La geografia della cloud

Alan Wiig:

‘The cloud’ is extremely physical and not at all ephemeral nor ‘cloudlike’. For ‘the cloud’ to function requires a distributed, interconnected system of servers, fiber-optic cables, and network equipment such as cellular antenna sites, wi-fi routers, and so on that form an digital, infrastructural geography of data, a geography of ‘the cloud’. Even though this geography is out of sight and relatively uninteresting to look at (especially compared to the bits and bytes of email, social media posts, and cat videos contained within the digital infrastructure), it is a tangible antithesis of cloud-based metaphors. […]

Data centers’ re-use of industrial-era structures ties the twenty-first century utility of ‘the cloud’ into nineteenth and twentieth century economic processes; buildings designed to hold heavy equipment or warehouse physical goods are useful for siting the heavy computer servers that hold ‘the cloud’, and inner city locations designed around proximity to a population of workers for manufacturing jobs are, today, often located close to central business districts and the needs of information-heavy, twenty-first century enterprise.

Bellissimo articolo, con immagini, su come abbiamo adattato vecchi e dismessi edifici ad ospitare i nostri dati, riutilizzato vecchie strutture — come i binari ferroviari — per portarceli. La “cloud”, la rete, è stata molto influenzata dal mondo “materiale” circostante — piccoli indizi, come dei piccoli insignificanti quadrati bianchi in alto a un palazzo, a volte la svelano.

Se ci fosse più consapevolezza della materialità della rete forse si presterebbe anche più attenzione ai problemi legati alla privacy, e all’accesso dei dati salvati; si capirebbe che un sito complesso che fornisce servizi gratuitamente non funziona per magia, gratuitamente appunto; si smetterebbe di pensare che Facebook, Google, Amazon e simili siano entità astratte, che “non possiedono nulla”.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Il web è ingrassato

Maciej Cegłowski:

Everything we do to make it harder to create a website or edit a web page, and harder to learn to code by viewing source, promotes that consumerist vision of the web. Pretending that one needs a team of professionals to put simple articles online will become a self-fulfilling prophecy. Overcomplicating the web means lifting up the ladder that used to make it possible for people to teach themselves and surprise everyone with unexpected new ideas.

Let’s preserve the web as the hypertext medium it is, the only thing of its kind in the world, and not turn it into another medium for consumption, like we have so many examples of already.

L’ultimo talk di Maciej Cegłowski1 è, come lo sono stati i precedenti talk di Maciej Cegłowski, meritevole di attenta lettura. Riguarda la corrente obesità di molti siti web principalmente testuali, siti di giornali ad esempio, dovuta a script, pubblicità invasiva, framework sopra framework, una decina di tracker, … Cose non necessarie che, oltre ad appesantirli, li complicano facendo credere che il web sia lento per natura e che serva qualcuno che l’aggiusti — Facebook e i suoi Instant Articles.

Mi piace la regola che nessuna pagina web testuale (un articolo, il post di un blog, un tweet, etc.) debba eccedere in MB le dimensioni di un’opera letteraria Russa. Regola che lo porta a criticare siti come Medium (400 parole = 1.2 megabyte) e a coniare per loro il termine “chickenshit minimalism“:

The illusion of simplicity backed by megabytes of cruft.

  1. Fondatore di Pinboard

PERMALINK COMMENTA TWEET

Facebook e la rete stupida

Mantellini:

Il problema fondamentale con le reti “stupide” come Internet è da sempre quello che simili reti, per funzionare ed avere successo, devono restare stupide. Devono essere trasparenti ai contenuti ed ai soggetti che li veicolano, devono, semplicemente, non poter far differenza fra grandi e piccoli, fra ricchi e poveri e perfino – e questo può sembrare un problema – fra buoni e cattivi. Internet funziona perché è un network stupido, perché si concentra sulle abilità in ingresso e si disinteressa del valore dei contenuti che transiteranno attraverso le sue linee.
Moltissime delle cose intelligenti che abbiamo imparato a fare negli ultimi anni sono state rese possibili dal fatto che l’architettura che ce le porta a casa è sommamente stupida. […]

