Newsletter settimanale

Domenica arriva una nuova newsletter settimanale, che unifica e raccoglie il contenuto della precedente newsletter settimanale (quella con il riassunto dei post pubblicati sul blog) e newsletter giornaliera (con link a materiale inedito). Entrambe non esistono più, e sono sostituite da quella nuova, che quindi:

  • Riassume le notizie della settimana su Bicycle Mind
  • Include link a materiale esterno (il linklog, con una breve riga di commento inclusa)
  • Include qualsiasi aggiunta voglia e mi venga in mente

Siccome poi si basa su Tinyletter dovrebbe (finalmente) risultare leggibile anche da iPhone. Se volete iscrivervi in tempo per il primo numero, lo fate qua.

(Se eravate iscritti alle vecchie newsletter vi ho già migrato sulla nuova lista — controllate nello spam questa Domenica perché essendo basata su un nuovo sistema potrebbe finire lì)

PERMALINK COMMENTA TWEET

Notizie da altri luoghi, e segnalazioni rapide.

+ Visita l'archivio, con descrizione dei link. Oppure, ricevi i link ogni settimana abbonandoti alla newsletter.

Come sta andando Project Ara

Video

Come sta andando Project Ara

Project Ara (di Google) esiste e va avanti. E già la cosa mi stupisce (ogni volta che ne leggo, ogni volta che lo vedo menzionato, mi stupisco). Dal video (sopra) e dalla galleria fotografica di The Verge constato pure che lo smartphone che ne hanno tratto da questa idea — alquanto bislacca — è venuto fuori pure accettabile. Nel senso: a me l’idea di costruire uno smartphone a pezzi, una sorta di smartphone fatto coi lego, con componenti rimovibili e singolarmente sostituibili, mi (minimizzo molto) perplime. Però, loro l’hanno fatto comunque (e io mi stupisco). E tutto sommato sembra carino (a parte che i pezzi sembrano molto poco “fissi” al loro posto).

Andando verso la personalizzazione più estrema, ogni singolo componente può essere personalizzato con colori e pattern a scelta dall’utente (il video le racconta tutte queste ideone).

PERMALINK 6 COMMENTI TWEET

Il New York Times e BuzzFeed non sono così diversi

Mathew Ingram sostiene che, in fin dei conti, il New York Times e BuzzFeed non siano così diversi negli intenti e nei mezzi. C’è tanta pomposità nel mondo di presentarsi nel primo, e tanti gattini nel secondo, ma in realtà BuzzFeed produce pezzi di qualità a sua volta, reportage e tanto materiale inedito — ha uno staff di 1000 persone sparse per il globo che se ne occupano.

Here’s the thing, though: If you look at the most-read items the New York Timespublished last year, do you see any investigative journalism or long features about important issues? No. You see a photo essay, a couple of quizzes and a travel guide. That sounds a lot more like BuzzFeed than many on staff might like to admit. If the paper’s online audience is indeed continuing to grow by 20 percent — as a recent memo from executive editor Dean Baquet says it is — then those kinds of items are partly to thank.

But the New York Times is much more than just photo essays and quizzes, you will protest. That’s true — and so is BuzzFeed. Judging BuzzFeed based on a listicle or a photo gallery is a little like judging the New York Times because it has a fashion section, or a comics section, or classifieds. Or because some of its columnists are irritating and frequently wrong. Or because it does trend stories about things that aren’t trends.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Il prossimo MacBook Air sarà ‘mobile first’

Mark Gurman ha riportato su 9to5mac alcuni rumors sul nuovo MacBook Air, che dovrebbe avere un design radicalmente differente dal modello corrente. Innanzitutto dovrebbe avere una sola porta: quella USB — servirà a tutto, anche a ricaricarlo.

Questo, per rimandare all’analisi di Ben Thompson: il prossimo MacBook Air sarà il primo personal computer Apple ad essere “mobile first”, ovvero si partirà dall’iPhone per arrivare al Mac, non viceversa. Non è più il Mac l’hub di controllo e principale, né iTunes: è iPhone, e iCloud.

