Elimina la protezione

Finalmente coloro che hanno un Motorola rockr grazie a questo hack potranno ascoltare e caricare tutti i brani che vorranno sul loro cellulare, eliminando una volta per tutte il limite imposto da Apple.
Ci sono solo due problemi, il primo è che per eliminare la protezione occorre un programma che esiste solo per Windows e il secondo sembra che per adesso la cosa si possa fare solo sul RAZR V3.


free web tracker

PERMALINK COMMENTA TWEET

Google maps in Europa

Finalmente, forse dopo troppo tempo, sono arrivati i dettagli sulle mappe di Google Maps anche qui in europa….


free web tracker

PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

Apple spende 500milioni di dollari per il nuovo Campus

Il San Jose Mercury News dopo aver consultato due esperti immobiliari ha detto che Apple avrebbe speso la bellezza di 500 milioni di dollari per acquistare (come annunciato pochi giorni fa da Steve Jobs) la sua nuova sede a Cupertino (dove risiede anche quella attuale).
Lo stesso Steve durante l’annuncio aveva accennato al costo del progetto, che era stato definito enorme e aveva anche detto che se il Campus fosse stato costruito in un’altra città il prezzo sarebbe stato nettamente inferiore.

Steve Jobs said last week that Apple Computer had to beat long odds to find the site of its second campus in Cupertino — and the company’s chief executive wasn’t kidding. Apple also paid big bucks.

Jobs was most likely speaking plainly when he told the Cupertino City Council that Apple ended up spending more than it would have liked to acquire the land. The assessed value of the 50 acres Apple is buying tops $160 million, according to property records. Apple would not comment on the purchase process.

But the purchase price is just the beginning. By the time Apple flattens the site’s old-style structures and builds new offices for as many as 3,500 employees — a process the company expects to take about four years — Apple could easily have spent $500 million, two real estate experts predict. That would make the company’s second campus one of the costliest Silicon Valley commercial ventures in recent memory.

Business space in Apple’s hometown is among the most sought-after in the Bay Area. Just 7.7 percent of Cupertino’s offices are vacant, making it one of the toughest places in the region for businesses to expand, according to NAIBT Commercial, which tracks vacancy rates. The average office vacancy rate in Silicon Valley as a whole is 12.6 percent, NAIBT found.

The maker of iPod music players and Macintosh computers probably could have purchased lower-priced land elsewhere in the Bay Area. Cupertino is an expensive address, be it for commercial or residential properties. But the city where Apple has deep roots held more allure.

No easy task

“Fifty-acre parcels are generally not that available in Silicon Valley,” said Matthew Anderson, partner with Foresight Analytics, a real estate marketing analysis and forecasting company in Oakland. “You can’t buy 50 acres, you have to piece it together. So if you’re Apple and you’re going to go through the trouble of putting it together, you might as well pick an area you want to stay in, as opposed to one further away where you might save money but it will be just as difficult to assemble.”

Apple now has employees working in about 30 buildings strung across Cupertino, including on Bubb Road and De Anza Boulevard, Cupertino city officials said. Consolidating on one large campus will save the company money and headaches in maintenance and security costs, according to real estate experts.

Convenience also is a factor.

“In a campus setting, it’s more of a secluded feel, as opposed to a high-rise,” Anderson said. “Plus, there’s room for other facilities and amenities, such as more parking or a soccer field. When groups are working together, they don’t have to get on a bus and drive to another building, they can just walk.”

Anderson added that having another large campus is also a security advantage for tight-lipped Apple, which zealously guards information about new products and shields its development efforts from public view.

“From a security standpoint, it is easier to secure their intellectual property and their new ideas in a campus setting than one where all their people are spread out,” Anderson said.

Assembling 50 acres of land in Silicon Valley requires more than just a big pocketbook — it takes discretion, too. If sellers find out a multibillion-dollar company is hunting for land, they’re likely to boost the asking price.

So, as with its new products, Apple was equally secretive about its plans for its second campus.

Apple worked with development firm Hines Interests to secure land that will become the technology firm’s new campus. The property is roughly bounded by Interstate 280, Pruneridge Avenue, North Wolfe Road and Tantau Avenue.

Last week, Hines purchased an eight-acre slice of land bounded by Pruneridge Avenue and I-280 from Palo Alto real estate developer SummerHill Homes.

SummerHill had just purchased the property on Pruneridge in February for an undisclosed sum from Sobrato Interests and announced plans to construct 130 townhomes and apartments and a one-acre park on the site.