Mark Zuckerberg dovrebbe sapere meglio di chiunque altro qual è il valore di un network stupido, che è poi quello stesso valore che ha fatto sì che il mondo intero riconoscesse il suo talento di studente. E se il punto del suo progetto è davvero quello di offrire ai giovani dell’Africa o dell’India le stesse possibilità che ha avuto lui, studi qualcosa di meno ambiguo e attaccabile di una serie di accordi di zero rating con questo o quell’operatore telefonico per la sua azienda e per quelle della sua lista di benefattori dell’umanità.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Le leggi della tecnologia

Non c’è solo la legge di Moore, la tecnologia è ricca di “leggi” che ne osservano e descrivono l’evoluzione, e che operano in contemporanea accelerando il ritmo dei cambiamenti:

In the field of biotechnology, advances are also exponential. In 1990 the US government set out to complete one of the most ambitious scientific projects ever undertaken — to map the human genome. They committed more than $3.5 billion, and gave themselves 14 years to complete it. Seven years in, they’d only completed 1% and were through more than half their funding. The government and sponsors started panicking. Yet by 2003, the Human Genome Project was finished ahead of schedule and $500 million under budget. This was made possible by exponential improvements in genome sequencing technology; past a certain point they started outpacing Moore’s. This kind of progress is astonishing when you think about it. It cost three billion dollars and took 13 years to sequence the first human genome. Today, it only takes a few days and costs $1000. […]

So what does it all mean? It means we need to reset our intuition. The rate of change is getting faster every day, and yet few of us have adopted this acceleration into our future expectations. Our recency bias — expecting that the future will continue in the same manner as the recent past — is more wrong than it’s ever been. Change, once incremental and predictable, now comes in massive and unexpected waves, traversing huge milestones in shorter and shorter time periods.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Quello che diventa di pubblico dominio nel 2016

Duke Center for the Public Domain:

Public Domain Day is January 1st of every year. If you live in Europe, January 1st 2016 would be the day when the works of Béla Bartók, Blind Willie Johnson, and Felix Salten enter the public domain.1 The works of Adolf Hitler will also enter the public domain, allowing a team of historians to publish a heavily annotated edition of Mein Kampf with around 3,500 academic annotations intended to “show how Hitler wove truth with half-truth and outright lie, and thus to defang any propagandistic effect while revealing Nazism.” Also entering the public domain are the works of authors and artists who tragically died in Hitler’s concentration camps, including Dietrich Bonhoeffer, Josef Čapek, and Anne Frank. This would enable projects such as the Anne Frank House museum’s expanded online version of Anne Frank’s diary, intended for release after its copyright expires. Unfortunately, this project could be under threat because the foundation that owns the copyright in the diary is attempting to prolong its copyright with a dubious legal claim.

Il Europa, le leggi sul copyright (dei libri) dicono che il copyright è valido per 70 anni dalla morte dell’autore. In America, dove il copyright continua a venire esteso, non ci sarà alcuna opera scritta che diventerà di pubblico dominio prima del 2019 — le opere che avrebbero dovuto diventare di pubblico dominio nel 2016 non lo saranno invece fino al 2055 (e oltre, se la durata venisse estesa ulteriormente).

Tutto questo limita la creatività e la creazione di opere derivate:

You would be free to use these books in your own stories, adapt them for local theater, or make them into a film. You could translate them into other languages, or create accessible Braille or audio versions.2 (If you think publishers wouldn’t object to this, you would be wrong.) You could read them online or buy cheaper print editions, because others were free to republish them. Empirical studies have shown that public domain books are less expensive, available in more editions and formats, and more likely to be in print—see here, here, and here. Imagine a digital Library of Alexandria containing all of the world’s books from 1959 and earlier, where, thanks to technology, you can search, link, annotate, copy and paste.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Supporta Bicycle Mind — se ti piace, ovvio, eh — così: acquistando su Amazon (partendo da qua), abbonandoti alla membership o con una donazione. Leggi di più

È il 2016: aggiorna il footer

Da statico a dinamico, se davvero ti tocca aggiornarlo manualmente. Lo si fa in un minuto.

