Jonathan Ive lascerà Apple?

Stephen Fry ha chiaccherato con Ive, sulla promozione a Chief Design Officer — un nuovo ruolo ad Apple, appositamente creato:

When I catch up with Ive alone, I ask him why he has seemingly relinquished the two departments that had been so successfully under his control. “Well, I’m still in charge of both,” he says, “I am called Chief Design Officer. Having Alan and Richard in place frees me up from some of the administrative and management work which isn’t … which isn’t …”

“Which isn’t what you were put on this planet to do?”

“Exactly. Those two are as good as it gets. Richard was lead on the iPhone from the start. He saw it all the way through from prototypes to the first model we released. Alan has a genius for human interface design. So much of the Apple Watch’s operating system came from him. With those two in place I can …”

I could feel him avoiding the phrase “blue sky thinking”… think more freely?”

“Yes!”

Secondo Ben Thompson è l’inizio del distacco di Ive da Apple. Abbandonare una posizione di management giornaliero per “pensare più liberamente” è un indizio; ammettere di volere “viaggiare di più” è un altro. Questo articolo, così come quello apparso a Febbraio sul New Yorker e quello più recente dell’Aprile scorso su Wired, serve anche ad introdurre e familiarizarci con le due persone che (fra due anni?) potrebbero sostituirlo, Alan Dye e Richard Howarth.

Il momento non potrebbe essere più opportuno, a Apple Watch appena uscito è probabile che almeno per i prossimi due anni non ci sia alcun grosso prodotto in vista per Apple. Secondo Thompson, Apple sta pianificando l’uscita di Ive da tempo, e la sta orchestrando in modo da evitare i fiumi di articoli (sull’imminente fallimento) che in molti scrissero quando Tim Cook prese il posto di Steve Jobs.

Scrive Joe Cieplinski (che è dello stesso parere di Ben):

A person such as Jony Ive can’t just retire from Apple one day. He or she must transition, over the course of a year or more, so as to cushion the impact on the stock price, public perception, etc.

Start by making it look like a “promotion.” Then spend the next several months talking up the accomplishments of his replacements. (I wouldn’t be surprised if we started seeing Howarth and Dye featured in upcoming design videos and/or appearing on stage at Apple keynotes.)

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

I numeri di Apple

Alcune cose che impressionano:

  • La crescita di vendite in Cina, del 71%. Apple ha fatturato in Cina più di $16 miliardi, in America $21 e in Europa $12: la Cina è più importante dell’Europa, oggi, per Apple.
  • Come sempre, la dimensione del business dell’iPhone.
  • Le vendite dell’iPad, al contrario, continuano a diminuire. 12.6 miliardi di unità vendute, contro le 16.4 del trimestre precedente.
  • Il 20% dei possessori di un iPhone è passato ad iPhone 6 o 6 Plus.

E questa immagine, che mostra il cumulo di denaro su cui Apple siede (194 miliardi di dollari):

Insomma, nell’ultimo trimestre fiscale Apple ha fatturato 58 miliardi di dollari. Daring Fireball ricorda di quando, soli cinque anni fa, Steve Jobs notava con orgoglio come Apple fosse diventata un’azienda con un fatturato annuale da $50 miliardi di dollari.

Cinque anni dopo, fanno più di $50 miliardi a trimestre:

Apple today announced financial results for its fiscal 2015 second quarter ended March 28, 2015. The Company posted quarterly revenue of $58 billion and quarterly net profit of $13.6 billion, or $2.33 per diluted share. These results compare to revenue of $45.6 billion and net profit of $10.2 billion, or $1.66 per diluted share, in the year-ago quarter. Gross margin was 40.8 percent compared to 39.3 percent in the year-ago quarter. International sales accounted for 69 percent of the quarter’s revenue.

The growth was fueled by record second quarter sales of iPhone and Mac and all-time record performance of the App Store.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Things per Apple Watch

Applicazione • Apple Watch

Things per Apple Watch

Come al solito, gli sviluppatori di Cultured Code hanno fatto un ottimo lavoro:

We set out to design a version of Things that’s focused, not on task management, but on task accomplishment. Specifically, what you’ve decided you will do today.