And so, the story of the (rumored) MacBook Air starts not with the Mac, but rather with the iPhone. By virtue of its omnipresence it is the most important device in most consumers’ lives. It is the first choice for getting information, for communicating, for taking pictures. It is a device that a huge majority of people could live on exclusively, and it very much stands alone: all of its essential functions have cloud counterparts, but none assume a PC.

True, it would be nice to have a keyboard to type longer emails, reports or papers, or a larger screen to watch movies, but those capabilities – again, for most people, not all – are nice to have, not essential. Moreover, all of those capabilities depend on the same cloud services as the phone: email, social networking, photos, all of it comes over the (wireless) network, not a cable.

In this world, a Mobile First world, what exactly is the point of a port?

PERMALINK COMMENTA TWEET

Iscriviti alla newsletter settimanale

Le notizie della settimana + link inediti + altre varie cose inutili

+ Maggiori informazioni +

Un tributo al primo Mac

Immagine

Un tributo al primo Mac
Curved Labs Macintosh Facelift

Un concept di CURVED/labs; un tributo al primo Macintosh riproposto con le linee dell’iMac e l’alluminio dei MacBook.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Supporta queste bellissime pagine

Supporta Bicycle Mind — se ti piace, ovvio, eh — così: acquistando su Amazon (partendo da qua), abbonandoti alla membership o con una donazione. Oppure, più facile ancora: condividendolo :)

Later

Applicazione

Later

Molti si inviano email a se stessi per appuntarsi cose da fare — per ricordarsene in seguito. Later è un’applicazione che aiuta nello stesso ambito: ad appuntarsi durante la giornata quello che si deve fare, quando viene in mente, per poi ricevere una notifica al riguardo al momento più opportuno. Per funzionare deve ovviamente risultare semplice e immediata quanto una mail: Later è ridotta all’essenziale, funziona con qualsiasi device abbiate in mano (c’è un’applicazione per Mac in beta) e l’unica cosa che chiede è cosa e quando volete essere ricordati.

PERMALINK COMMENTA TWEET

La proposta di David Cameron

BBC:

If he wins the election, Mr Cameron said he would increase the authorities’ power to access both the details of communications and their content. […]

There should be no “means of communication” which “we cannot read”, he said.

Cory Doctorow spiega in un articolo le conseguenze che l’approvazione di una simile legge avrebbe. Se costruisci una backdoor, questa sarà accessibile a tutti — buoni e cattivi. Scriveva Scheiner a Ottobre, quando Apple decise di criptare i dati degli iPhone, rendendoli inaccessibili a essa stessa:

Ah, but that’s the thing: You can’t build a backdoor that only the good guys can walk through. Encryption protects against cybercriminals, industrial competitors, the Chinese secret police and the FBI. You’re either vulnerable to eavesdropping by any of them, or you’re secure from eavesdropping from all of them.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Dentro un data center

Video

Dentro un data center

Google racconta uno dei propri data center, quello di Austin. Le misure di sicurezza — del luogo stesso: per impedire l’accesso a estranei — sono quasi incredibili.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Sei ancora entusiasta di iOS e OS X?

Torniamo alla qualità (peggiorata) del software Apple. La forza di Apple è anche nel proselitismo spontaneo di certi utenti, che ne promuovono i prodotti ai loro amici e conoscenti. Scrive Dr. Drang:

I’ll bet you know several people who bought a Mac, an iPad, or an iPhone because they saw you using one and noticed how easily you did things that were difficult for them. They may have asked for a demonstration of Fantastical; they may have asked whether they could still do X, Y, or Z on a Mac; they may have asked for a recommendation on which iPad to buy; but however it happened, you were largely responsible for Apple sales beyond your own collection of devices. That’s leverage.

Vero. E vero, come sottolinea Dr. Drang, che almeno nel mio caso il sentimento si è affievolito: non cerco più poi così tanto di convincere tutti a passare a iOS da Android, perché iOS ha bug e malfunzionamenti per i quali i nuovi acquirenti mi maledirebbero:

Are you as enthusiastic about demonstrating recent versions of OS X as you were about Leopard? Have you avoided family members who keep asking you why their iPhones don’t have enough free space to install iOS 8? Do you think it might be better if your friends stick with Android because then you won’t feel responsible if some of their data doesn’t sync?