PERMALINK 3 COMMENTI TWEET

Il vincitore si prende tutto

Om Malik:

In the course of nearly two decades of closely following (and writing about) Silicon Valley, I have seen products and markets go through three distinct phases. The first is when there is a new idea, product, service, or technology dreamed up by a clever person or group of people. For a brief while, that idea becomes popular, which leads to the emergence of dozens of imitators, funded in part by the venture community. Most of these companies die. When the dust settles, there are one or two or three players left standing. Rarely do you end up with true competition.

Come Google e Facebook, Uber e altre startup solo in parte tecnologiche (food delivery) stanno sfruttando l’effetto di rete, e algoritmi e dati raccolti (più persone usano un servizio -> più altre sono spinte ad usarlo -> più il servizio è in grado di migliorarsi e distaccarsi dalla competizione viste la molte di dati collezionati), per rafforzare la loro posizione dominante sul mercato — creando dei monopoli in settori che prima non ne avevano.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Si potrà inviare denaro con iMessage?

Un brevetto registrato da Apple a Dicembre fa pensare che nel prossimo iOS possa venire aggiunta un’opzione per inviare denaro tramite iMessage. I brevetti dicono e confermano poco, ma la funzionalità — vista l’esistenza di Apple Pay — sembra a me molto plausibile: sarebbe utilissimo avere un sistema integrato nell’OS per inviare facilmente denaro ai propri contatti, senza doversi pre-registrare a nulla prima di farlo.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Il ritorno di Twitter per Mac

Twitter per Mac ha inaspettatamente ricevuto un aggiornamento corposo, che aggiunge al client per Mac molte delle funzionalità della versione web (come riproduzione video inline, supporto a GIF, messaggi diretti di gruppo).  Purtroppo, però, l’applicazione non è migliorata e dopo una giornata d’uso mi pento di averla aggiornata.

La spaziatura fra i tweet è aumentata, tutto si è un po’ allargato, e la barra destra blu appare, ai miei occhi, molto poco piacevole (c’è un tema “dark” che un po’ la migliora). Ma a parte l’estetica, si comporta anche in maniera strana — è abbastanza ricca di bug al momento, alcuni decisamente fastidiosi, come frequenti notifiche doppie. La sezione delle ricerche (ne ho un paio salvate che uso giornalmente) è diventata inutilizzabile, mostrando ora solamente i trending topic (sempre futili).

Twitter per Mac non è neppure stata sviluppata da Twitter, il che dimostra quanto Twitter ci tenga al proprio client per Mac. Se non altro, mi hanno convinto a fare un acquisto che rimandavo da tempo: Tweetbot per Mac.

PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

La prima pubblicità di Slack per la televisione

Video

La prima pubblicità di Slack per la televisione

Direi riuscite. Hanno creato anche una landing page apposita, con i protagonisti dello spot.

PERMALINK COMMENTA TWEET

I miti che ci raccontiamo sull’intelligenza artificiale

Arstechnica:

There are two main problems for any brain simulator. The first is that the human brain is extraordinarily complex, with around 100 billion neurons and 1,000 trillion synaptic interconnections. None of this is digital; it depends on electrochemical signaling with inter-related timing and analogue components, the sort of molecular and biological machinery that we are only just starting to understand.

Even much simpler brains remain mysterious. The landmark success to date for Blue Brain, reported this year, has been a small 30,000 neuron section of a rat brain that replicates signals seen in living rodents. 30,000 is just a tiny fraction of a complete mammalian brain, and as the number of neurons and interconnecting synapses increases, so the simulation becomes exponentially more complex—and exponentially beyond our current technological reach.

This yawning chasm of understanding leads to the second big problem: there is no accepted theory of mind that describes what “thought” actually is.

Un post da leggere per intero. Per il futuro prossimo, credo che possiamo stare tranquilli.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

16 tesi per un mondo “mobile”

Sono passati nove anni dal primo iPhone e alcune situazioni e conseguenze della “rivoluzione mobile” sono oramai state assodate — Apple e Google dominano le due maggiori piattaforme, Facebook è completamente passato a mobile ed è chiaro che il futuro risiede su internet e mobile.