Things è il mio task manager da anni, dal mio primo iPhone. Ho provato molte alternative (troppe, in questa categoria), ma alla fine sono sempre tornato a Things.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Calcbot per Apple Watch

Applicazione • Apple Watch

Calcbot per Apple Watch

Tapbot ha rilasciato Calcbot per Apple Watch. Ora non ha davvero più nulla da invidiare al mio vecchio Casio. Include (anche) un convertitore di valute.

PERMALINK COMMENTA TWEET

L’archivio digitale del MoMA

Interessantissimo post dal blog del MoMA sulle misure adottate dal museo per preservare le opere digitali:

The packager addresses the most fundamental challenge in digital preservation: all digital files are encoded. They require special tools in order to be understood as anything more than a pile of bits and bytes. Just as a VHS tape is useless without a VCR, a digital video file is useless without some kind of software that understands how to interpret and play it, or tell you something about its contents. At least with a VHS tape you can hold it in your hand and say, “Hey, this looks like a VHS tape and it probably has an analog video signal recorded on it.” But there is essentially nothing about a QuickTime .MOV file that says, “Hello, I am a video file! You should use this sort of software to view me.” We rely on specially designed software—be it an operating system or something more specialized—to tell us these things. The problem is that these tools may not always be around, or may not always understand all formats the way they do today. This means that even if we manage to keep a perfect copy of a video file for 100 years, no one may be able to understand that it’s a video file, let alone what to do with it. To avoid this scenario, the “packager” analyzes all digital collections materials as they arrive, and records the results in an obsolescence-proof text format that is packaged and stored with the materials themselves. We call this an “archival information package.”

Invece che su hard-disk hanno preferito salvare le opere su nastro magnetico. Questo per la natura dell’archivio: tantissimi dati usati molto raramente. Un museo (in generale) mostra al pubblico una minuscola frazione della propria collezione, mentre la maggior parte delle opere — a parte quando vi è un’esposizione o mostra specifica — vengono accantonate nell’archivio per anni.

In quest’ottica, la scelta del nastro magnetico ha senso. In più, per ogni opera verrà generata una versione di qualità inferiore disponibile on demand, in ogni momento, e salvata (in questo caso) su hard-disk.

It would be irresponsibly expensive to continue using hard drive storage, as it was not quite intended for this scale of data. We are currently in the final stages of designing a completely new “warehouse” with a company called Arkivum. This system will include a small cluster of hard drives, but for primary long-term storage it adds a very cool new element to the mix: data tapes. When archival packages are first stored, they land on the cluster of disks, but are shortly thereafter copied to data tape, a process that is automated by software (and robots!).

Un video di un archivio a nastro molto simile a quello descritto:

PERMALINK COMMENTA TWEET

Ricevi le notizie del giorno nella tua inbox

Ogni mattina: 5 link selezionati con cura + le notizie del giorno

1Password, Due e Workflow arriveranno su Apple Watch

Applicazione • Apple Watch

1Password, Due e Workflow arriveranno su Apple Watch

Altre tre applicazioni — appena annunciate — che mi rendono l’Apple Watch un prodotto più appetibile:

  • 1Password. Per i login di siti/applicazioni non fondamentale, ma per tutte le altre password e codici (bancomat, palestra, etc.), oltre ai codici temporanei d’accesso, sicuramente utilissima (utilizzavo un password manager su Pebble, prima che mi perdesse tutti i dati).
  • Due, app eccellente su iPhone, permetterà di aggiungere nuovi timer e avvisi da Apple Watch, con dettatura vocale.
  • Workflow, che apre una marea di possibilità con azioni personalizzate. Una fra quelle promosse sul loro sito: traduzione di testo (con dettatura vocale).

Aggiungete queste app al già annunciato Citymapper e Things e la cosa si fa interessante.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Il laptop del futuro non è pronto per il presente

Joanna Stern ha sintetizzato nel titolo della propria recensione del nuovo MacBook il mio pensiero attorno al nuovo MacBook, che sarà bellissimo nel futuro, ma nel presente risulta limitato:

It’s nearly impossible not to be seduced by this MacBook’s beauty, its dazzling screen and perfect trackpad. But don’t give in. Like the original MacBook Air, introduced in 2008, there are too many key compromises—in battery life, speed and port access—for the early-adopter price.

