Mondo: come vorrei fosse l’app della mia banca

Applicazione

Mondo: come vorrei fosse l’app della mia banca

Mondo è una nuova banca nata su mobile: ha un’app bellissima che fa quelle cose che vorrei avesse fatto la mia banca principale — aiuta a tenere traccia delle spese, classificandole in categorie e elencandole con nomi comprensibili. Rende facile inviare e ricevere denaro, e ha delle API. La mia speranza è che un giorno Apple introduca un “PayKit” che permetta a applicazioni di terze parti di accedere alle transazioni via Apple Pay — rendendo così immediato tracciare le proprie spese, e un po’ inutile una cosa come Mondo.

Per il momento, comunque, intriga e sembra promettente. Bisogna mettersi in coda per provarla 1 e dovete risiedere nel Regno Unito.

  1. E se vi iscrivete dal link, la mia si accorcia ;)

PERMALINK COMMENTA TWEET

L’unico modo in cui Facebook riuscirà ad entrare in Cina è diventando uno strumento del governo

Quartz:

While WeChat is accessible to users all over the world, it runs on a different app inside and outside China. People or organizations anywhere can register for Chinese official accounts (roughly analogous to public Facebook pages), where they’re screened for sensitive content and visible to anyone. Separate official accounts exist for people located outside of China. Data from overseas accounts are stored on overseas servers, and not subject to the same censorship policies. They’re also not accessible to WeChat users who have registered from within China.

Facebook could employ similar tactics, in effect creating a “Great Firewall” from within Facebook itself. Chinese users might still be able to friend individuals outside the country, but be restricted from seeing some of their posts or creating pages the whole world could see. Likewise, foreign companies that create public pages might have to create separate ones for Chinese users.

Praticamente, ci sarebbero due Facebook: quello che usano tutti gli altri, e quello accessibile in Cina.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Le macchine che si guidano da sole arriveranno presto per alcuni, fra anni per altri

Chris Urmson, a capo del progetto della self-driving car a Google, ha detto che probabilmente arriveranno prima per quelli che abitano in città soleggiate (dato che hanno ancora problemi con la pioggia) e in città con strade molto larghe:

Not only might it take much longer to arrive than the company has ever indicated—as long as 30 years, said Urmson—but the early commercial versions might well be limited to certain geographies and weather conditions. Self-driving cars are much easier to engineer for sunny weather and wide-open roads, and Urmson suggested the cars might be sold for those markets first.

Urmson put it this way in his speech. “How quickly can we get this into people’s hands? If you read the papers, you see maybe it’s three years, maybe it’s thirty years. And I am here to tell you that honestly, it’s a bit of both.”

PERMALINK COMMENTA TWEET

Liam, il robot che distrugge gli iPhone

Video

Liam, il robot che distrugge gli iPhone

L’ha presentato Apple con un video durante la conferenza di oggi. È malefico, e svolge benissimo il suo compito: smantellare l’iPhone. Probabilmente al vostro iPhone non starà particolarmente simpatico.

PERMALINK COMMENTA TWEET

A cosa serve Snapchat

Bloomberg, in un articolo titolato “Come Snapchat ha costruito un business confondendo gli adulti“:

The company says users watch roughly 8 billion videos on its platform each day, about the same number as Facebook, which has 10 times as many users as Snapchat. On a given day, according to Nielsen, 41 percent of adults in the U.S. under 35 spend time on Snapchat.

“Everybody from 14 to 24 in America, it’s either the No. 1 or No. 2 app in their lives,” after Instagram, says Gary Vaynerchuk, an angel investor and entrepreneur. Actually, it’s not just an American phenomenon: Snapchat is a top 10 most-downloaded app in about 100 countries, according to market researcher App Annie. Vaynerchuk, who has investments in Snapchat, Twitter, and Facebook, likens the excitement to that of television in the early 1960s. “The vast majority of people reading this article will have a Snapchat account within 36 months,” he says. “Even if, as they’re reading this, they don’t believe me.”

Snapchat confonde, sia perché ha un UI ridicola — gialla, con icone scelte quasi a caso, con gestures e feature semi-nascoste — sia perché ha la nomea di essere un’applicazione per scambiarsi contenuti imbarazzanti.

