Nuovi Spot della campagna “Get a Mac”


Nuovi Spot della campagna “Get a Mac”

Apple ha pubblicato oggi sul suo sito tre nuovi spot della campagna pubblicitaria “Get a Mac”, rispettivamente “Out of the box“, “Touché” e “Work vs. Home“.
I personaggi presenti negli spot sono sempre Justin Long nella parte del Mac e John Hodgman nella parte del PC; per adesso non c’è nessuna traccia di Gisele Bündchen :-( .

Ecco i video:

Out of the box




Work vs. Home


free web tracker


❤️ Articoli consigliati



free web tracker


L’iPod più grande del mondo

E dopo Il BlackBerry più grande del mondo arriva anche l’iPod più grande del mondo, realizzato a Columbus, in Ohio (nella Third Street, sulla parete della Unizan Bank).
Al riguardo ne parla MacDailyNews: l’altezza dell’ipod è di 8 metri ed è in grado di riprodurre realmente della musica (anche se è comandato da un iPod normale, il più piccolo in circolazioni, lo Shuffle).

Ecco la playlist della musica caricata sul mega/iPod:

15 Minutes of Fame: Heartbreak Orchestra

Satellite: The Moops

So This is Saying Goodbye: Blatant Finger

Nightbloom: Blue Level

Gravity: Embassy

Die Tryin: Whoah Nellie

Missing: Paper Airplane

Survivor: Albano

Shadow of Doubt: The Meantones

Slow Down: John Truck Trio

Yessur: Dante Inferno

Who Dem Hiddaz: T.M.I. Unruly Records

Nitty Gritty: Ho Pie

My Camera: Autumn Under Echoes

Fever: Susy Rose

free web tracker


Soluzione completa per MacMini

Nell’immagine sopra potete vedere il pacchetto venduto a 699 dollari da un negozio statunitense di nome Costcos che contiente un MacMini G4 superdrive + 512 MB di ram, una tastiera e un Mouse Apple.
Non male ;-)

free web tracker


Il BlackBerry più grande del mondo

Ecco a voi il BlackBerry più grande del mondo, completamente funzionante, prodotto da Nextel ed esibito in pubblico al “Convention Center Monorail Station

free web tracker


Supporta Bicycle Mind — se ti piace, ovvio, eh — così: acquistando su Amazon (partendo da qua), abbonandoti alla membership o con una donazione. Leggi di più

Fotorecensione del MacBook su Alice

Su Alice è online una fotorecensione del nuovo MacBook…

E’ arrivato e l’abbiamo provato: MacBook è il nuovo portatile Apple per il mercato consumer che fa girare anche Windows.

Apple rinnova la gamma di computer consumer con MacBook: un computer pieno di pregi e di sorprese che, all’occorrenza, fa girare anche Windows.
Ma non sono tutte rose e fiori: scopritelo con la foto-recensione

free web tracker


Recensione del MacBook dal Washington Post

Il Washington Post ha rilasciato oggi l’attesa recensione del nuovo MacBook.
Secondo il giornale il successore dell’iBook rappresenta un notevole passo avanti rispetto al modello che sostituisce (In general, the MacBook represents a tremendous advance over the iBook that it replaces).
Il computer infatti ha una durata della batteria notevole e un processore potete.
Non mancano però anche dei difetti, come l’elevata temperatura raggiunta in certi momenti dal computer, il rumore di quest’ultimo nella lettura di un CD e la debolezza nel manterere il segnale wi-fi.

Apple’s new MacBook ranks as one of the company’s most anticipated laptops ever. This machine isn’t Apple’s first portable computer to run on Intel chips — with all the added speed and Windows compatibility they bring — but it is the first to sell at consumer-friendly prices. And it brings the first fundamental change to Apple’s entry-level laptops since 2001.

The MacBook almost justifies the wait for it to arrive. Apple has delivered an exceptionally versatile machine, but three issues can’t help but hold it back a bit. The most serious among them should be fixable with a software update; the others are less critical but can’t be cured without changes to the MacBook’s hardware (and one may not matter to many users anyway).
In general, the MacBook represents a tremendous advance over the iBook that it replaces. It starts at $1,099, $100 more than its predecessor, but is barely heavier (the review model loaned by Apple weighed 5.14 pounds) and offers a wider, brighter, glossier screen (13.3 inches across). Its most important feature lies inside, a 1.83 or 2 GHz Intel Core Duo processor.

