Byte

Il tizio che forgiò Vine ci ha dato una nuova app, Byte. Permette di fare “cose” animate, schermate con immagini, gif, filmati, etc…  Scrive The Verge: the result looked like a nightmare GIF party straight out of GeoCities 1998.

Dal secolo scorso

Non mi sono ancora fatto un opinione su Apple Music, e soprattutto non so ancora bene che pensare di Beats 1, la radio. Ma trovo molto bizzarra e divertente (e forse anche esplicativa di Beats 1) la pagina per richiedere la trasmissione di una canzone: numeri di telefono!

(via @ilbuffer)

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Riferflow: gesture personalizzate

Applicazione

Riferflow: gesture personalizzate

Riferflow (gratuita, per Mac) permette di impostare gesture personalizzate, diverse a seconda dell’applicazione. Ad esempio, due dita che ruotano a cerchio può indicare cmd + R (aggiorna la pagina) in Safari.

In teoria sembra una grande idea, ma dopo una giornata d’uso sono indeciso (mi è partito il refresh a caso troppe volte). Ma può anche essere che mi debba abituare alle (nuove) gesture, prima.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Amazon consegna in un’ora a Londra

Amazon ha introdotto Prime Now, la consegna entro un’ora, a Londra (solo zona 1 per il momento). C’è anche un’app piuttosto bellina.

L’Internet delle complicazioni

Una critica all’Internet of Things promosso dai progetti di Kickstarter, Indiegogo e simili. Non solo il futuro è perennemente in preordine, ma pare consista nel rendere l’invisibile visibile, per mezzo di un’applicazione che agisce da mediatore.

Supporta Bicycle Mind — se ti piace, ovvio, eh — così: acquistando su Amazon (partendo da qua), abbonandoti alla membership o con una donazione. Leggi di più

Mobile is eating the world

Benedict Evans ha presentato una versione aggiornata di ‘Mobile is eating the world’, un’analisi e presentazione che tenne un anno fa sull’impatto degli smartphone (e su un mondo sempre più mobile first). Slide e audio si trovano qua.

La grande rubrica dei siti Internet

L'ICANN (l'ente che si occupa della gestione dei domini Internet) richiede che ad ogni dominio siano associati, in un database (WHOIS), i dati del proprietario: nome, cognome, indirizzo, email e numero di telefono.

Chiunque, partendo da un indirizzo internet, potrebbe ottenere questi dati utilizzando un servizio di WHOIS lookup. Non fosse che, giustamente, esiste un modo per nascondere questi dati sensibili: quasi tutti i provider di domini forniscono servizi di domain privacy, che altro non fanno se non mettere i loro dati nel database pubblico al posto di quelli del proprietario del dominio, tenendo così quest’ultimi privati.

L'ICANN vorrebbe ora limitare questa pratica con una serie di provvedimenti che di fatto renderanno più difficoltoso tenere i propri dati fuori dal dominio pubblico e renderanno i servizi di cui parlavo sopra più costosi. Più costosi e meno effettivi: una bella accoppiata, no? In aggiunta, chiunque abbia anche solo un piccolo business non potrà più utilizzare alcun servizio di domain privacy.

Scrive Nearly Free Speech:

The planned method of doing so is to introduce a new accreditation program for privacy and proxy providers, complete with fees, compliance requirements, and strict guidelines on how they can operate, and then to require accredited domain registrars to refuse any registration that uses a non-accredited privacy or proxy service.

Questa nuova decisione dell’ICANN tornerà utile nei casi di violazione di copyright (questa è la ragione per cui viene sostenuta), ma andrà a discapito di attivisti e chiunque altro. Oltretutto, anche coloro che potranno usufruire (come ora) dei servizi di privacy saranno meno protetti di un tempo: l’ICANN vorrebbe fosse possibile richiedere le informazioni del possessore del dominio senza troppa fatica, senza che i provider debbano nemmeno informare il proprietario del dominio che la richiesta sia avvenuta:

An accredited privacy or proxy provider would be required to have a policy allowing disclosure of your private information based solely on “well it sounds like they have a good reason.”

PERMALINK COMMENTA TWEET

Primo micropost

Alla fine ho aggiunto gli status post a questo blog. Post brevi, insomma, per microblogging: segnalazioni, e brevi commenti. A parte pochi (uno su cinque, mettiamo, se non meno) non appariranno dall’rss feed principale: questo è il feed rss con solo gli status post, utile se volete riceverli.