A confondere è soprattutto questa feature — la durata effimera degli snaps. Questa serve però più a liberarsi dal peso che tutto ciò che postiamo in rete acquista — perché “eternamente” conservato o recuperabile da chiunque — piuttosto che a scambiarsi foto di nudi. La vita effimera che accomuna tutto ciò che su Snapchat esiste — assieme al fatto che nulla è frutto di lunghe premeditazioni: non è possibile scegliere materiale dal rullino fotografico, ma tutto deve essere catturato al momento — aiuta più che altro a creare uno stream onesto di quello che ci sta succedendo. Mentre Instagr.am serve a raccontare la nostra vita attraverso filtri, editandola come più ci piace, Snapchat sembra, appare, più naturale. E se qualcosa è imbarazzante o poco interessante pazienza: già domani sarà sparito per sempre. Snapchat è Facebook senza memoria.

In realtà Snapchat non è tanto una chat — almeno io trovo che intrattenere una conservazione su lì sia quasi impossibile — quanto piuttosto un modo per raccontare la propria giornata e una finestra sulla vita altrui. La feature principale dell’app, oltre all’invio di foto o immagini a un particolare contatto, è My Story: una collezione di snap pubblici. Ciascun utente può raccontare la propria giornata postando foto o video nella propria Story. Questi snap rimarranno visibili — dai propri followers — per 24 ore.

L’UI, per quanto orripilante, asseconda lo scopo: non ci sono link esterni, contenuti da leggere, ma solo cose da guardare — i video e le immagini dei nostri amici occupano, senza interruzioni, senza fronzoli, senza possibilità di particolari interazioni, tutto lo schermo. Su Snapchat si guarda o si filma quello che si sta facendo — ma non si edita o discute troppo. Si risponde per immagini e video, in maniera quasi instantanea.

Snapchat è snobbato dagli adulti, ma solo per un fraintendimento. Quello che Snapchat sicuramente non è è un’app per inviarsi cose di cui ci vergogniamo. Lo considererei, quasi, una specie di FaceTime asincrono, o Periscope per stream senza un particolare intento. È Instagr.am e Facebook ma senza la dimensione pubblica (persino le celebrità sono difficili da trovare) e editoriale.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Supporta Bicycle Mind — se ti piace, ovvio, eh — così: acquistando su Amazon (partendo da qua), abbonandoti alla membership o con una donazione. Leggi di più

Un adattatore per risolvere il problema dello spazio richiesto dall’alimentatore di Apple

L’alimentatore dei MacBook può a volte causare problemi per via del modo in cui si inserisce nella presa della corrente. Diciamo che può finire con l’occupare molto spazio, costringendoci così con lo spostare tavoli, divani, mobili o altro. Ten One Design ha trovato una semplice ed efficace soluzione che permette di salvare spazio: invece che fuoriuscire di diversi centimetri, l’adattatore di Ten One Design permette all’alimentatore di stare addossato alla parete.

(Peccato, al momento, sia disponibile solo per prese USA)

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Il prossimo campus di Apple

Immagine

Il prossimo campus di Apple
Il nuovo campus di Apple

Apple ha condiviso con Mashable delle foto della navicella.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Bragi Dash

Uno dei rumors che circolavano un mese fa riguardava la possibilità che Apple introduca, col prossimo iPhone, degli auricolari wireless simili a quelli che usa il protagonista di Her.

Oggi ho visto, e letto, recensioni dei Bragi Dash — un po’ costosi ($299 non è, diciamo, a buon mercato), ma decisamente belli. Se Apple se ne uscisse con qualcosa di simile ne considererei subito l’acquisto.

PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

Stiamo abusando di Slack?

Jason Fried, su Signal vs. Noise1:

An ASAP culture. Now! At its very core, group chat and real-time communication is all about now. That’s why in some select circumstances it really shines. But chat conditions us to believe everything’s worth discussing quickly right now, except that hardly anything is. Turns out, very few things require ASAP attention. Further, ASAP is inflationary — it devalues any request that doesn’t say ASAP. Before you know it, the only way to get anything done is by throwing it in front of people and asking for their immediate feedback. It’s like you’re constantly tapping everyone’s shoulder — or pulling on everyone’s shirt — to get them to stop what they’re doing and turn around to address what’s on your mind. It’s not a sustainable practice.

