Take It: un’app per stampare Polaroid gratuitamente

Applicazione

Take It: un’app per stampare Polaroid gratuitamente

Take It è un’app per iPhone che ogni mese vi permette di stampare cinque foto in formato Polaroid, gratuitamente (negli USA completamente, altrove pagate solo $3 di spedizione). In cambio prima dell’ordine dovete guardarvi uno spot, e nella busta con le foto vi ritrovate un volantino pubblicitario.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Indietro, senza affaticarsi

Ho installato la beta di iOS 9 sull’iPhone. Ha molti difetti, essendo una beta, e a meno che non siate affetti da neomania vi conviene attendere — nel mio caso all’apertura di un’applicazione c’è uno spazio fra la barra in alto e l’applicazione stessa, che sparisce nel giro di un secondo ma è molto urtante da vedere.

Dopo alcuni giorni d’uso posso dire però qual è la cosa che più apprezzo: il bottone indietro. Appare quando un’applicazione vi spinge in un’altra applicazione; ad esempio, quando aprite un link di Mail e finite all’improvviso in Safari. Fino ad iOS 8 per tornare indietro, all’app iniziale, toccava ricorrere a un continuo doppio tap del bottone Home (il che rendeva lo spostarsi da un’app all’altra abbastanza faticoso), con iOS 9 nella seconda applicazione appare invece un piccolo bottone in alto a sinistra che permette di tornare, subito, indietro appunto.

Questo bottone è l’aggiunta che fino ad ora ha avuto maggior impatto sul mio uso di iOS. Comporta una riduzione drastica del continuo doppio tap del tasto Home — e dita meno stanche.

PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

Il web che dobbiamo salvare

Hossein Derakhshan, blogger iraniano, venne condannato nel 2008 a vent’anni di carcere per colpa della sua attività di blogger. Quando sette mesi fa è stato rilasciato in anticipo, si è all’improvviso ritrovato di fronte ad un web totalmente diverso da quello che ricordava e per il quale fu disposto ad andare in carcere — basato su social network, e sempre più centralizzato:

The hyperlink was my currency six years ago. Stemming from the idea of the hypertext, the hyperlink provided a diversity and decentralisation that the real world lacked. The hyperlink represented the open, interconnected spirit of the world wide web — a vision that started with its inventor, Tim Berners-Lee. The hyperlink was a way to abandon centralization — all the links, lines and hierarchies — and replace them with something more distributed, a system of nodes and networks.

Blogs gave form to that spirit of decentralization: They were windows into lives you’d rarely know much about; bridges that connected different lives to each other and thereby changed them. Blogs were cafes where people exchanged diverse ideas on any and every topic you could possibly be interested in. They were Tehran’s taxicabs writ large.

Since I got out of jail, though, I’ve realized how much the hyperlink has been devalued, almost made obsolete.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Quale futuro per il lavoro?

Tim O’Reilly ha indetto una conferenza, Next Economy, su uno degli argomenti più interessanti e attuali (IMHO), ovvero l’impatto della tecnologia (automatizzazione, seria, che stiamo sottovalutando, non quella a cui siamo abituati fatta da macchinari stupidi) sul lavoro.

Scrive su Medium:

AIs are flying planes, driving cars, advising doctors on the best treatments, writing sports and financial news, and telling us all, in real time, the fastest way to get to work. They are also telling human workers when to show up and when to go home, based on real-time measurement of demand. The algorithm is the new shift boss. […]

What is the future when more and more work can be done by intelligent machines instead of people, or only done by people in partnership with those machines? What happens to workers, and what happens to the companies that depend on their purchasing power? What’s the future of business when technology-enabled networks and marketplaces are better at deploying talent than traditional companies? What’s the future of education when on-demand learning outperforms traditional universities in keeping skills up to date?

(Un video sull’argomento: Un futuro senza lavori)

PERMALINK COMMENTA TWEET

La morte dei PC non è stata enfatizzata abbastanza

L’era post-PC, derisa da molti, con tablet e smartphone, è arrivata e l’impatto sul mercato dei PC si è rivelato maggiore di quanto molti avessero previsto. Per avere un dato di confronto: Apple ha venduto 61 milioni di iPhone nell’ultimo trimestre, contro 66,1 milioni di PC venduti in totale nel medesimo trimestre.