L’Apple Watch è un telecomando

Luca Sofri:

Mi chiedo spesso come fu quando arrivò il telecomando della tv: mi ricordo il primo che vidi, lo si incastrava in una specie di alloggiamento del televisore dei miei nonni, quando non era usato. Era grosso e pesante, più largo che lungo, con sedici tasti colorati per sedici canali. Ma non mi ricordo bene la percezione del cambiamento, probabilmente si accompagnò alla crescita del numero dei canali visibili. Prima c’erano pochi canali da cambiare, non si faceva zapping, e ci si alzava poco per andare a premere il tasto sul televisore (un CGE, a casa mia). Poi non ci si alzò più, e non ci siamo ancora alzati. […]

Watch è il telecomando, non il televisore. Dopo poche ore che lo usi e non hai mai dovuto estrarre iPhone della tasca – né in alcuni casi premere o toccare niente – per leggere i messaggi arrivati, vedere che prossimi impegni hai, rispondere al telefono e telefonare, cambiare canzoni in cuffia, comunicare su Skype, e altre cose ancora, capisci che quello che è arrivato è il telecomando del televisore, come quella volta là.

Trovo il paragone molto calzante, seppur considererei l’Apple Watch il telecomando non dell’iPhone ma del mondo circostante. Come ha notoriamente detto Marc Andreessen, software is eating the world, e affinché ciò avvenga è necessario un modello d’interazione immediato con il software (sì, più immediato di uno smartphone, per quanto già comodo).

L’Apple Watch, un wearable, abilita questa possibilità. Quello che per me Watch è — sarà, una volta che il suo potenziale sarà ben chiaro — è un telecomando per il famoso internet delle cose di cui si parla da anni. Perché un mondo connesso alla rete funzioni — mi riferisco a lampadine WiFi, e cose più utili — ci serve un dispositivo che ne permetta un’interazione immediata. Credo HomeKit e Apple Pay rivelino che Apple stessa abbia intenzione di puntare verso quella direzione.

(Sono in fermento per la prossima settimana, quando potrò salire e scendere dai bus, e entrare in metropolitana, con l’oggetto. Quello per me è già un esempio di ciò di cui parlo sopra.)

PERMALINK COMMENTA TWEET

Ora lo noti

Edward Tufte ha scritto libri eccellenti sulle infografiche, ed è considerato uno dei principali esperti e pionieri in merito. In un articolo di Medium, intitolato Beyond Tufte, Karl Sluis ha consigliato nove libri a chi volesse avvicinarsi alle infografiche — e capirci qualcosina di più — che non sono stati scritti da Tufte (non per essere crudeli nei suoi confronti, ma per segnalare volumi meno conosciuto ma comunque validi).

Il primo in elenco, Now You See It, è nella mia lista da più di un anno — essendomi stato consigliato più volte:

Few [l’autore] covers a surprising amount of data analysis in Now You See It. The book provides an approachable introduction to data science, from navigating data to common patterns in time-series, deviation, distribution, correlation, and multivariate data. The below graphic is a great example of Few’s approach: here, Few regroups data by month to correct for periodicity and adds an average to help the reader see the patterns in the data.

Se volete un ebook gratuito, invece, segnalo Data + Design. Iniziai a leggerlo tempo fa, e prometteva bene (purtroppo non l’ho mai completato).

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

I tre tipi di News Reader

Brent Simmons divide i news reader in tre categorie:

Quelli che vogliono somigliare a un giornale, e puntano al lettore occasionale, categoria che include Flipboard, il futuro Apple News e simili. Tendono ad avere interfaccie complesse e danno attenzione alla presentazione — animazioni, layout — degli articoli. La cosa principale è, però, che seppur si possa aggiungere un feed RSS sono generalmente pensati per gente che non sa cosa siano, gli RSS. Quindi questi news reader funzionano a categorie: l’utente seleziona degli interessi, e loro forniscono una selezione di articoli — curata da algoritmi o umani. Nessuno si aspetta che l’utente leggerà tutto quello gli viene proposto, quindi non dicono quanti elementi nuovi ci sono e quanti ne restano da leggere

I buoni, vecchi, lettori di feed RSS (si vede che sono di parte?). Quelli tipo Google Reader, o nel mio caso FeedWrangler. Interfaccia molto spartana, informano l’utente su quanti elementi restano da leggere e generalmente fanno poco o nulla dal punto di vista della personalizzazione e curation delle notizie — cosa che del resto scontenterebbe l’utente, che vuole avere massimo controllo sulle fonti ed essere lui a selezionarle, senza rischiare di perdersi qualcosa d’importante.