PERMALINK 10 COMMENTI TWEET

Duet Display + Sugru

Duet Display + Sugru

Il mio iPad Mini — che dall’acquisto dell’iPhone 6 giaceva in abbandono — ha ritrovato uno scopo come display aggiuntivo e esterno del MacBook Air. Duet Display è l’applicazione che lo consente: l’iPad deve rimanere collegato al computer (via porta USB), ma in cambio si ottiene una versione di Mac OS X che funziona su Touch Screen che risponde al tocco. L’iPad diventa un monitor esterno — magari pure Retina, se avete un iPad con Retina Display! — con capacità touch: si possono spostare le finestre dallo schermo del Mac a quello dell’iPad; e rispostarle con il trackpad del MacBook oppure direttamente con la mano, una volta sull’iPad.

Un setup ideale, che funziona senza intoppi (a volte mostra un po’ di lag, ma accettabile e minimo). Da quando l’ho installato mi sono solamente pentito di non avere preso un iPad Air. Sull’iPad ci metto Twitter, timer, newsfeed e cose secondarie, mentre sul MacBook Air posso tenere quello su cui sto lavorando.

Un’aggiunta: Sugru. Con quello (come sempre: ne consiglio l’acquisto), e seguendo una guida sul loro sito, ho creato uno stand per la parete davanti alla scrivania, sul quale poggiare l’iPad e averlo sempre sott’occhio.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Il costo di un anno su Internet

Come MacDrifter, ho deciso di raccogliere in un foglio di calcolo tutte le spese annuali legate a Internet: i servizi a cui sono iscritto, con pagamento mensile e annuale, e dei quali spesso mi dimentico. Molti di questi mi sono essenziali, altri per nulla: stilare una lista mi ha permesso di ricordare cosa e quanto pago, e di eliminarne quest’ultimi di conseguenza.

Per via del costo irrisorio può succedere di accumulare un numero consistente e oneroso di abbonamenti. Escludendo quelli legati al blog (hosting, domini, statistiche e Amazon AWS), questi sono i miei:

ServizioCosto mensileCosto annuale
Dropbox$9,99$119,98
Spotify UK (Student)£4,99£49,88
Netflix UK£5,99£71.88
Cloak$2,99$35,88
iCloud Storage$0,99$11,88
Skype€3,32€39,84
Instapaper Premium$2,99$35,88
FeedWranglerN/A$19
CloudApp$8,25$99
Amazon Prime (UK)N/A£19,75
Pinboard ArchiveN/A$25

Un po’ di considerazioni:

Spotify & Netflix sono utilizzati quasi a cadenza giornaliera. Non ho più alcuna libreria musicale in locale, su iPhone — mentre quella su Mac non la apro da anni.

Dropbox è il servizio più costoso e seppure si riveli sempre meno fondamentale per la sincronizzazione dei file fra dispositivi occupa tuttora un posto importante — nel mio setup — per il backup: libreria fotografica, documenti e quant’altro risiedono al suo interno. iCloud si giustifica allo stesso modo (backup di iPhone e iPad).

L’abbonamento mensile a Skype mi serve per chiamare in Italia dall’estero senza spendere cifre esorbitanti.

Instapaper Premium ha forse un costo più alto del beneficio. Per $2,99 mensili aggiunge due funzionalità al servizio: highlights (per evidenziare e salvare frasi dagli articoli) e ricerca “full-text” dell’archivio. Di nuovo: abbastanza costoso, ma anche perfetto per le mie necessità (inoltre, non trovo alternative).

FeedWrangler è il mio lettore di feed rss da quando Google Reader è sparito. Perché FeedWrangler e non Feedly, che è gratis? La verità è che non lo so bene neppure io, ma dopo migrazioni e migrazioni fra servizi e servizi mi sono accasato lì, e mi trovo bene da un anno: quando scadrà a Febbraio non ho dubbi che lo rinnoverò. I feed rss sono la cosa che uso di più — più di Twitter, più di Facebook. Il primo angolo del web che leggo nel tempo libero, e quello al quale attribuisco più valore (sicuramente, più che ai social network): 19 dollari all’anno per una cosa che uso più volte quotidianamente non sono molti.