Wired riporta delle statistiche:

Research outfit Gartner tracked a 9.5 percent decline in shipments in the second quarter of this year compared to the same time a year ago, posting a tally of 68.4 million units. […]

Of all PC makers listed, only Apple saw year-over-year growth of 16.1 percent, IDC said, a jump likely helped by the release of the new MacBook Air and the MacBook Pro in March, and a figure that could climb even higher if Apple’s Retina-screened MacBook is a success. But to put that in perspective, Macs overall accounted for less than 10 percent of Apple’s revenue for that quarter. The iPhone? Almost 70 percent.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Supporta Bicycle Mind — se ti piace, ovvio, eh — così: acquistando su Amazon (partendo da qua), abbonandoti alla membership o con una donazione. Leggi di più

Apple cattura il 92% dei profitti del mercato degli smartphone

Apple vende meno del 20% del totale degli smartphone venduti, ma nonostante ciò cattura il 92% dei profitti (lo scorso anno la percentuale si attestava al 65%, una crescita non di poco!). Samsung, per paragone, ne cattura il 15%. Questo significa anche che qualsiasi altro produttore si ritrova con un margine di guadagno basso se non inesistente (alcuni produttori, come HTC e Microsoft, riportano perdite).

Wall Street Journal:

Neil Mawston, executive director at market researcher Strategy Analytics, said many Android vendors are stuck between low-cost, high-volume brands such as China’s Xiaomi Corp. and Apple’s premium smartphones. […]

Microsoft and Xiaomi aim to profit after phones are sold, through paid app downloads, phone accessories or other add-ons. Samsung also makes money from making components that go into its phones, as well as those of rivals.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Cos’ho imparato navigando a 32kbps

Gabor Lenard è stato costretto (per circa un mese) dal proprio operatore telefonico ad utilizzare una connessione a 32kbps, dopo aver superato i limiti di traffico mensile. Essendo di professione uno sviluppatore web, ne è uscito dall’esperienza — oltre che logorato, come succederebbe a tutti — segnandosi alcuni accorgimenti che d’ora in avanti prenderà durante lo sviluppo di un sito.

Fra gli accorgimenti che ha preso, ora cerca sempre di sviluppare riducendo la velocità di connessione (lo si può fare in Chrome dagli strumenti per sviluppatori) per rendersi subito conto dei tempi di caricamento:

I always keep this mode turned on for the site I am working on. I need to feel the pain as soon as possible so that I immediately notice the changes that are bad for performance. Additionally, I like that I can easily disable the cache under the “Network” panel (see screenshot above) without having to purge the browser cache.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Le startup viste dai media

Sul BackChannel (Medium), Aaron Zamost descrive la ciclicità degli eventi con cui il percorso di una startup viene narrato dai media:

A company’s narrative moves like a clock: it starts at midnight, ticking off the hours. The tone and sentiment about how a business is doing move from positive (sunrise, midday) to negative (dusk, darkness). And often the story returns to midnight, rebirth and a new day.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Apple rivoluzionerà l’assistenza sanitaria?

Secondo Tim Bajarin, con HealthKit e altri prodotti legati in qualche modo alla salute (Apple Watch), Apple starebbe gettando le fondamenta per rivoluzionare il settore dell’assistenza sanitaria — soprattutto il modo in cui i dati medici vengono trattati (e comunicati, fra i vari interessati):

As I look at Apple today and try and peer into its future, I believe they are going to disrupt three other industries very soon. The first one is healthcare. Back in 2012, I don’t think any of us could have seen how Apple would link an iPhone or iPad to the health market. Yes, Apple did show one health app when they introduced the iPad in 2010 and we saw others over the first two years that perhaps hinted at this health connection. But what Apple is doing in health now and, more importantly, how they are positioning themselves to be a key broker of health data between a user and their healthcare providers is a very big deal. […]

Tim Cook and his team are so involved with helping users record their health data and working with the health industry to get that information into a unified format in a safe and secure way so a person’s healthcare provider can be more proactive in dealing with anyone’s health.

PERMALINK COMMENTA TWEET

CSS font-family per San Francisco

Craig Hockenberry:

Apple has started abstracting the idea of a system font: it doesn’t have a publicly exposed name. […]

The motivation for this abstraction is so the operating system can make better choices on which face to use at a given weight. Apple is also working on font features, such as selectable “6″ and “9″ glyphs or non-monospaced numbers. It’s my guess that they’d like to bring these features to the web, as well.