I expect the new MacBook to follow the same path as the Air. Over the next few years, it will improve, and become an affordable, indispensable tool for life in the future. But here, now, in the present day, there are more practical slim, everyday laptop choices.

Un po’ come il primo MacBook Air, il nuovo MacBook mostra qual è il futuro dei MacBook — ma per il momento è meglio restare nel passato. A meno che quello che vogliate sia più un tablet, che un portatile.

PERMALINK 3 COMMENTI TWEET

Welcome to Macintosh

Welcome to Macintosh è un podcast godibilissimo, ben costruito, sulla storia di Apple — curiosità attorno ai suoi prodotti, e genesi degli stessi. È anche uno dei pochi podcast che riesco a seguire, con episodi tutti sotto i 30 minuti e davvero informativi.

(Anche Gruber lo consiglia)

PERMALINK COMMENTA TWEET

Nuovo libro

Becoming Steve Jobs

La traduzione in italiano della nuova biografia su Steve Jobs, titolo originale Becoming Steve Jobs, è da oggi in vendita. S’intitola Steve Jobs Confidential.

Io l’ho già acquistata (in inglese). Se non ne siete ancora convinti, oltre a guardare l’incontro/intervista all’Apple Store di SoHo con John Gruber e gli autori del libro, consiglio di leggere la recensione di TidBITS, The Book of Jobs.

Becoming Steve Jobs complementa la biografia ufficiale, di Isaacson. Quella era un resoconto dettagliato della vita di Jobs, con accesso diretto a Jobs, senza un particolare obiettivo se non ritrarre in maniera quanto più oggettiva la figura di Steve Jobs — e che per questo falliva nel costruire una narrativa; Becoming Steve Jobs, invece, si pone come obiettivo quello di spiegare Steve Jobs, come già il sottotitolo (The Evolution of a Reckless Upstart into a Visionary Leader) dovrebbe lasciare intendere.

Scrive TidBITS:

Theirs [gli autori] is a somewhat novelistic account and it comes with an explicit agenda: to explain how Steve Jobs “turned around his life and became the greatest visionary leader of our time.” If it were an actual novel, it would be a Bildungsroman, a novel about the coming of age and the education and character development of its protagonist.

Amazon: Steve Jobs Confidential

PERMALINK COMMENTA TWEET

Perché l’esperienza d’uso di iOS 8 è inferiore a quella di iOS 7

L’esperienza d’uso di iOS 8 è peggiore rispetto a quella iOS 7, secondo Dmitry Kovalenko (Lead Designer di Readdle), e questo perché è cambiata la dimensione del dispositivo — iPhone 6 e iPhone 6 Plus sono notevolmente più grandi dell’iPhone originale — mentre l’interfaccia non è stata ripensata in modo da accomodare questo cambiamento.

Il cambiamento nelle dimensioni del device porta, inevitabilmente, a un cambiamento nel modo in cui lo teniamo in mano, e di conseguenza usiamo. I modelli di comportamento instaurati con le precedenti versioni di iOS non funzionano più dall’iPhone 5 in poi.

Secondo una ricerca di Steve Hoober, l’85% degli utenti usa lo smartphone con una mano sola:

Questo significa che, nella maggior parte dei casi, iOS 8 non è comodo, né ideale, da usare. Per provare il suo punto, Dmitry mostra come le aree dell’interfaccia con i bottoni più importanti di un’applicazione (il menù in alto, ad esempio, con le opzioni più comuni, come Salva, Chiudi, Conferma, Indietro, etc.) rientrino nell’area dello schermo difficile da raggiungere. L’utente, come conseguenza, si ritrova di continuo a riposizionare il device in mano — un device fra l’altro molto scivoloso.

Alcuni sviluppatori hanno risolto spostando gli elementi importanti in basso (una soluzione, secondo Dmitry, oltre menù di navigazioni alternativi rispetto a quello suggerito da Apple, potrebbe arrivare con Force Touch), ma resta che il pattern promosso da Apple (in Mail, ad esempio) e legato a precedenti versioni di iOS e iterazioni dell’iPhone non è più adatto (o se non altro ideale), viste le dimensioni dello schermo.

Più l’iPhone diventa grande, più quei bottoni diventano arduii da pigiare con il dito: purtroppo, come mostra l’immagine, il tipico menù di navigazione dopo iPhone 5 è posizionato nell’area rossa (l’esempio che segue, di Scott Hurff, è con Mailbox).