The property had been rezoned to permit housing. That probably means Apple “paid a little more, especially with the entitlements and housing being as hot as it is now,” said Cupertino City Manager David Knapp.

SummerHill officials were told only at the closing that Hines was working on behalf of Apple, which would cobble together that land with properties it purchased from others to get the space needed to build its second campus. The closing occurred hours after Apple CEO Jobs made a surprise appearance before the Cupertino City Council to inform officials about his company’s expansion plans.

“We typically are in the business of building homes, so that is not that common an occurrence for us. But ultimately that is what the seller informed us,” said Katia Kamangar, senior development manager with SummerHill.

`Assemblage’

Most attempts to piece together contiguous land owned by different owners — a practice known as “assemblage” — are conducted quietly, often with property owners in the dark about who the buyer is, said Philip Mahoney, executive vice president and partner with Cornish & Carey, a Santa Clara commercial real estate brokerage.

“I’ve worked on many assemblages, and the only way they happen is if they are quiet. There’s no upside to those not involved knowing before they need to,” including city officials, said Mahoney, who said his company was not involved in the Apple transaction.

Often companies like Apple “do not want their competitors to know what they are doing because anything perceived as growth can be perceived as a strength or a weakness and others can react to that. There is no upside in being overt in a search such as this,” Mahoney said.

When buying different parcels of land with separate owners, “the complexity of the deal grows by the number of owners involved,” Mahoney said. There may be numerous existing tenants with existing leases to be sorted out, for example, or different zoning for each property. Hewlett-Packard, which sold three buildings to Apple, said its part of the deal is expected to close next month.

Buying the land is just the first step for Apple. The company is preparing development plans to present to city officials for approval, and may have to have the property rezoned.


free web tracker

PERMALINK COMMENTA TWEET

I mac obsoleti

MacBidouille ha pubblicato un articolo nel quale viene detto che il 12 Giugno Apple, come al solito, dichiarerà obsoleti dei prodotti per i quali verrà dunque interrotto il supporto tecnico, la produzione di pezzi di ricambio e di software compatibili con essi.

Ecco l’elenco dei Mac che probabilmente verranno dichiarati obsoleti

  • iBook (FireWire)
  • PowerBook (FireWire)
  • iMac 350 MHz
  • iMac 400 MHz DV
  • iMac 400 MHz DV (Special Edition)
  • iMac (Summer 2000)
  • iMac (Summer 2000) DV
  • iMac (Summer 2000) DV Plus
  • iMac (Summer 2000) DV Special Edition
  • Macintosh Server G4 (AGP Graphics)
  • Macintosh Server G4 (Gigabit Ethernet)
  • Power Mac G4 (AGP Graphics)
  • Power Mac G4 (Gigabit Ethernet)


    free web tracker

  • PERMALINK COMMENTA TWEET

    Forest Fump (il video del giorno)

    Video

    Forest Fump (il video del giorno)

    [youtube=http://www.youtube.com/watch?v=2NgCnAzeXxg]


    free web tracker

    PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

    Supporta Bicycle Mind — se ti piace, ovvio, eh — così: acquistando su Amazon (partendo da qua), abbonandoti alla membership o con una donazione. Leggi di più

    Mac Book Pro 17″

    Dopo il down dell’Apple Store è arrivato il tanto atteso Mac Book Pro da 17″ (al costo di 2415 euro).

    Il nuovo portatile Apple destinato alla fascia professional è dotato di una CPU Intel Core Duo da 2,16 Ghz, uno schermo con risoluzione 1680×1050, un disco rigido SATA da 120 Gb a 5400 rpm, una scheda grafica ATI X1600 con 256 Mb di RAM e un superdrive dual layer.
    Il computer è inoltre dotato di una porta Firewire 800 che sembrava che Apple volesse rimuovere.


    free web tracker

    PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

    Apple Store Down

    Apple Store down…..speriamo che questa sia la volta buona


    free web tracker

    PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

    Imation Flash Wristband

    Resistente ed elegante, Imation Flash Wristband (costo: 30 euro) è il metodo nuovo e comodo per trasferire, condividere e salvare file digitali. Compiti di scuola, fotografie, grafici, brani musicali o messaggi di posta elettronica: tutto viene protetto da un involucro di gomma flessibile di colore nero o blu. Sempre pronto all’uso con i suoi 256MB di capacità, Flash Wristband è l’accessorio indispensabile per giovani, studenti e professionisti.