Come risultato di questa astrazione, è possibile chiamare il font di sistema del Mac con un nome generico. Invece di fare riferimento a San Francisco, si può fare riferimento (e, siccome deve funzionare anche per app basate su webview, funziona anche sul web) a -apple-system-font.

Ad esempio:

body {
  font-family: -apple-system-font, HelveticaNeue, LucidaGrande;
}

Tutto questo, come specifica Craig, è molto poco documentato al momento (e non supportato da Chrome).

PERMALINK COMMENTA TWEET

Gli esperimenti di Microsoft per creare una penna digitale

Microsoft si sta interessando alle penne, digitali. Un articolo di WIRED racconta alcuni dei progetti e esperimenti in corso, fra cui una ricerca per disegni: disegni una mela, e Bing ti risponde con immagini di mele (dubito funzionerebbe con me):

The possibilities are kind of incredible, actually. For instance, the Microsoft team has been experimenting with a search tool that lets you draw your search query. Bathiche sketches a crude Eiffel Tower, and Bing-powered image results populate. OK, what about at night? He scribbles a dark sky, and quickly switches the pen’s digital ink to yellow—lights! The search results change instantly. In another demo, he sketches arrows, shapes, and symbols. Rather than scroll through lists or try to figure out whether he wants “Medium Left Arrow” or “Medium Left Arrow with Big Head,” he just draws what we wants. The app recognizes what he’s making, smoothing out lines and sharpening corners so it looks like an actual arrow.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Joshua Topolsky sul perché ha lasciato Bloomberg

The reality in media right now is that there is an enormous amount of noise. There are countless outlets (both old and new) vying for your attention, desperate not just to capture some audience, but all the audience. And in doing that, it feels like there’s a tremendous watering down of the quality and uniqueness of what is being made. Everything looks the same, reads the same, and seems to be competing for the same eyeballs. In both execution and content, I find myself increasingly frustrated with the rat race for maximum audience at any expense. It’s cynical and it’s cyclical — which makes for an exhausting and frankly boring experience. Joshua Topolsky, riguardo la decisione di abbandonare Bloomberg

PERMALINK COMMENTA TWEET

Aggiornate Flash

Hacking Team aveva rilevato una grave falla in flash che, invece di segnalare ad Adobe, ha preferito tenere nascosta per poterla sfruttare a proprio vantaggio.

Flash gets updated a lot, often for security purposes. What usually happens is a security firm, or a hacker looking for a bounty, or Adobe itself will find a vulnerability, and the Flash team will quietly patch their software before the exploit becomes widely known. This time, the exploit is already out there, and is quickly making its way into malware tools.

Aggiornate flash subito.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Hacking Team: cosa dobbiamo temere

Penso ormai tutti i lettori di questo blog siano a conoscenza di quanto successo a Hacking Team, azienda italiana fornitrice, a governi e moltissime altre realtà, di software per la sorveglianza e l’intercettazione di dati (qua c’è lo spiegone de Il Post, per chi ne avesse bisogno). Per avere un’idea più chiara dell’attività ‘losca’ di Hacking Team, guardate questo loro stesso video in cui presentano RCS, Galileo e altri software per iniettare trojans remotamente nei computer dei soggetti interessati, per poi spiarli.

Hacking Team è stato hackerato a inizio settimana, e le email (ora pubbliche su Wikileaks) rivelano dettagli sui soggetti a cui Hacking Team stava fornendo il proprio software (anche governi decisamente non democratici, come il Sudan). Nell’attacco sono stati ottenuti 500GB di file, documenti fiscali e email interne. Ma soprattutto il codice dei programmi di sorveglianza, ora pubblico su GitHub.

Scrive Matteo Flora, riguardo le conseguenza che il leak potrebbe avere su tutti: sui governi e servizi segreti che facevano uso dei programmi di Hacking Team (e sulle indagini in corso), ma soprattutto sulla possibilità che varie entità possano iniziare ad utilizzare il sistema di Hacking Team a loro vantaggio (essendo non troppo complesso — The Intercept aveva pubblicato tempo fa il manuale fornito assieme, per utilizzarlo):

Nel caso non vi fosse ancora chiaro, dal 6 di Luglio uno dei più sofisticati e perfezionati sistemi di intercettazione a livello globale è libero e disponibile a chi ha anche limitate capacità di comprendere ed installare il codice che si trova all’interno dei Torrent. Significa che in capo a pochi giorni assisteremo alla messa online di installazioni di “Black RCS” o “Black Galileo”: installazioni “pirata” del software con bersagli decisi dai criminali. E questi bersagli possono benissimo essere politici, magistrati, competitor o anche – nel caso di paesi diversamente democratici – attivisti e oppositori di regime.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Perché Facebook ha cambiato le icone

Facebook ha delle nuove icone per indicare gruppi e amici, che mettono una donna in primo piano invece di una figura maschile (come avveniva prima).