Apple, sottolinea Dmitry, non ha adattato l’interfaccia ai nuovi schermi (più grandi), ma ha applicato due pezze (una okay, l’altra scomoda):

  • swipe verso destra dal bordo sinistro, per tornare indietro (in mail, ad esempio)
  • doppio tap sull’Home Button per abbassare l’intera UI in modo da rendere quei bottoni più raggiungibili

La seconda, che dimostra come Apple sia consapevole del problema, è bizzarra e non tanto rapida da usare (a quel punto mi sposto in su con l’intera mano). È una pezza: invece di ripensare e adattare l’UI ci hanno dato un modo per abbassare quella vecchia, inadatta e scomoda nell’85% dei casi d’uso.

PERMALINK COMMENTA TWEET

In migliaia si sono già iscritti a ResearchKit

Bloomberg:

Stanford University researchers were stunned when they awoke Tuesday to find that 11,000 people had signed up for a cardiovascular study using Apple Inc.’s ResearchKit, less than 24 hours after the iPhone tool was introduced.

“To get 10,000 people enrolled in a medical study normally, it would take a year and 50 medical centers around the country,” said Alan Yeung, medical director of Stanford Cardiovascular Health. “That’s the power of the phone.”

Abbastanza fantastico, no?

PERMALINK COMMENTA TWEET

Cosa si può fare con un ‘force click’ ad oggi

Il trackpad Force Touch dei nuovi MacBook è più sensibile “al tocco”, essendo capace di rilevare il grado di pressione di un click. Ciò permette di associare ad un click con intensità maggiore (force click) un’azione specifica, diversa a seconda dell’applicazione.

Questi sono alcuni degli usi documentati da Apple:

  • Look Up. Un force click sopra una parola permette di visualizzare la definizione della stessa.
  • Contatti. Force click su un indirizzo per vederne la mappa.
  • Eventi. Sopra date e eventi per aggiungerli al calendario.
  • Anteprima dei link. Sopra i link nei messaggi e nelle email per vedere un’anteprima della pagina web.
  • Numeri di spedizione. Sopra i numeri di spedizione (nei messaggi e nelle email) per vederne lo stato e i dettagli.
  • Icona di un file. Apre Quick Look.
  • Nome di un file. Permette di cambiarlo.
  • QuickTime. Una pressione maggiore durante rewind/forward comporta una velocità maggiore.

PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

I MacBook d’ora in poi

I nuovi MacBook non hanno un connettore Magsafe, che ha frequentemente salvato il mio MacBook Air da possibili brutte cadute.

(È anche vero che questo MacBook probabilmente è pensato per essere utilizzato come un iPhone/iPad, portatile allo stesso livello — e raramente attaccato alla presa elettrica)

PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

‘Becoming Steve Jobs’

‘Becoming Steve Jobs’ è un nuovo libro sulla vita di Steve Jobs scritto da Brent Schlender (giornalista che ha avuto modo di intervistare Steve Jobs più volte per il Wall Street Journal e Fortune) e Rick Tetzeli.

John Gruber, che l’ha letto in anteprima, l’ha definito “remarkable”:

The book is smart, accurate, informative, insightful, and at times, utterly heartbreaking. Schlender and Tetzeli paint a vivid picture of Jobs the man, and also clearly understand the industry in which he worked. They also got an astonishing amount of cooperation from the people who knew Jobs best: colleagues past and present from Apple and Pixar — particularly Tim Cook — and his widow, Laurene Powell Jobs.

The book is an accurate, engaging retelling of the known history of Jobs’s life and career, but also contains a significant amount of new reporting. There are stories in this book that are going to be sensational.

Solo sulla base di questa recensione, vale la pena pre-ordinarne una copia per quando uscirà.

PERMALINK COMMENTA TWEET

iPhoto si butta via in primavera

Video

iPhoto si butta via in primavera

Si vede la fine, finalmente. Dopo essersi dimenticata per anni dell’esistenza di iPhoto, Apple è rinvenuta l’anno scorso ricordandosene improvvisamente. Annunciarono Photos, una nuova applicazione che ne avrebbe fatto le veci e l’avrebbe rimpiazzato (dato che oramai era troppo tardi per aggiustarlo — prova: apritelo, usatelo per cinque minuti).