Like the Intel-based iMac, Mac mini and MacBook Pro, the MacBook rips through software revised for these new processors — including the bundled Mac OS X 10.4 operating system and iLife ’06 multimedia suite, plus a growing number of third-party applications. But it also runs most software written for the old PowerPC chips, at the cost of slower performance and a bigger demand for memory. (The 512 megabytes Apple includes aren’t enough for sustained use of these older applications.)

And the MacBook can run Windows itself. You can employ Microsoft’s operating system inside Mac OS X using the pre-release version of Parallels Workstation, an upcoming, $80 release from Herndon-based Parallels ( ), or you can download Apple’s free Boot Camp software ( ) to add a completely separate, faster copy of Windows XP that can be booted instead of OS X each time you start the MacBook.

Either way, buying the MacBook — or any other Intel-based Mac — means never having to say “I’m sorry, I can’t run this program on my computer.”

Apple offers the MacBook with a 60, 80, 100 or 120-gigabyte hard drive — which you can upgrade yourself, a rarity on any laptop. The $1,099 model can burn CDs but only plays DVDs; two more expensive configurations, at $1,299 and $1,499, can burn both DVDs and CDs.

Like other Apple computers, this laptop makes some high-end features standard equipment while omitting a few things included by every other manufacturer.

For example, an iSight Webcam graces the top of the screen, allowing you to conduct video Web chats and take goofy self-portraits in Apple’s Photo Booth program, and Bluetooth wireless connects such peripherals as cellphones and handheld organizers. The included remote control and Front Row software let you plug the MacBook into a larger monitor or TV — after buying a $19 adapter for its miniature digital-video output — and enjoy your music, photos and movies from across the living room.

But the MacBook provides only two USB ports, lacks a memory-card reader or PC Card expansion slot and even leaves out a modem. That last feature could be deal-breaker; if you ever must use dial-up, your only option is a $49 external model sold by Apple. And it’s not as if there wasn’t room on the MacBook’s left flank to include a humble phone jack.

Like the iPod, the MacBook comes in white or black; the more striking black model costs $1,499, $150 more than a comparably configured white machine. Is it worth that much to carry around something that looks like Batman or Darth Vader’s laptop? Something tells me I should expect to see folks using the black MacBook (one blogger has nicknamed it the “DarthBook”) the next time I’m on a plane.

The MacBook’s weight makes it slightly less suited to travel than its predecessor, but its battery life easily suffices. In a worst-case test, with a DVD playing and the screen backlight turned up all the way, the test MacBook ran for 2 hours and 24 minutes. Turning off Bluetooth and WiFi while dimming the screen halfway — a decent approximation of coach-class film-going — stretched that time to 3 hours and 9 minutes.

In other tests, the machine ran for 3 hours and 59 minutes while playing a loop of music with the screen dimmed halfway (with WiFi on and Bluetooth off); a best-case test, with the screen dimmed as low as possible, both wireless systems disabled and only the TextEdit program open, yielded 4 1/2 hours of use.

Unlike most PC vendors, Apple remembers that power adapters add weight and bulk, too; the MacBook’s compact hardware weighs only nine ounces. It connects to the MacBook with a new, magnetically attached MagSafe plug that gracefully falls away if yanked instead of dragging the computer off a table or damaging the inside of the power socket.

The MacBook, however, may be less attractive once the flight ends. The review unit repeatedly lost the wireless signal of an Apple AirPort Extreme WiFi access point, even while Windows laptops in the same room stayed online. MacBook users have posted similar complaints in Apple’s discussion forums.

Weirdly enough, this problem didn’t emerge when I rebooted the MacBook into Windows — which suggests that Apple should be able to fix it by updating the MacBook’s software.

The unit stayed nearly silent most of the time, but a different side of its personality surfaced when copying some music CDs to the hard disk. The CD/DVD drive and cooling fans revved all the way up to a sustained, low-level howl — as if the computer were readying for takeoff — and the already hot left rear corner of the machine became outright scorching. The plastic in front of the screen hinge, just above the MacBook’s vents, felt even hotter.