Mentre continuo ad apprezzare lo Slack del blog, quello della startup per cui lavoro a volta mi sembra un’incessante distrazione e pressione all’essere sempre disponibili. A volte vorrei chiuderlo ma, come Jason sottolinea, l’essere online — il pallino verde a fianco del nome utente — è finito con l’equivalere con l’essere al lavoro.

Slack è certamente utile a rafforzare un legame fra colleghi e per restare aggiornati su quello che sta succedendo ma tutto ciò finisce rapidamente in un abuso di integrazioni (non ho bisogno di ricevere una notifica ogni volta che qualcuno edita un documento!), domande e richieste, che lo rendono spiacevole e mi hanno fatto più volte riflettere sull’utilità. Certe discussioni sarebbe meglio averle via mail — ma Slack prevale oramai (nel mio caso) in ogni ambito per via della facilità di interazione. Invece di prendersi una decina di minuti per comporre una mail e mettere in ordine le proprie idee su un particolare problema, il problema viene presentato riga per riga, in dieci messaggi separati, con intromissioni varie.

(La stessa facilità però spinge anche a prendere decisioni affrettate e dettate da chi è più veloce nel reagire e nel partecipare a una discussione, da chi è sempre connesso — piuttosto che da chi preferisce prendersi dei momenti per riflettere.)

  1. Blog storico e bello, curato dagli sviluppatori di Basecamp, che purtroppo ha totalmente migrato su Medium alcuni mesi fa

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Le macchine elettriche causeranno la prossima crisi del petrolio?

Video

Le macchine elettriche causeranno la prossima crisi del petrolio?

Secondo Bloomberg, le macchine elettriche diventeranno comuni prima del previsto — seguendo una traiettoria di adozione simile a quella dei PC, frigoriferi, smartphone o TV:

It’s looking like the 2020s will be the decade of the electric car.

Battery prices fell 35 percent last year and are on a trajectory to make unsubsidized electric vehicles as affordable as their gasoline counterparts in the next six years, according to a new analysis of the electric-vehicle market by Bloomberg New Energy Finance (BNEF). That will be the start of a real mass-market liftoff for electric cars.

By 2040, long-range electric cars will cost less than $22,000 (in today’s dollars), according to the projections. Thirty-five percent of new cars worldwide will have a plug.

PERMALINK COMMENTA TWEET

I template sono facili da cambiare, il contenuto non tanto

Un buon promemoria da Chris Coyer, di CSS Tricks:

There are two kinds of HTML:

  • HTML that makes up templates
  • HTML that is content

I feel like some discussions about HTML are clouded by not making this distinction. […]

It’s not impossible to change content, but it’s likely much harder and more dangerous.

Websites can last a long time. Content tends to grow and grow. For instance on CSS-Tricks there are 2,260 Posts and 1,369 Pages. Over the years I’ve sprinkled in classes here and there to do certain stylistic things and over time I always regret it.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Navigare sul web nel 2016

Da un tweet di @gordypls:

  1. Apri sito
  2. Rifiuta richiesta di iscrizione a newsletter
  3. Chiudi e accetta l’informativa sull’uso dei cookie
  4. Blocca la richiesta di invio notifiche
  5. Blocca la richiesta di geolocalizzazione
  6. Rinuncia

Se avete un ad-blocker installato, c’è anche un altro passo da compiere per quei fantastici siti come Wired (questo è l’unico avviso che potreste, un giorno, trovare su Bicycle Mind).

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Le nuove reazioni di Facebook sono più limitanti del bottone like?

Interessante articolo di Slate sulle nuove reactions di Facebook (le aggiunte recenti al bottone like):

The new reactions aren’t designed to help users express how they really feel. They function more like patches for all those times when a like seems insufficient or inappropriate. […]

Facebook’s limited set of responses feels strangely more constricting than the solitary like button. The Facebook like, the Instagram heart, and the Twitter fave (recently rebranded as a like, too) are all just sunny euphemisms for a gesture of generalized acknowledgement. The like button was a nod. It said: “I see you.” Maybe it was meant to mean “I like the content of this post,” but it often felt like “I like you.” But the additional responses complicate that reading. Now a simple like risks feeling like: “I like this, but I don’t love it.” Or: “I acknowledge you’ve made a joke, but I won’t pretend it made me laugh.” Or “I know I have the option to signal that I’m sad about your dog dying, but I’m inconsiderate or dastardly enough to just like it anyway.”