Cloak è un VPN per proteggere la connessione e, volendo, fingere di provenire da un altro Paese — per aggirare i blocchi sui contenuti (se tuttavia l’unica ragione per sottoscriverlo fosse quest’ultima il consiglio è di usare Unlocator). Mi è utilissimo per quando mi trovo in un bar o in biblioteca — sia su iPhone che su Mac. Su entrambi si attiva in automatico quando è ritenuto necessario. Ho il piano Mini: 5GB di traffico mensili per $2,99.

Da come si evince dalla tabella, ci sono due perdite: CloudApp e Pinboard Archive. Uso CloudApp per condividere file, in pubblico e in privato, ma in realtà ne faccio un uso moderatissimo che non giustifica il costo ($8.25 mensili). È vero: potrei utilizzare la versione gratuita, ma ho questo problema: voglio che tutto sia sotto il mio URL. È una fissa che c’ho da sempre. Quindi niente CloudApp1. Pinboard Archive — che archivia una versione full-text degli URL presenti nel proprio Pinboard — l’ho provato per un anno, e ho deciso di non tenerlo (unico uso: evitare il link-rot, salvando al suo interno tutti gli articoli linkati da queste parti).

  1. A meno che… C’è un’offerta in corso adesso che consente di ottenere l’abbonamento Pro a vita per $39 dollari.

PERMALINK 3 COMMENTI TWEET

Il ruolo dei giornali

CIT.

Nel momento in cui la stampa diventa uguale all’ambiente informativo che la circonda, nell’istante in cui le informazioni che possiamo raggiungere sui social network su Twitter e sui media sono le medesime, in quel momento la stampa perde il proprio ruolo di bussola informativa e si trasforma in semplice aggregatore dei deliri del mondo. Mantellini

PERMALINK COMMENTA TWEET

Uber sfrutta la tecnologia — ma opera in un altro settore

Charlie Warzel:

Il problema: “Move fast and break things” funziona solo quando le “cose” sono pezzi di software. Funziona un po meno — e pone dei rischi — quando le “cose” sono persone.

Uber, come Airbnb, TaskRabbit, Instacart, e altre applicazioni della “sharing economy” sono parte di quello che Jan Dawson ha definito “digital layer”: servizi che funzionano e sono resi possibili dalla tecnologia, ma esistono principalmente nel mondo reale. Confezionata sotto forma di applicazione, la tecnologia di Uber si è rivelata disruptiva. Ma definire Uber come una semplice applicazione non farebbe un buon servizio. […]

Il mondo fisico opera in tempi differenti (leggi: molto più lenti) rispetto al mondo della tecnologia e delle startup. Il mondo fisico è pieno di logistica, regole, battaglie regolatori e, più importante, persone. Chiedete direttamente a Uber: rivoluzionare un settore che opera principalmente fuori dal web è terribilmente costoso, e un’impresa che richiede molto tempo. Questa è la ragione per cui Uber è diventata esperta nelle regolamentazioni di circa 50 città.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Il nuovo Cluetrain Manifesto

Dopo 16 anni, Doc Searls e David Weinberger hanno scritto un nuovo manifesto. Una serie di “clues” sulla rete. Si legge su Medium e su quest’altra pagina di Dave Winer.

9. The Internet is no-thing at all. At its base the Internet is a set of agreements, which the geeky among us (long may their names be hallowed) call “protocols,” but which we might, in the temper of the day, call “commandments.”

10. The first among these is: Thy network shall move all packets closer to their destinations without favor or delay based on origin, source, content, or intent.

11. Thus does this First Commandment lay open the Internet to every idea, application, business, quest, vice, and whatever.

12. There has not been a tool with such a general purpose since language.

13. This means the Internet is not for anything special or in particular. Not for social networking, not for documents, not for advertising, not for business, not for education, not for porn, not for anything. It is specifically designed for everything.