Benedict Evans propone 16 tesi da cui partire, per capire cosa succederà nel futuro prossimo:

  1. L’ecosistema tecnologico esistente ruota attorno ai dispositivi mobili. Basta vedere il numero di utenti, che è 10 volte superiore a quello dei personal computer.
  2. Mobile = Internet. Dovremmo smettere di parlare di internet mobile e internet su desktop, esattamente come non parliamo più di televisione a colori e televisione in bianco e nero. La versione mobile non è, oramai, più limitante ma offre uguali — se non maggiori — vantaggi.
  3. I dispositivi mobili non hanno nulla a che fare con le dimensioni dello schermo e i PC non sono strettamente legati alle tastiere — mobile significa ecosistema mobile e questo ecosistema assorbirà il PC. I dispositivi mobili finiranno con l’assumere sempre più dei compiti che oggi affidiamo ai computer tradizionali.
  4. Avremo per sempre bisogno di un mouse e di una tastiera, di Excel e Powerpoint, per essere produttivi? Probabilmente no. Il software si adatterà. Questi sono solamente strumenti, e ne inventeremo di nuovi.
  5. Microsoft è capitolata. In passato tutto ruotava attorno a Office e Windows.
  6. Apple e Google hanno entrambe vinto, ma è complicato.
  7. Il problema di come filtrare l’informazione è sempre più centrale. In passato tutto ruotava attorno alla ricerca e al browsing — oggi piattaforme come Facebook e soluzioni basate su AI stanno tentando di inserirsi per risolvere il problema.
  8. C’è una discussione in corso se il futuro stia nelle applicazioni o nel web. L’unica domanda da porsi è: le persone vogliono la tua icona sul loro smartphone?
  9. La fine di Netscape, e del PageRank. Per 15 anni il web è rimasto abbastanza ben definito, dal browser, dalla tastiera e dal mouse. Internet e web per la maggior parte delle persone sono stati dei sinonimi. Oggi c’è più confusione. C’è bisogno di un nuovo modo per cercare e scoprire l’informazione — per raggiungere gli utenti.
  10. I messaggi come piattaforma. WeChat ha costruito un’intera piattaforma attorno a un’applicazione per inviare messaggi, e Facebook sta facendo lo stesso con Messenger: entrambe offrono un modello alternativo all’App Store e al web, senza il problema dell’installazione. Una conseguenza importante è l’unbundling, lo spacchettamento: dei contenuti dalle applicazioni e dai siti dentro messaggi e notifiche.
  11. Il futuro incerto degli OEM di Android — di quei produttori di smartphone che fanno affidamento su Google e Android. L’OS è sempre più la via d’accesso a contenuti e servizi: chi lo controlla, controlla anche quest’ultimi.
  12. Così come i nostri nonni sarebbero stati in grado di elencarci tutti i dispositivi che possedevano dotati di un motore e noi non lo facciamo più (perché ne abbiamo troppi), oggi sappiamo quali dispositivi possediamo che si connettono alla rete ma, in un futuro, non lo sapremo più. Alcune di queste applicazioni ci sembreranno assurde — così come sarebbe potuto apparire assurdo abbassare un finestrino con un pulsante — ma verranno implementate, perché non costerà nulla e sarà comodo.
  13. Macchine che si guidano da sole. Arriveranno e cambieranno tutto: il nostro rapporto con la macchina — come la utilizziamo e chi la possiede — e le città, le strade stesse.
  14. La televisione e il salotto: sono anni che si parla di TV connessa a internet, e pare che finalmente stia per succedere.
  15. Gli smartwatch sono ancora a uno stadio embrionale, un accessorio dello smartphone.
  16. E come al solito, il futuro è diversamente distribuito: alcune persone ignorano certe tecnologie, tecnologie vecchi tornano di moda (vinili), e ogni tecnologia appare diversa a seconda del luogo da cui la si osserva. Il futuro è diversamente distribuito, ma lo è anche il nostro interesse nel futuro.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

WordPress e le piattaforme di blogging statiche

Un paio di mesi fa ho giocato un po’ con Jekyll, e mentre sto seriamente considerando di adottarlo per il mio sito personale, che si aggiorna raramente e non è un blog, ancora non capisco come si possa utilizzarlo come piattaforma di blogging: la facilità con cui WordPress permette di postare in qualsiasi situazione — pur con tutti i suoi difetti — è impareggiabile.