    Disponibile nei colori blu o nero, il design di Flash Wristband si basa su un resistente guscio di gomma comodamente adattabile intorno al polso dell’utente: il prodotto si richiude all’interno di se stesso proteggendo il drive contro danni o smarrimenti accidentali. Basta semplicemente “aprirlo” e collegare il drive alla porta USB del computer.

    Per ulteriori informazioni clic qui


    free web tracker

    PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

    iCal per Windows

    Gli utenti di Windows ammirano parecchio i software della Apple e più volte hanno tentato di ricopiarli (con risultati abbastanza scadenti).

    Oggi mi sono imbattuto in Mono Calendar, un software che è ispirato (o forse è meglio dire copiato :-) ) da iCal di Apple.
    Il programma è abbastanza ben fatto, è gratuito (se ho capito bene anche opensource) ed è disponibile in due versioni: una per Windows e un Linux


    free web tracker

    PERMALINK 27 COMMENTI TWEET

    iMac G3 Advert (il video del giorno)

    Video

    iMac G3 Advert (il video del giorno)

    [youtube=http://www.youtube.com/watch?v=ToZOWw-NlhE]


    free web tracker

    PERMALINK COMMENTA TWEET

    Google obbligata a rimuovere il logo di Mirò

    Google è ormai da molto tempo che quando si verificano avvenimenti importanti, feste (Natale, ecc.) o ricorrenze di date particolarmente importanti pubblica sulla sua homepage un logo apposito per celebrare l’evento.

    Dunque ieri, giorno nel quale ricorreva la nascita del noto pittore spagnolo Joan Mirò, Google ha sostituito il suo logo classico con un’altro (che ieri ho pubblicato in un articolo) appositamente realizzato secondo lo stile di Mirò.

    I partenti di Mirò però a quanto pare sembra non abbiano gradito la “sorpresa” e hanno prontamente chiesto alla Artists Rights Society (società che si occupa dei diritti d’autore) di chiedere a Google di rimuovere il logo dall’homepage.

    Ecco quanto affermato dal presidente della società:

    “It’s a distortion of the original works and in that respect it violates the moral rights of the artist”


    free web tracker

    PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

    I Mac Lab di Microsoft

    Esite una piccola divisione (da molto tempo, sin prima della nascita di Windows) all’interno di Microsoft dedicata allo sviluppo dei prodotti per i computer Apple.
    Grazie alle foto pubblicate da David Feiss in un articolo del suo blog possiamo renderci conto di come sono questi uffici, i Mac Lab di Microsoft.


    free web tracker

    PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

    Una nuova sede per Apple

    Steve Jobs ha dichiarato durante il concilio della città di Cupertino di voler costruire un nuovo campus ampio 50 acri.
    Infatti il business di Apple negli ultimi 5 o 6 anni è triplicato e dunque il quartier generale di Cupertino si è espanso; attualmente la Apple utilizza trenta edifici e ognuno di questi è sempre più lontano dal campus centrale.

    Dunque Apple ha acquistato dei nuovi terreni (sempre a Cupertino) sui quali fonderà un nuovo campus distante circa 1,5 Km dalla sede attuale situata a Infinite Loop.


    free web tracker

    PERMALINK COMMENTA TWEET

    Little Jimmy


    free web tracker

    PERMALINK COMMENTA TWEET

    Specifiche rss 2.0

    A chi interessasse da pochi giorni è disponibile a questa pagina la traduzione in italiano delle specifiche degli RSS 2.0.


    free web tracker

    PERMALINK COMMENTA TWEET

    Presto le pubblicità dei Mac e degli iPod anche in Italia

    Durante la conferenza stampa che si è tenuta ieri e nella quale sono stati presentati i dati finanziari di Apple dell’ultimo trimestre del 2006 Frank Oppenheimer (responsabile finanziario della mela) ha dichiarato di voler mettere in atto una campagna pubblicitaria in quei paesi (frai quali troviamo l’Italia) dove le vendite di iPod e Mac non sono molto alte (nel caso dell’iPod non superano l’70% del mercato dei lettori musicali).

    Questo significa che presto vedremo le bellissime pubblicità della Apple alla televisione, sui giornali e per le strade italiane.


    free web tracker

    PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

    Lasciate che i vostri figli vengano a me (articolo originale)

    Pubblico in questo post l’articolo scannerizzato apparso oggi sulla rivista Magazine del Corriere della Sera.
    A mio parere è molto interessante la parte in cui Steve e Bill vengono messi a confronto

    Ringrazio tantissimo Daniele che mi ha scannerizzato e inviato l’articolo per email!!!!