Le modifiche alle icone sono state proposte Caitlin Winner, designer manager di Facebook:

As a result of this project, I’m on high alert for symbolism. I try to question all icons, especially those that feel the most familiar. For example, is the briefcase the best symbol for ‘work’? Which population carried briefcases and in which era? What are other ways that ‘work’ could be symbolized and what would those icons evoke for the majority of people on Earth?

(In passato Facebook aveva modificato l’icona delle notifiche (un globo), adattandola alla posizione geografica dell’utente — America, Asia o Europa).

PERMALINK COMMENTA TWEET

Leggere ‘Guerra e pace’ sull’iPhone

Clive Thompson difende la lettura su schermi, tant’è che lui è arrivato al punto di leggersi Guerra e pace sull’iPhone:

The phone’s extreme portability allowed me to fit Tolstoy’s book into my life, and thus to get swept up in it. And it was being swept up that, ironically, made the phone’s distractions melt away. Once you’re genuinely hankering to get back to a book, to delve into the folds of its plot and the clockwork machinations of its characters, you stop needing so much mindfulness to screen out digital diversions. The book becomes the diversion itself, the thing your brain is needling you to engage with. Stop checking your email and Twitter! You’ve got a book to read!

In realtà pure io oramai leggo non solo saggi ma anche narrativa dall’iPhone, cosa che mi permette di leggere nei momenti morti in cui altrimenti aprirei Instapaper o Twitter, o nel chaos della metropolitana (in piedi).

PERMALINK COMMENTA TWEET

Chi possiede i tuoi passi?

BuzzFeed:

As more people monitor every part of their health with gadgets and apps, a debate is emerging over a key question: Who owns the resulting data? A small but growing number of consumers, who’ve literally sweated for that information, say device makers should give them the tools to export, analyze, and delete the data as they please. But some of the leading fitness-tracking services haven’t done much to make it easy to download data or integrate it into other systems — partly because they don’t think most customers want to view their steps in massive Excel spreadsheets, and partly in a bid to keep them from taking their steps to a rival.

Una delle ragioni che mi spinsero ad abbandonare il contapassi Fitbit fu la loro policy riguardo i miei dati: non potevo esportarli, se non abbonandomi all’account Pro (sui $50 annuali). Dopo aver pagato per il contapassi, loro si tenevano pure i miei dati.

L’esportazione è importante perché permette di spostare i dati raccolti su servizi che magari li analizzano meglio, e di non rimanere per forza legati all’analisi o presentazione dei dati offerta dal produttore del dispositivo. Mentre RunKeeper, Jawbone, e Apple offrono metodi per esportare i propri dati altri, come Google Fit e Nike+ Fuel, se li tengono ben stretti.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Disegnare un sito con il material design di Google, facilmente

Google ha rilasciato Material Design Lite, una libreria di componenti (HTML, CSS e JS) che permette di creare con sforzo minimo un sito web basato su material design. La libreria include bottoni, checkbox, cards, ma anche una griglia, slider, tab, icone, gestione curata della tipografia e molto altro.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Scatole bianche

Apple si sta preparando a rimuovere dai propri store gli accessori di terze parti che non hanno scatole bianche (tradotto: la cui confezione non sia stata approvata da Apple). Riporta 9to5mac:

Apple has been working with select third-party accessory makers over the past six months to redesign boxes so that the experience more closely matches the boxes of Apple’s own products…

È il caso?

PERMALINK COMMENTA TWEET

Il problema nell’affidare a GitHub il compito della preservazione del codice

GitHub è diventato negli anni un’enorme collezione di software open-source, un repository di conoscenza, non un semplice posto in cui salvare del codice. Wired ci ricorda però dell’aspetto spesso dimenticato di GitHub, l’azienda GitHub (valutata a 2 miliardi di dollari), e del perché affidare ad essa il compito della preservazione del codice sia un problema (via @koolinus.net).

Non ne hai avuto abbastanza?

Leggi altri post