14. Optimizing the Internet for one purpose de-optimizes it for all others.

15. The Internet like gravity is indiscriminate in its attraction. It pulls us all together, the virtuous and the wicked alike.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Non funziona più

È meglio un aggiornamento all’anno ad iOS e Mac OS, oppure una deadline meno stretta che ci garantisca un software più decente, più stabile, meno ricco di problemi? — quello che fino a poco tempo fa contraddistingueva Apple. A me sembra che la qualità dovrebbe stare di fronte a ogni altro obiettivo, eppure come scrive Marco Arment non trovo altra ragione del recente declino della qualità del software Apple se non il volere mettere marketing — l’annuncio annuale di un nuovo aggiornamento e prodotto — di fronte a qualità:

I suspect the rapid decline of Apple’s software is a sign that marketing is too high a priority at Apple today: having major new releases every year is clearly impossible for the engineering teams to keep up with while maintaining quality. Maybe it’s an engineering problem, but I suspect not — I doubt that any cohesive engineering team could keep up with these demands and maintain significantly higher quality.

The problem seems to be quite simple: they’re doing too much, with unrealistic deadlines.

A questo punto, il famoso “it just work” è una sonora balla. iOS è pieno di minuscoli problemi che confondono e frustrano un utente non esperto, iCloud è tuttora lontano dalla perfezione, e Yosemite aveva la stabilità di una versione beta al lancio.

PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

La foto della ragazza

Quando muore qualcuno, si verifica un attentato o una tragedia, i giornali (soprattutto italiani) si sentono autorizzati ad attingere da Facebook, a scaricare le foto delle vittime e pubblicarle (magari ignorando anche i vari filtri per la privacy di Facebook). Senza chiedere, senza permesso; in maniera molto prepotente. Ecco qua la ragazza mentre sorrideva spensierata, e in quest’altra in una posa divertente.

Bisogna sottolineare che anche se le foto sono su internet non significa che siano di pubblico dominio, pronte per i giornalisti a farne qualsiasi cosa vogliano o serva i loro interessi. Scrive Mantellini:

Ora la ragazza è morta e i giornali, quasi tutti, hanno usato le sue foto, prese dal suo profilo Facebook per corredare i servizi di cronaca nera che parlano di lei. Hanno chiesto il permesso a qualcuno? Non ce n’è stato bisogno. Erano lì, su Internet, è bastato un colpo di mouse per impadronirsene. Un altro per pubblicarle.

Le nostre foto sono nostre ed i giornali fanno finta di non saperlo. Pubblicare una propria immagine su Internet, anche su una bacheca pubblica, non significa dichiarare che quella foto sia di tutti, che possa essere utilizzate liberamente. Le fotografie sono come le parole, raccontano mondi, quasi sempre privati e insondabili, aprono il fianco a interpretazioni ed equivoci: nessuno dovrebbe avere il diritto di toccarle senza il nostro permesso. O senza il permesso di qualcuno che ci conosce e ci ama nel giorno in cui noi non potessimo più decidere da soli.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Apple introduce la possibilità di riconsegnare le applicazioni entro 14 giorni

Da un certo punto di vista sono contento — è giusto poter riconsegnare un’applicazione quando questa si rivela sotto le aspettative: fino ad ora si era costretti a tenersela — da un altro potrebbe verificarsi un abuso: il noleggio di applicazioni monouso (quelle che ci servono una volta, e mai più: come una guida turistica) gratuito, sfavorendo gli sviluppatori.

Un trial nell’App Store — cosa che questa nuova policy abilita — è necessario. Magari non di 14 giorni: in 14 giorni uno può finire un gioco, restituirlo, e riavere indietro i soldi senza fornire alcuna motivazione.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Se c’è una forma di intelligenza nello spazio, è probabilmente artificiale

Motherboard ripropone l’idea che se un giorno ci scontreremo con degli alieni, questi potrebbero essere basati su silicio più che carbonio. Se c’è una forma di vita qua fuori — scrive Vice — probabilmente è artificiale. In primo luogo per quella che Schneider (professore di filosofia all’università del Connecticut) definisce short window observation:

The reason for all this has to do, primarily, with timescales. For starters, when it comes to alien intelligence, there’s what Schneider calls the “short window observation”—the notion that, by the time any society learns to transmit radio signals, they’re probably a hop-skip away from upgrading their own biology. […]

“As soon as a civilization invents radio, they’re within fifty years of computers, then, probably, only another fifty to a hundred years from inventing AI,” Shostak said. “At that point, soft, squishy brains become an outdated model.” […]

Most of the radio-hot civilizations out there are probably thousands to millions of years older than us. […] “The way you reach this conclusion is very straightforward,” said Shostak. “Consider the fact that any signal we pick up has to come from a civilization at least as advanced as we are. Now, let’s say, conservatively, the average civilization will use radio for 10,000 years. From a purely probabilistic point of view, the chance of encountering a society far older than ourselves is quite high.”