Don Melton (che ha avviato Safari e WebKit ad Apple, anni fa), che da anni utilizzava una piattaforma di blogging statica creata da sé, si è recentemente arreso passando a WordPress per le stesse ragioni:

While the free-range, handcrafted, artisanal nature of the HTML previously here afforded me a certain self-righteous smugness, a static generator can be pain in the ass to use every day. And though I liked the command line Magneto required, I didn’t want to spend all my time there with it.

What I really needed was a publishing system easily accessible from anywhere — even mobile devices — to quickly create and deploy content. Which is the whole point of having a blog that people want to read.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Buon Natale

PERMALINK COMMENTA TWEET

La semplicità vende più del lusso?

Muji è una mia ossessione, probabilmente possiedo più cose di Muji che di qualsiasi altra azienda1. Il New Yorker gli ha recentemente dedicato un pezzo:

A decade ago, we had cool Japan, all Hello Kitty and Pokémon and street fashion. Muji, with its lack of logos, represents post-cool, normcore Japan, which is, of course, a fetishized version of Japanese culture—serene and neat and proper.

It is tempting to describe Muji’s goods as basic, but that would belie the sophistication and premeditation at work. Its Facebook page describes its aim as creating “products that are really necessary in everyday life in the shapes that are really necessary.” Muji certainly produces staples, like stationery, kitchenware, cleaning products, luggage, storage options, and snacks. The colors, patterns, and materials are generic, but everything, from toothbrush holders to storage boxes, comes in pleasing shapes. […]

Muji is banking on “the idea that simplicity is not merely modest or frugal, but could possibly be more appealing than luxury.”

  1. Come trivia: in questo momento indosso, casualmente, pantaloni, camicia e pure biancheria di Muji!

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Le emoji funzionano meglio delle stelline per dare un voto?

Uber sta sperimentando in alcune città, e con un gruppo limitato di utenti, un sistema alternativo di rating, basato su emoji invece che stelline:

Uber’s five-star rating system is a major source of conflict between the company and its drivers. If drivers’ ratings drop below a 4.6, they can be booted off of Uber, a fact that many passengers don’t realize. Consumers who are used to rating restaurants and hotels are likely to think a four-star rating isn’t too bad, not knowing that they could actually be costing their driver his job.

Potrebbe rivelarsi un modo meno vago per esprimere la propria opinione — quattro stelline possono essere considerate in maniera diversa da passeggeri diversi (alcuni potrebbero ritenere un voto alto 4 su 5, senza sapere che Uber licenzia gli autisti che hanno una media inferiore a 4.6), mentre una 😡 può significare un’unica cosa.

Scrive Fusion:

In the age of the quantified self, when our every move is being transcribed into a data point, it makes sense that we would turn to emoji to color in the picture. They could be a quick solution for tracking emotional reactions, not just for customer service, but also for opinions, which can be tricky to translate into numbers. Perhaps in the not so distant future, we will be able to rate the next Hollywood blockbuster as 😢😭🏆, the hip new coffee shop that opened around the corner as 😒, or your recent ride on the bus as 💩👃👎😖, which is probably why you downloaded Uber in the first place.