River of News. Questi sono aggregatori, Dave Winer è uno dei maggiori utenti/promotori. Possono essere aggreatori di feed RSS, ma questa categoria include anche Twitter o il News Feed di Facebook.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Aggregazione e algoritmi

Ben Thompson:

This is what makes the NYT Now and BuzzFeed News apps so interesting: both accept the idea that their respective publications don’t have a monopoly on the best content, even as both are predicated on the idea that curation remains valuable. Apple News takes this concept further by being completely publication agnostic.

L’analisi di Ben sul perché certe aziende, come Apple, stiano preferendo degli “umani” rispetto a algoritmi (che danno l’apparenza di essere innocui e sopra le parti, ma sono comunque fatti da noi) per la selezione e aggregazione di notizie è piuttosto interessante, e solleva gli stessi problemi che mi ero posto nel mio precedente articolo su Apple News. Ovvero: nel momento in cui ci sarà una notizia su Foxconn, Apple la promuoverà dentro il suo Apple News?

PERMALINK COMMENTA TWEET

Instant (Web) Articles

Dean Murphy, dopo aver sperimentato per pochi minuti con i content blockers:

After turning off all 3rd party scripts, the homepage took 2 seconds to load, down from 11 seconds.

Mi sembra chiaro da ciò perché Apple li abbia aggiunti su Safari. C’è un guadagno sostanziale in privacy e velocità.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Microblogging con WordPress

Mi piace molto l’idea, di cui sono venuto a conoscenza grazie al blog di Manton Reece, di rubare a Twitter il monopolio della timeline portando il microblogging sui blog — diffondendo timeline ovunque. È semplice: il prodotto principale di Twitter è la timeline, un flusso di post brevi ordinati cronologicamente. Scrive Manton:

For the last few years, Twitter has had a monopoly on the timeline. We need to break that up. The first step is encouraging microblogs everywhere, and the next step is to build tools that embrace the timeline experience.

WordPress da tempo permette di associare un formato ai post, un micropost potrebbe essere un normale post, marcato come status dentro WordPress, visualizzato in maniera differente dagli altri. Ad esempio, non dovrebbe avere un titolo, dovrebbe ovviamente essere breve, venire distribuito in un rss separato 1 ed essere facile da creare da smartphone (ad esempio, sfruttando IFTT).

Non è un’idea nuova, Winer ne scriveva nel 2008, ma è ora molto facile da implementare. Il mio uso di Twitter è diminuito drasticamente negli ultimi anni, ma questo non perché il formato — o lo strumento — non siano utili. Personalmente, credo mi sarebbero utilissimi: mi permetterebbero di commentare brevemente, senza dover ricorrere alla pesantezza di un post.

In altre parole, penso ve li ritroverete presto su Bicycle Mind.

  1. Oppure JSON, così può essere visualizzato velocemente via JavaScript

PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

Quick Look in iMessage

La prossima versione dell’applicazione Note, che arriverà con iOS 9, mostrerà un’anteprima (titolo, immagine e descrizione) dei link incollati al suo interno. Michael Steeber ha immaginato, su 9to5mac, l’utilità della medesima funzione se portata su iMessage e estesa.

Immaginate un iMessage che mostri una piccola preview del video che il vostro amico vi ha appena inviato, o la descrizione e l’icona del link che rimanda all’App Store. Non funzionerebbe solo con i link, ma potrebbe anche supportare anche dati dalle applicazioni — quante volte vi è successo di passare lo screenshot di una app per condividerne il contenuto?

Often times I find myself wanting to share the current weather with someone over iMessage who doesn’t live nearby, but right now the only simple way to do that is to take a screenshot of your weather app and send it over. Inline weather previews would allow you to hit a simple share button in the Weather app and send what could almost be described as a little weather “widget” to someone else.

Oltretutto, su Apple Watch una cosa così tornerebbe utilissima.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Mac OS su Apple Watch

Video

Mac OS su Apple Watch

Di estrema utilità.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Pioverà fra mezz’ora?