Perché non ci siamo scontrati con nessuna forma di intelligenza fino ad ora — e perché questa, se più evoluta di noi, ci ignora? Shostak (direttore alla NASA di SETI, acronimo per Search for Extraterrestrial Intelligence) dice che siamo interessanti tanto quanto un pesciolino rosso: irrilevanti. Non vuoi del male al tuo pesciolino rosso, e nemmeno vuoi leggerci dei libri assieme.

“I’d have to agree with Susan on them not being interested in us at all,” Shostak said. We’re just too simplistic, too irrelevant. “You don’t spend a whole lot of time hanging out reading books with your goldfish. On the other hand, you don’t really want to kill the goldfish, either.”

(Via Hypertext)

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Attento a quello che scrivi

Dave Pell riflette su intercettazioni e leak di dati: è giusto pubblicarli indiscriminatamente, così come hanno fatto i giornali nel caso di Sony — considerando il materiale di pubblico dominio una volta che è stato rubato dai server dell’azienda — oppure, come argomentava Jacob Weister, editore di Slate, si tratta di una violazione della privacy?

Scrive su Medium Dave Pell:

If it’s digital, it’s public. That should make you scared of losing your privacy. But I’m more concerned about it scaring you away from publishing or sharing your thoughts and opinions at all. But I wouldn’t blame you for holding back. More and more, I find myself holding back too. We all do.

I worry that these new realities will lead us down path towards self-censorship. Sharing was fun at first. But now we can see the potential costs. And the risks associated with broadcasting our thoughts just might be enough to turn the era of open digital communication into the age of shut the fuck up.

Le email e documenti rubati a Sony, secondo Jacob, sono come le foto di Jennifer Lawrence e delle altre attrici che anno subito attacchi al loro account di iCloud alcuni mesi fa: non sono di pubblico interesse, e il fatto che siano state rubate non significa che siano improvvisamente di dominio pubblico. Sempre su Slate un altro giornalista sosteneva la tesi contraria: è importante pubblicare le email di Sony, se queste si rivelano razziste o sessiste, perché mostrano i processi decisionali interni di una grande azienda, i cui prodotti hanno un’influenza molto estesa.

Dal mio punto di vista occorre molta prudenza e una lunga riflessione e selezione del materiale rubato, prima di pubblicare email private, prima di dare in mano al pubblico pezzi di conversazione telefonica, prima di estrapolare da contesto e persona una singola frase. Altrimenti sembra una caccia alla strega. E anche perché una volta in rete, una volta pubblicata la frase sconveniente, può rovinare la carriera — se non la vita — di chi l’ha scritta.

A quanti di voi piacerebbe svegliarsi e ritrovare le proprie email, SMS e corrispondenza privata in rete? E quanti di voi sono certi di non essere mai stati stronzi e irragionevoli in alcune email? Sapreste difendere ogni frase mai scritta? Come scriveva Rodotà in un pezzo uscito poco dopo l’11 Settembre (quindi del 2001, ma pur sempre attuale):

Bisogna diffidare dell’argomento di chi sottolinea come il cittadino probo non abbia nulla da temere dalla conoscenza delle informazioni che lo riguardano. L’uomo di vetro è una metafora totalitaria, perché su di essa si basa poi la pretesa dello Stato di conoscere tutto, anche gli aspetti più intimi della vita dei cittadini, trasformando automaticamente in “sospetto” chi chieda salvaguardia della vita privata.

Se l’equazione digitale = pubblico persiste, anche chi non ha nulla da nascondere dovrebbe preoccuparsi.

PERMALINK 3 COMMENTI TWEET

Sotto la cover

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Non ne hai avuto abbastanza?

Leggi altri post