It’s not that other laptops run much cooler, but after all the time Apple has spent advertising the “performance per watt” advantages of its new Intel processors, you’d expect something a little less sizzling than the average Windows notebook.

It can be instructive to compare the MacBook with PC laptops built around the same Intel chips. Dell’s Inspiron E1405, when configured with the closest possible specifications to the base MacBook, costs $18 more, while HP’s Pavilion dv1000t costs $145 less when set up to match a MacBook.

Those price differences are far smaller than what a lot of people believe about Macs. On the other hand, a lot of people don’t need or want all the extras that Apple bundles. And they’ll be able to save substantially more by getting a slower, heavier laptop from somebody else.

Price alone won’t lead people to get the MacBook (and it certainly won’t sell the high-end MacBook Pro, which has a bigger screen and more powerful graphics hardware and starts at $1,999). You have to want that extra refinement of an Apple machine — software like the virus-resistant, low-maintenance Mac OS X and hardware such as the MacBook’s ingenious trackpad, which lets you scroll through windows or bring up right-click menus by dragging two fingers across its surface.

Glitches such as the MacBook’s erratic WiFi reception and almost painfully hot surfaces undercut that appeal. Apple has taught its users to expect better, and it ought to be able to deliver as much before long.

free web tracker


Nuova pubblicità di Apple nei giornali

Dopo la recente campagna pubblicitaria “Get a Mac” Apple ha acquistato alcune pagine all’interno delle maggiori riviste americane per inserire la pubblicità dei nuovi MacBook all’interno di esse.

MacDailynews ha scovato all’interno di Entertainment Weekly #882, June 16, 2006 la pubblicità e l’ha prontamente scannerizzata.

free web tracker


Il gestore di un blog è come il direttore di una testata giornalistica

Molti dei blog presenti in rete riportano la seguente dicitura (se non ci credete provate a cercare con Google):

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Sembra però che, secondo una notizia riportata da Ansa, il gestore di un blog e’ equiparabile giuridicamente al direttore di una testata giornalistica.

Read more »


Discografia britannica contro I-Pod

L’ industria discografica britannica dichiara guerra allo strapotere Apple nel settore della vendita di musica online. ‘Non e’ un bene che un’azienda sola abbia il controllo totale del mercato’ ha detto Jamieson, presidente della ‘British Phonographic Industry’. All’azienda californiana non viene contestata la posizione dominante nel settore, il problema e’ che i pezzi scaricati da I-Tunes possono essere letti solo da un I-Pod, Apple.



iLuv, schermo più grande per l’iPod

Solo pochi giorni fa avevo pubblicato un articolo nel quale presentavo un oggetto utile per tutti coloro che si lamentano delle dimensioni ridotte dello schermo dell’iPod e però desiderano guardarci i film.
Oggi vi propongo iLuv i1055WHT, con le stesse funzionalità dell’altro modello ma con una grafica molto più curata (peccato per il prezzo che resta elevato, 249 dollari) e la possibiltà di vederci anche i film in DVD (quindi l’accessorio non è strettamente connesso all’iPod).
L’accessorio è disponibile in due versioni, una bianca e una nera, ha uno schermo 16:9 (da 7 pollici), un dock integrato per connettere l’iPod ad esso e supporta DVD / VCD / Audio CD / MP3 CD

Portable Multimedia Tablet-Style DVD Player with 7″ Active-Matrix TFT LCD Screen

  • Watch a movie stored on iPod with 7″ widescreen (16:9 aspect ratio) active-matrix LCD
  • Enhanced user interface with detailed controls
  • S-Video output for external TV viewing
  • Featured with convenient OSD (On-Screen Display)
  • Multiple subtitle / angle / audio functions
  • Slow / fast motion play and zoom operation
  • Built-in Ni-MH rechargeable battery
  • Playable Media: DVD / VCD / Audio CD / MP3 CD

    Special Features for Your iPod

  • Charges iPod while viewing a movie and listening to music
  • Integrated dock for iPod with video (30GB, 60GB)
  • AC adapter must be connected to i1055 in order to charge iPod.