PERMALINK COMMENTA TWEET

App Santa 2015

È tornato, puntuale, App Santa: una collezione di applicazioni che in occasione del Natale saranno scontate fino all’80%. La lista include alcune che consiglio vivamente, se già non le avete:

Avete tempo fino al 26 di questo mese per approfittare degli sconti.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Quanto usiamo internet in Italia (non abbastanza)

Un articolo di Repubblica di un paio di giorni fa, firmato dal digital champion Riccardo Luna titolava che nel 2015 l’Italia corre, su Internet!!!1 Ovvero che il numero di persone connesse è aumentato più che negli altri paesi europei:

Siamo quelli che hanno registrato l’aumento maggiore: 4 punti percentuali, da 64 a 68% (e i non utenti sono passati dal 32 al 28%). La Germania, la Francia e il Regno Unito sono aumentati di un punto appena, la mitica Estonia (Paese simbolo del digitale) cresce di tre: ma va detto che questi Paesi partono da molto più in alto di noi…

Guardando i dati Eurostat (gli stessi su cui Luna ha basato l’articolo), il panorama è meno euforico: accedono regolarmente a internet il 63% degli italiani, contro — come nota Mantellini — l’84% dei tedeschi, 81% dei francesi o il 75% degli spagnoli. Siamo aumentati più degli altri, ma solo perché — com’è ovvio — la crescita è più facile quando la penetrazione è così bassa. Per avere una penetrazione inferiore bisogna guardare a Bulgaria e Grecia.

Oltretutto, la “corsa” si riduce a un placido camminare guardando alle aziende (dati ISTAT), come riporta Il Post:

L’ISTAT usa un indice di digitalizzazione basato su 12 attività svolte online, come avere un sito web o l’utilizzare i social network per promuovere i propri prodotti: secondo l’ISTAT questo indice è basso o molto basso per 9 imprese su 10.

Insomma, come negli anni passati (e futuri: non è una tendenza che si invertirà all’improvviso, per magia), nulla di cui gongolare.

PERMALINK COMMENTA TWEET

800 persone lavorano alla fotocamera dell’iPhone

La CBS ha dedicato una puntata del suo 60 minutes a Apple. Fra i dettagli rivelati, la dimensione del team che lavora alla fotocamera dell’iPhone: 800 persone.

 Apple now says there are 800 people solely dedicated to working on the iPhone’s camera. That team of “engineers and other specialists” is led by Graham Townsend, who took Rose on a tour of the camera testing lab.

“There’s over 200 separate individual parts” in the iPhone’s camera module, Townsend said. Then he demonstrated how Apple simulates various conditions to test out the camera’s performance, from sunsets to lousy indoor lighting. “We can simulate all those here,” Townsend said. Apple’s competitors certainly conduct many of those same tests, but the sheer size of Apple’s camera team shows you how high up on the priority list it’s risen. Apple has built entire ad campaigns around the iPhone’s camera, and always makes it a point to highlight improvements with each new iPhone revision.

PERMALINK COMMENTA TWEET

La vista dal sedile frontale

Chris Urmson, che dal 2009 lavora alla macchina che si guida da sola di Google:

We’ve heard countless stories from people who need a fully self-driving car today. We’ve heard from people with health conditions ranging from vision problems to multiple sclerosis to autism to epilepsy who are frustrated with their dependence on others for even simple errands. One woman in Southern California who lost her ability to drive 15 years ago tells us, “my life has become very expensive, complicated, and restricted” since she had to start paying drivers and enduring long waits for buses and trains. Multiple veterans have come home from defending our country only to have their return to normal life challenged by their inability to drive themselves around in a car. And the elderly worry about having to give up their car keys someday.

As for those of us who can drive, we’re not happy either. California has some of the most enjoyable driving roads in the world, but that’s a tiny fraction of a typical resident’s driving experience. Most of the time we’re stuck in the ugly tedium of a freeway commute or sitting at endless stoplights. We’re all too familiar with that quiver of nervousness when we realize we’re near a weaving driver who’s either had a few too many drinks or is distracted by their phone. Having a self-driving car shoulder the entire burden of getting from A to B — and knowing that many other vehicles out there are also navigating autonomously — could make a big difference.

Urmson aveva già scritto alcuni mesi fa un post su Medium dando alcuni aggiornamenti e riflessioni sullo stato del progetto.

(Leggi anche: ‘Le macchine che si guidano da sole sono inevitabili‘)

PERMALINK COMMENTA TWEET

Non ne hai avuto abbastanza?

Leggi altri post