Il thumbs down pare sia stato scartato perché ambiguo: cos’è che non ti è piaciuto, il post dell’utente o l’argomento che il post tratta?

 

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Perché Facebook ha espanso il like

Il Product Designer di Facebook ha raccontato, su Co.Design, come sono arrivati a realizzare il nuovo bottone like — e quali riflessioni ci sono state dietro. Hanno, per esempio, analizzato i commenti brevi — di una parola o due — più popolari:

We also took an anonymized global sample of commonly used, short comments. These gave us some of the specific language that people use to express themselves, and helped us understand more fully the context in which people use these types of comments.

PERMALINK COMMENTA TWEET

‘Slack: non andiamo più d’accordo’

Samuel Hulick ha delle buone ragioni per non utilizzare Slack. Personalmente lo apprezzo, ma a volte mi accorgo — usandolo per lavoro — che è utilizzato impropriamente e può risultare più impegnativo delle email:

Everything is scattered, and the mental load that comes with it is real. Linda Stone calls this perpetual, shallow quasi-presence “continuous partial attention”, and this makes each conversational thread, almost by definition, a loose one.

This isn’t so bad in the real world, where conversations have nuance and substance and context. With you, though, everything has roughly the same weight, so I find myself having to mentally maintain tabs on all my chats, be they consequential or not.

PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

Come sta andando Apple Music Connect?

Better Elevation:

Imagine a social network where you can’t see how many followers you have, can’t contact any of them directly, can’t tell how effective your posts are, can’t easily follow others, and can’t even change your avatar.

Welcome to Apple Music Connect.

Apple Music Connect, il successore di Ping, è un flop quanto Ping. In generale Apple Music è davvero una cosa brutta.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Spingere o tirare?

Video

Spingere o tirare?

Una bella intervista a Don Norman, autore di “La caffettiera del masochista“, sull’usabilità degli oggetti quotidiani.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Apple presenterà un iPad Pro con schermo più piccolo a Marzo

O, per metterla in altri termini, il successore dell’iPad Air correntemente in vendita sarà un iPad Pro con schermo più piccolo.

Mark Gurman:

The new 9.7-inch iPad Pro will debut at Apple’s Tuesday, March 15th event and begin shipping as soon as March 18th, we previously reported. The smaller iPad Pro will have nearly identical features and specifications as the bigger model, bringing along the A9X processor and RAM upgrades from the 12.9-inch model. It will also include the 12.9-inch model’s updated display technology to support the Apple Pencil.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Le conseguenze che il caso FBI e Apple potrebbe avere sull’internet delle cose

Farhad Manjoo:

Consider all the technologies we think we want — not just better and more useful phones, but cars that drive themselves, smart assistants you control through voice, or household appliances that you can monitor and manage from afar. Many will have cameras, microphones and sensors gathering more data, and an ever-more-sophisticated mining effort to make sense of it all. Everyday devices will be recording and analyzing your every utterance and action. […]

But if Apple is forced to break its own security to get inside a phone that it had promised users was inviolable, the supposed safety of the always-watching future starts to fall apart. If every device can monitor you, and if they can all be tapped by law enforcement officials under court order, can anyone ever have a truly private conversation? Are we building a world in which there’s no longer any room for keeping secrets?

“This case can’t be a one-time deal,” said Neil Richards, a professor at the Washington University School of Law. “This is about the future.”

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

La recensione del System 1

Dan Vanderkam, nel 1998, recensendo il primo sistema operativo Macintosh:

One of the things that we take for granted nowadays is the fact that most fonts are smooth at any size, and are extra-smooth when printed. Few people realize just what a long history this fact has however. In fact, none of the six fonts that shipped with the original mac looked good in more than six sizes. As you can see from the picture of Microsoft Works 2.0, it just looked bitmapped at any other size (the logo at the top of this page is another example).

(via 512pixels)

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Non ne hai avuto abbastanza?

Leggi altri post