  • Power Sources
  • 9V (AC/DC) Power Adapter
  • Built-in Ni-MH Rechargeable Battery
  • Inputs & Outputs
  • Video Input / Output Jack
  • Audio Input / Output Jack
  • S-Video Output Jack
  • Two 3.5mm Stereo Headphone Jacks
  • Audio Output: 2 x 0.5W (Total 1 Watt RMS)
  • Battery Playing Time: Approx. 2.5 hrs

    In the Box

  • Instruction manual
  • Strap for car-seat display
  • Full-function remote control
  • Cigarette lighter adapter

  • AV cable
  • AC adapter

  • Guarda il davanti della versione bianca
  • Articolo sull’altro schermo “supplementare” per l’iPod

  • Versione nera del prodotto
  • Versione bianca del prodotto

    free web tracker


    Bill Gates Runs Like A Girl


    Bill Gates Runs Like A Girl


    free web tracker


    Iniziano i mondiali di calcio, seguili con Google

    Da notare il logo che oggi c’è nell’homepage di Google e il fatto che se si ricercano con il motore di ricerca le parole 2006 world football vengono dati come risultati le classiche pagine web e in più un World Cup Result che mostra gli ultimi risultati delle partite.

    Se si clicca su quest’ultimo si viene invece rimandati a una pagina di Google che chiede se interessa aggiungere le ultime informazioni delle partite nella propria homepage personalizzata.

    free web tracker


    Fon gratis nei quartieri trafficati

    Con l’obbiettivo di offrire la migliore copertura possibile ai nostri utenti abbiamo deciso di offrire 200 router a chi risiede nelle zone di maggior traffico nelle città di Roma e Milano.

    Se la tua residenza è compresa in uno dei seguenti CAP e desideri sostenere la nostra community condividendo la tua connessione a banda larga scrivi una mail a wifi-citta–at– (metti @ al posto di –at–)


    00185 – 00187 – 00184 – 00153


    20154 – 20122 – 20124 – 20121

    [Via Fon Blog]

    free web tracker



    Apple regala un telecomando con tutti i nuovi Mac ma limita il suo uso a FrontRow e alla gestione di qualche sua applicazione. RemoteBuddy vi permette di controllare l’intero sistema, EyeTV, VLC e tanto altro software oltre a funzionare da tastiera e mouse virtuale.

    Il telecomando dei computer con la mela, AppleRemote è semplicissimo: con solo 6 tasti vi permette di accedere a tutti i contenuti multimediali del vostro Mac. Vi permette anche di gestire le presentanzioni di keynote e il volume del Mac con iTunes o le foto di iPhoto. Ma perché limitarsi alle sole applicazioni Apple?
    IOSpirit ha pensato che, vista la possibilità di estendere FrontRow è preclusa da Cupertino che non ha reso il suo software di controllo espandibile, costruire da capo una applicazione espandibile, modulare, programmabile sia la via migliore per ampliare le capacità del telecomando fornito con tutti i nuovi Mac.

    Nasce così RemoteBuddy che permette di controllare i canali e le registrazioni di EyeTV, la riproduzione di filmati con QuickTime Player e VLC e persino di emulare lo spostamento e il click di un mouse o l’immissione di una serie di testi memorizzati in precedenza, utili anche nel lavoro di ufficio o nell’uso “automatizzato” del vostro Mac mediacenter.

    L’inizio è promettente e tante sono le applicazioni gestibili dal software che viene offerto in versione di prova e costa solo 9 dollari per la registrazione.


    free web tracker


    Il cellulare usa e getta

    Yanko Design ha disegnato il primo prototipo di cellulare usa e getta, realizzato in Tetra Pak.

    Travelers often buy international pay phone cards when the are abroad. But the phone cards can’t be bought anytime anywhere. And it is a problem that families, friends or even travel partners can’t communicate with each other at anytime and they only can contact one way.