Beh, in primavera potremo finalmente spostare iPhoto nel cestino: l’ha comunicato Apple sulla sua pagina dedicata a Photos. The Verge ha già provato il sostituto in anteprima, girando il video qua sopra in cui si nota lo scrolling veloce sulla libreria fotografica, senza intoppi, fluido dalla prima foto all’ultima — una cosa di cui iPhoto ci ha da tempo privati.

Anche la recensione di Macworld è molto positiva:

I’ve had very little time with Photos but my general impression is that it hits a sweet spot for the casual-to-enthusiastic iOS and digital camera shooter. Its navigation is more nimble and, from what I can tell, its performance is significantly improved over iPhoto’s, which I found sluggish with large image libraries. And, scaling back to the big picture, it’s the first of the old iLife apps that shares a common experience among the Mac, iOS devices, and iCloud. All your photos, your most recent edits, wherever you are. It’s an app worth looking forward to.

Spero risolva parte dei miei tormenti legati alla gestione delle foto dell’iPhone — una cosa che non faccio da tempo, quella di gestire e organizzare la mia libreria fotografica, dato che l’inusabilità e lo stato di abbandono di iPhoto mi hanno col tempo spinto a rinunciarvi.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Black Mirror

Black Mirror è una serie tv di Charlie Brooker1, dedicata a esplorare l’impatto che la tecnologia odierna (smartphone, computer, social network, etc.) così come quella attualmente in sviluppo (AI), avranno sulle nostre vite.

Due cose che mi piacciono della serie. La prima: che ogni episodio esplora una degenerazione diversa, fra le tante possibili. Il terzo episodio, “The Entire History of You”, mostra l’impatto che una versione avanzata dei Google Glass potrebbe avere su relazioni e ricordi. Un chip, inserito direttamente nel cervello, è in grado di registrare tutto quello che ci succede: finiamo con il diventare ossessionati dai ricordi e col rivivere i momenti belli di continuo, nello stesso modo in cui oggi ricorriamo a Facebook. “The Waldo Moment”, l’ultimo episodio della prima serie, mostra un comico “proporsi” come politico, grazie a un panorama informativo dedicato più a intrattenere che informare (è meno futuristico, e con il Movimento 5 Stelle in Italia ci andiamo molto vicini). Ma se ne volete uno davvero terrificante “White Christmas“, lo speciale che Channel 4 (che ha commissionato la serie) ha mandato in onda a Natale, è quello da vedere.

La seconda ragione per cui Black Mirror funziona è che i device che i protagonisti usano per quanto diano luogo a scenari distopici e poco augurabili, sono anche molto belli. E sono belli sia nelle funzionalità (a volte) che, soprattutto, nel design. Sembrano oggetti che Apple avrebbe potuto disegnare, e in ciò si svela l’elemento più spaventoso di Black Mirror: il fatto che queste tecnologie — per quanto diano spazio a scenari e ipotesi terrificanti — si diffondano per scelta, non forzatamente. Vengano volentieri e spontaneamente adottate dai protagonisti degli episodi, grazie a un design minimalista e molto in linea con i gusti correnti che ci fa dimenticare, se non nasconde, i pericoli.

Scrive il New York Times:

To that end, the gadgets in “Black Mirror,” including the creepy memory-recording devices, look sleek enough to want, which is perhaps the show’s cleverest trick. It is impossible to watch the show and not idly fantasize about having access to some of the services and systems they use, even as you see them used in horrifying ways. (You might not feel this way about, say, “The Terminator.”) Most television shows and movies can’t even correctly portray the standard interfaces that we use to browse the Web, send a text message or make a voice call, let alone design them in a desirable way.

“Black Mirror” resonates because the show manages to exhibit caution about the role of technology without diminishing its importance and novelty, functioning as a twisted View-Master of many different future universes where things have strayed horribly off-course. (This is an advantage it has over the movies: a blockbuster must settle on one convincing outcome and stick with it.)