Facendone poco uso, in generale trovo le applicazioni per il meteo piuttosto noiose. Dark Sky però è un’eccezione: invece di dirmi che tempo farà domani — cosa che mi serve relativamente poco, durante la settimana — mi avvisa su che tempo farà fra mezz’ora, o dieci minuti. Se ci sono dei cambiamenti repentini, vento forte improvviso o pioggia, mi avvisa.

Purtroppo in Italia non funziona, ma dove funziona (in UK) è fantastica. Già da tempo mi invia notifiche poco prima che inizi a piovere, così che se sto per uscire di casa so cosa mi attende — e se sono in giro posso correre ai ripari. L’applicazione in sé la apro raramente, ma le notifiche mi sono tornate utili più di una volta.

Uno degli intenti della nuova versione di Dark Sky, la 5, è proprio quello di tenere gli utenti fuori dall’applicazione quando non necessario — dando maggiore importanza alle notifiche:

A big goal of this update is not only to make the app significantly better, but also to limit how often you actually need to open it up: The ability to schedule daily summaries automatically delivered to your phone and create your own custom weather alerts means you can stay on top of the weather without having to constantly check the app.

Dark Sky utilizza Forecast.io per le previsioni, che io ho trovato molto accurato. Forecast è stato creato dagli sviluppatori stessi di Dark Sky, aggregando dati sul meteo da fonti differenti.

La nuova versione dell’applicazione prova anche a migliorare la qualità dei dati invitando gli utenti a segnalare errori ma soprattutto sfruttando (è opt-in) il barometro presente negli iPhone 6. Se si accetta, è possibile lasciare che Dark Sky registri e invii a Forecast.io la pressione atmosferica a intervalli regolari. Non lo sapevo, ma a quanto pare quel dato da solo potrebbe “rivoluzionare” le previsioni del tempo su piccola scala, riuscendo a fornire dati precisi e validi per ciò che viene chiamato nowcasting. Ovvero, appunto, previsioni del tempo su piccola scala, sia temporale che geografica:

Because they offer the chance to get a extraordinary density of pressure observations, which provides the potential to describe small scale atmospheric structures. Structures we need to knwo about if we are to predict key weather features like strong thunderstorms. […]

So why would these pressure sensors be a boon for weather prediction?  Because the numerical weather prediction is now going to smaller and smaller scales, and meteorologist are trying to do much better in predicting  what will happen during the next few hours (called Nowcasting).

PERMALINK COMMENTA TWEET

Cosa sognano le macchine

Google si è chiesta cosa vedano le sue macchine — quelle che a cui ha insegnato a riconoscere e analizzare le foto. Simulando una rete neurale, ha provato a dare una risposta a questa domanda (è tutto ben spiegato nel loro post).

Queste reti non devono solamente riconoscere un’immagine, ma possono anche generarne di nuove. Si sono quindi chiesti cosa una macchina veda, partendo da un’immagine (delle nuvole, ad esempio) fornita a caso — quali oggetti riconosca, e cosa enfatizzi.

Scrivono:

This creates a feedback loop: if a cloud looks a little bit like a bird, the network will make it look more like a bird. This in turn will make the network recognize the bird even more strongly on the next pass and so forth, until a highly detailed bird appears, seemingly out of nowhere.

Ovvero, questa è una delle tante cose che è le macchine hanno immaginato:

PERMALINK COMMENTA TWEET

Come Apple pubblicizzò il primo personal computer

Fotografie e video dal 1977, quando era necessario spiegare cosa fosse un personal computer e perché fosse utile. Scrive l’Atlantic, in merito al marketing dietro all’Apple II:

Here was a machine you could set up in moments, even if the ad’s opening lines might sound like a daunting amount of work to the iPhone generation: “Clear the kitchen table. Bring in the color TV. Plug in your new Apple II, and connect any standard cassette recorder. Now you’re ready for an evening of discovery.”

The idea of clearing off the kitchen table had strangely recurred in the computer market for years prior.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Verso una teoria della distrazione

What if, in fact, we’re not very good at being distracted? What if we actually don’t value distraction enough? It may be that, with our mobile games and Twitter feeds and YouTube playlists, we’ve allowed distraction to become predictable and repetitive, manageable and organized, dull and boring—too much, in short, like work. — Joshua Rothman sul New Yorker, A New Theory of Distraction

PERMALINK COMMENTA TWEET

Non ne hai avuto abbastanza?

Leggi altri post