    “Paper says” offer international roam service for communication and it can make users avoid the risk to break or lose the mobile phone they rent from local stores. “Paper says” is a mobile phone which can be recycled. Its price is low and it can be bought anywhere. It doesn’t matter if it is dirtied or lost. Even overseas travelers can communicate anytime anywhere and don’t consider the location of booths. It can be bought easily in every country’s state-owned organization such as airport and museums, and privately owned institutions.

    The design characters are easy-handling, simple, convenient and recyclable. The characters agree with the purpose of Tetra Pak. Tetra Pak has been taken effect for many years and is suitable for consumers’ cognition and experience. The appearance design takes the pillow-style in Tetra Pak system as the basic frame. Its interior component is distributable and recyclable and its flat-style fits the space for stores to sell and is suitable for users to carry.

    Due to the paper folding character, you just tear the paper along the dotted line and the paper’s back you tore is the device for dialing. Use paper’s character of lightness and thinness and combine with the LED, the dialing device is pervious to light. Combine with the character of paper and the image easy-carrying. “Paper says” satisfies the need to communication for travelers around the world and accomplishes the goal to communicate anytime anywhere.

    Designer: Chia-Liang Hsu, Yi-Ting Chen, Jun-Lin Fu, Chih-Chieh Lee, Chun Chia Hsu, Allen Huang

    free web tracker


    Pepper Pad 3

    Arriverà a Agosto con un prezzo di circa 600 euro il Pepper Pad 3, un oggetto che è una via di mezzo tra palmare e computer.
    Il Pepper avrà un display ampio 7 pollici, una tastiera QWERTY, un hard-drive da 20 Gb, una webcam, sarà dotato di connettività USB e WI-FI e come sistema operativo utilizzerà Linux 2.6 Kernel il che consentirà di utilizzare tutte le applicazioni che sono attualmente disponibili per questo.

    Con Pepper sarà possibile navigare in internet, visualizzare contenuti video, ascoltare audio, inviare email con allegati, scaricare musica, gestire appuntamenti, ecc.

    Lista delle applicazioni disponibili (
    Maggiori dettagli (
    Devices Drives (
    Realse Future (

    free web tracker


    Skype regala 10 minuti di chiamate

    Oggi Skype regala a tutti i suoi utenti 10 minuti di chiamate ai telefoni fissi tramite SkypeOut.
    Per ottenere il buono non occorre far altro che andare sulla home di ed effettuare il login con le proprie credenziali di accesso.

    free web tracker


    Segnalo è ora di Alice

    Segnalo, il servizio di Bookmarking italiano (che si ispira a, è entrato oggi a far parte dei servizi offerti dal portale

    Quello tra Merzia (gli autori di Segnalo) e Alice e’ un accordo che definirei “genuino”. Una grande realta’ si accorge direi in anticipo sui tempi italiani che c’e’ qualcosa nel concetto di web 2.0 che vale la pena di approfondire, e l’altra parte che ha creato delle tecnologie e’ interessata ad aprire i servizi ad un pubblico piu’ ampio, e penso che con modestia e nel nostro piccolo grazie ad Alice potremo esportare la cultura del web 2.0 in italia in maniera piu’ ampia.

    ….Questo accordo avra’ semmai la potenzialita’ di rendere il servizio migliore, non c’e’ alcuna imposizione o limitazione, ma una sinergia tra le due parti per cercare di migliorare il servizio e di farlo “capire” non solo alla elite che attualmente lo usa ma ad un pubblico piu’ vasto.
    Dal blog di Segnalo

    free web tracker


    Apple ADB come un Mighty Mouse

    I prodotti Apple, almeno secondo me, non perdono mai la loro bellezza e anche i modelli vecchi sono degni di rimanere sul nostro scaffale.
    Ci sono utenti che, affezzionati al passato, non vogliono cambiare computer o accessori ma cercano di adattarli e trasformarli rendendoli adatti alle loro esigenze e molto spesso riescono anche a renderli al “passo” con i modelli attuali.
    Un po’ come questo utente francese che con un po’ di lavoro è riuscito a portare i circuiti e tutti i meccanismi del nuovo Mighty Mouse all’interno di un abbastanza datato mouse Apple ADB.

    Veramente un ottimo lavoro!!!

    free web tracker


    Non ne hai avuto abbastanza?

    Leggi altri post