electronic Frontier Foundation (nota a margine: è il momento di fare una donazione a loro se non l’avete mai fatto — io ho impostato a inizio anno una donazione ricorrente di $10. Vi mandano pure a casa una bellissima maglietta, per ringraziarvi) è intervenuta a sostegno di Apple:

Supportiamo Apple perché il governo sta chiedendo più di un semplice aiuto da parte di Apple. Per la prima volta, il governo sta chiedendo a Apple di scrivere un nuovo codice che elimina le funzioni di base di sicurezza dell’iPhone — funzioni che proteggono tutti noi. Essenzialmente, il governo sta chiedendo a Apple di creare una master key così che possa accedere a un singolo telefono. Una volta che questa chiave esiste, siamo certi che il governo chiederà di farne uso ancora e ancora, per altri telefoni, e utilizzerà questo precedente contro qualsiasi altro software o device che decida di offrire una protezione maggiore.


(Nota a margine numero due: quello che scrive Beppe Severgnigni questa mattina sul Corriere è uno schifo. Non ha senso, e dimostra che non ne capisce nulla di come funziona tecnicamente la crittografia. È approssimativo — crea disinformazione e danni attorno a un argomento già poco chiaro e complesso per il cittadino comune, spesso affrontato con disinteresse perché liquidato con un “ma io non ho nulla da nascondere”.)


Tutto ciò non ha a che fare con l’iPhone 5c in questione. Come la vicenda dell’NSA e di Snowden dovrebbe aver insegnato, l’FBI sta utilizzando il terrorismo come scusa per potere accedere ai dati di chiunque quando gli pare e piace, quando ritengono necessario.

Apple si trova in una posizione unica rispetto alle altre aziende tecnologiche di simili dimensioni: il suo business model non dipende minimamente dai dati degli utenti e per questo può lottare per lasciarli a chi appartengono. La risposta del CEO di Google è — in confronto — debole: piena di could (e fornita via twitter…???).


La crittografia va difesa anche se a farne uso sono anche i terroristi. L’anche, in quella frase, è importante: perché la crittografia giova innanzitutto noi, i cittadini.

Anche se Apple venisse costretta a inserire una backdoor nell’iPhone un’organizzazione terroristica troverebbe (o potrebbe sviluppare) alternative per comunicare in sicurezza. Così facendo, il cittadino normale ci rimetterebbe senza alcun vantaggio per la sicurezza generale.

Come spiega Dan Gillmor:

Un giorno si potrebbe venire a sapere che un terrorista ha usato sistemi potenti di criptaggio, e la risposta giusta sarebbe: “Sì, lo ha fatto, ma dobbiamo comunque proteggere questi sistemi di criptaggio, perché indebolirli peggiorerebbe soltanto le cose.” Perché? Perché il criptaggio è davvero una questione semplice, non importa quanto funzionari legislativi desiderosi di diffondere la paura o politici codardi e ostinatamente ignoranti vadano sbandierando sul bisogno di backdoor nelle comunicazioni protette. La scelta è fondamentalmente binaria per molti esperti in materia. Non si possono alterare i sistemi di criptaggio in maniera significativa senza renderci tutti meno sicuri, perché i cattivi poi sfrutteranno le vulnerabilità introdotte nel processo. Non è una questione di sicurezza verso privacy, come gli esperti hanno spiegato ormai innumerevoli volte, è una questione di sicurezza contro sicurezza.

PERMALINK 4 COMMENTI

Tim Cook: ‘Il governo ci sta chiedendo di compromettere la sicurezza dei nostri utenti’

Tim Cook ha scritto una lettera dura e giusta ai consumatori, per spiegare cosa comporta la richiesta del governo americano di inserire una backdoor in iOS:

The United States government has demanded that Apple take an unprecedented step which threatens the security of our customers. We oppose this order, which has implications far beyond the legal case at hand.

This moment calls for public discussion, and we want our customers and people around the country to understand what is at stake.

Da rileggere, per l’occasione: “Perché Apple difende la crittografia“.

PERMALINK COMMENTA

Quando rivivere il momento non è piacevole

Leigh Alexander su quella funzionalità di Facebook che una volta al giorno ti ricorda cosa ti è successo uno, due, tre o più anni fa nella stessa giornata:

Part of the palpable dissonance comes from the fact that many of our posts were never intended to become “memories” in the first place. An important question gets raised here: what’s the purpose of all this “content” we serve to platforms, if it’s useless in constructing a remotely valuable history of ourselves? Are we creating anything that’s built to last, that’s worth reflecting on, or have social media platforms led us to prize only the thoughts of the moment? […]

We generally think of social media as a tool to make grand announcements and to document important times, but just as often – if not more – it’s just a tin can phone, an avenue by which to toss banal witterings into an uncaring universe. Rather, it’s a form of thinking out loud, of asserting a moment for ourselves on to the noisy face of the world.

PERMALINK 1 COMMENTO

Quanto conta fare 10.000 passi al giorno?

Siccome grazie a Apple Watch, iPhone, Fitbit, etc. ci è venuta un po’ a tutti la fissa dei passi giornalieri, Cardiogr.am (un’applicazione che misura il battito cardiaco) ha provato ad analizzare i dati raccolti dai propri utenti cercando di capire la differenza che fa camminare rispetto ad altre attività. Non molta: conta più l’intensità  (ovviamente i dati vanno interpretati con cautela).

L’altra notizia è che so come interpretare i dati sul battito cardiaco che il mio Apple Watch raccoglie. Più o meno, potrei estinguermi prima di raggiungere pubblica con il cursore:

Your heart rate while at rest—not moving, but not necessarily sleeping—has been shown to be a strong measure of overall health. A Chinese study showed the risk of dying of any illness went down by 9% for every 10 bpm decrease in resting heart rate. If your resting heart rate is below <75bpm, your chance of sudden cardiac death is halved. Even beyond cardiovascular health, a resting heart rate of <70bpm reduces your chance of cancer.

The good news is resting heart rate is highly modifiable. Exercise strengthens the heart muscle, so that it can pump the same volume of blood with fewer strokes. Marathon runners sometimes achieve resting heart rates in the 40’s.

PERMALINK COMMENTA

Non ne hai avuto abbastanza?

Leggi altri post