    Lasciate che i vostri figli vengano a me (1 pagina)Lasciate che i vostri figli vengano a me (2 pagina)Lasciate che i vostri figli vengano a me (3 pagina)Lasciate che i vostri figli vengano a me (4 pagina)Lasciate che i vostri figli vengano a me (5 pagina)Lasciate che i vostri figli vengano a me (6 pagina)


    free web tracker

    PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

    iBook Love (il video del giorno)

    Video

    iBook Love (il video del giorno)

    [youtube=http://www.youtube.com/watch?v=s6oLDkVL-k4]


    free web tracker

    PERMALINK COMMENTA TWEET

    Joan Miro


    free web tracker

    PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

    Lasciate che i vostri figli vengano a me

    Ha creato il «mondo Mac», ha inventato l’Ipod. Ha rivoluzionato i cartoni animati con Pixar. E adesso, un passo alla volta, sta dando l’assalto alla Disney. Perchè? Mosse e segreti del cinquantenne più amato dai teeneger. E più’ temuto dai colleghi.



    Un telefonino dalle prestazioni rivoluzionarie o uno schermo portatile molto più seducente del «video iPod» lanciato qualche mese fa o, ancora, un piccolo cubo nero destinato a impadronirsi dei soggiorni delle nostre case, con la sua capacità di integrare in un unico sistema computer, musica, tv, giochi, videocamera e «home theatre». I seguaci della Apple si interrogano sulla next big thing che uscirà dalla manica di Steve Jobs che intanto, divenuto anche il maggior azionista della Disney, si prepara a portare le sue «fantasie digitali» perfino nel mondo dei bambini. Colpi di scena che si susseguono, mentre la «chiesa» di Cupertino (la località della Silicon Valley che è sede della Apple), fondata da Jobs esattamente trent’anni fa, sta cambiando natura. L’uomo che negli anni ’70 ha aperto l’era del computer accessibile ai professionisti, agli studenti, alle famiglie – e non più solo agli specialisti dei laboratori – fino a non molto fa era il semidio venerato da una setta di adepti: i Mac enthusiasts, rimasti fedeli al sistema Macintosh anche quando il mercato era stato invaso dalla Microsoft di Bill Gates. La scelta della Apple era stata quella diventare la Jaguar – o la Ferrari – dei computer: macchine di alte prestazioni, con un design seducente, ma non abilitate a dialogare con Windows, il sistema «proletario» che ha consentito a Gates di crescere a velocità prodigiosa, fin a divenire un quasi monopolista. Quella costruita da Steve Jobs era una «torre d’avorio» affollata (nei dieci anni di maggior splendore della Apple sono stati venduti 12 milioni di «Mac»), ma pur sempre una «torre d’avorio»: la sua quota non è mai andata oltre il 4 per cento del mercato mondiale. Una setta con i suoi evangelisti: migliaia di supporter disinteressati che hanno convinto amici e conoscenti ad aderire al culto del «Mac».

    Con i suoi profeti: dal cofondatore della Apple, Steve Wozniak, a Jef Raskin, il geniale scienziato-musicista che studiò per primo un sistema con un’interfaccia grafica comprensibile anche per il grande pubblico e gli dette il nome della sua mela preferita, la McIntosh, appunto. E perfino con un martire: lo scrittore afroamericano Rodney Lain che ha celebrato il «Mac» in saggi e poesie, finendo suicida durante una crisi depressiva. Ma quattro anni fa, col lancio dell’iPod, la setta ha cominciato a trasformarsi in religione di massa. All’inizio pochi lo avevano previsto: quando, un mese dopo l’attacco alle Torri gemelle, Jobs presentò il suo primo riproduttore digitale di musica, entrando con un prezzo elevato (400 dollari) in un mercato fin lì dominato dai «walkman» della Sony, fu deriso con una battuta sprezzante: iPod sta per idiots price our devices («il prezzo è stato fissato da degli idioti»). È stato, invece, un successo straordinario. Anche l’iPod è diventato un oggetto di culto, ma, a differenza del Mac, non è rimasto il simbolo esclusivo di una élite: nel solo 2005 ne sono stati venduti 42 milioni di esemplari conquistando, nonostante il prezzo elevato (anche se più basso di quello originale), l’80 per cento di questo nuovo mercato. teste di logo L’«iPod-mania» ha contagiato ovunque i giovani. E intanto in America cominciano addirittura a comparire le macchine che distribuiscono «iPod», come fossero lattine di Coca Cola e dilagano le mode degli accessori «griffati», dei tatuaggi, addirittura delle rasature che stampano sul cranio il logo della Apple. Sulla rete, poi, sono ormai migliaia i siti in cui i fan dell’iPod si scambiano esperienze e consigli. I 141 templi della cultura Macintosh, gli «Apple store» sparsi in America, Giappone, Canada e Gran Bretagna (in autunno il primo «Store» dell’Europa continentale verrà aperto a Roma), che un tempo erano ovattati santuari della tecnologia, sono ormai divenuti luogo d’incontro di variopinte folle di giovani che hanno trasformato questi hot spots in veri e propri luoghi di socializzazione. E Steve Jobs è il mito di tutti, giovani e meno giovani, fanatici dei suoi prodotti e giornalisti ancora «ustionati» dai suoi modi ruvidi nei rapporti coi media. Geniale ed egocentrico, generoso e arrogante, Jobs è il pifferaio magico che sa inventare un’elettronica con l’anima. La sua storia straordinaria e dolorosa – abbandonato dai genitori alla nascita, estromesso dalla Apple dieci anni dopo averla fondata, rientrato trionfalmente in azienda dopo altri dieci di «traversata del deserto» e, al culmine del successo, colpito da un tumore al pancreas, al quale è tuttavia sopravvissuto – suscita una simpatia umana che nemmeno i suoi atteggiamenti scostanti e algidi riescono a spegnere. Per i giovani innamorati della tecnologia e della libertà Jobs è l’icona perfetta del nostro tempo: il cervello del grande manager, l’approccio specialistico dell’ingegnere e il cuore del buddista zen, col gusto dell’estetica e la genialità alimentate anche dalla cultura hippy che ha profondamente influenzato Jobs negli anni ’70. Ma, superata la soglia dei 50 anni (è nato nel 1955), spente le 30 candeline per la Apple – da lui fondata, come un «pesce» goliardico, il primo aprile del 1976 – Steve Jobs sta forse cambiando pelle: qualche mese fa è diventato, appunto, il maggior azionista della Disney, il gigante dei cartoni animati e dell’intrattenimento, al quale ha venduto la Pixar, il primo studio cinematografico al mondo specializzato nella produzioni di cartoon digitali. Pixar è la creatura che ha tenuto in vita Jobs negli anni dell’«esilio», quella sulla quale ha a lungo riversato la sua creatività. Così ora c’è chi pensa che, dopo aver conquistato i nostri adolescenti, il «figlio dei fiori» fattosi capitano d’industria voglia catturare anche i nostri bambini, rivoluzionando il mondo dell’intrattenimento e dell’animazione sulla scia dei successi di Toy Story, Nemo e degli Incredibili. Tutti successi della Pixar mentre la Disney, che aveva scartato l’animazione digitale considerandola troppo fredda, ha infilato una serie di «flop». Ma secondo Richard Doherty, un analista dell’Envisioneering Group che lo ha studiato a fondo, Jobs non emigrerà certo a Burbank, dove ha sede la Disney: in futuro terrà un piede nella Tomorrowland dei sogni dei ragazzi, mentre l’altro resterà saldamente nel mondo dei computer. Dove questo eterno ragazzo, che continua a presentarsi in azienda con la barba lunga, un dolcevita nero e un paio di jeans, sta probabilmente pensando di fare con i Pc della Apple quello che ha già fatto con l’iPod: conquistare nuove quote di mercato abbattendo le barriere tecniche, aprendosi all’interoperabilità dei sistemi. Dalla fine del 2005 Apple, fedele da decenni alla tecnologia Ibm, ha cominciato a montare sui suoi computer i microchip dell’Intel, quelli utilizzati da tutte le macchine che «girano» con Windows. E, qualche giorno fa, il gruppo di Cupertino ha annunciato di aver messo a punto un programma che consentirà ai suoi computer funzionare anche col sistema Windows. Per l’«iMac» si aprono grandi praterie commerciali, ma i fedeli del Macintosh scuotono la testa delusi per quello che anche i grandi consulenti internazionali hanno bollato come un «cambio di religione». La Apple è consapevole della natura «blasfema» dell’operazione e infatti, arrossendo un po’, ha deciso che questo programma, denominato «Boot Camp», sarà disponibile gratuitamente in rete, ma ha anche stabilito che i tecnici di supporto dei suoi negozi, i cosiddetti «MacGeniuses», non aiuteranno i clienti a istallarlo.

    Da Magazine del Corriere della Sera


    free web tracker

    PERMALINK 9 COMMENTI TWEET

    Non ne hai avuto abbastanza?

    Leggi altri post