  1. Il cui Wipe annuale è appuntamento imperdibile a capodanno

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

iOS 8: richiedi sito per desktop

Una degli esperimenti più assurdi nel tentativo di monetizzare un quotidiano l’ha fatto il Corriere della Sera, che da anni ha deciso che se il suo sito lo navighi da mobile allora lo devi pagare — il sito, non un’applicazione con qualche aggiunta o navigazione migliore, il sito che da desktop è gratis da mobile lo paghi: assurdo, appunto.

iOS 8 ha aggiunto a Safari una nuova e da tempo desiderata funzione: tappando la barra degli indirizzi e con uno swipe verso il basso viene rivelato un menù che offre, fra le altre cose, di “richiedere il sito per desktop”. Ovvero far sì che quei siti che da mobile hanno deciso di offrire un’esperienza di navigazione totalmente diversa e stravolta dalla loro controparte del desktop, vengano visualizzati normalmente — come da desktop, appunto. In alcuni casi ci evita un template orribile, o l’assenza di informazioni essenziali, in quello del Corriere un paywall bizzarro.

PERMALINK COMMENTA TWEET

28 Ottobre 2014

Giorno in cui il sottoscritto nolentemente viola uno dei suoi precetti e decide di applicare una cover all’iPhone, nello specifico quella nera in silicone prodotta da Apple stessa. La cover aggiunge uno spessore notevole, più di quanto non si sospetterebbe, e ha il tipico a malapena accettabile costo (35 euro) degli accessori Apple.

Tale atto empio e deprecabile, da sempre contestato (a testimonianza rimando a un articolo del 2011), che cela l’elegante design dell’iPhone — che a questo punto per quel che mi concerne poteva essere rosa e illuminare nel buio dato che mai lo vedrò — è stato reso necessario dal design dell’oggetto in questione. Date le dimensioni esagerate risulta una sofferenza da tenere in una mano sola, ma soprattutto — di nuovo: saranno le dimensioni, saranno i bordi arrotondati, o sarò io — risulta estremamente scivoloso. La cover fornisce quell’attrito necessario, e fino all’iPhone 5S offerto di default dal design dell’iPhone stesso, affinché il device non si proietti verso il suolo e la mia presa su di esso risulti efficace. (La cosa peggiore, aggiungo, è che oramai mi sono abituato allo schermo dell’iPhone 6: quando vedo un iPhone 5S mi dà l’impressione di essere estremamente piccolo, nonostante contemporaneamente provi frustrazione ogni volta che uso il 6 in movimento.)

Design è come funziona — ci ha detto più volte Apple. Non è solo l’estetica appagante di un oggetto, ma quanto usabile risulta. Se per farlo funzionare devo ricorrere a due mani e aggiungerci una cover allora, ne deduco, potrebbe funzionare meglio.

PERMALINK 7 COMMENTI TWEET

Perché dovresti fare una donazione a Wikipedia

Più volte nel corso dell’anno, una visita a Wikipedia comporta la visione del faccione di Jimmy Wales, che da un banner in alto alla pagina ci scruta, un po’ tristemente, cercando di convincerci a una donazione che aiuti a coprire i costi necessari a tenere in piedi Wikipedia (alcuni anni fa lo adottai per promuovere la membership)

Non ci convince. È probabile che la maggior parte di noi abbia sempre ignorato la richiesta. È probabile che forse pensiamo che dovremmo, e lo vogliamo fare, ma possiamo sempre farlo il prossimo anno. Emily Dreifus, su Wired, racconta di come le abbia anzi sempre fatto provare una sorta di irrazionale fastidio — lo stesso che proviamo ogni volta che qualcosa su internet si rivela non essere gratuita.

I saw co-founder Jimmy Wales’ face staring at me from the top of every. Single. Article. It was 2011. Jesus, I thought. Enough! I get it! You need money! Stop following me to articles about the island of Socotra or the demographics of Idaho! I don’t need your hungry eyes glaring at me as I’m reading up on 17th century body snatchers!

“Give me money, Emily,” Wales begged, “then go back to researching Beyonce lyrics.”

“Excuse me, Jimmy,” I wanted to say, “I don’t appreciate being watched as I read about how her song “Baby Boy” includes a lyrical interpolation of “No Fear” by O.G.C.”

Later, Wikipedia replaced Wales with other employees of the Wikimedia Foundation, which maintains Wikipedia with grants and donations. They moved me about as much as Wales did, which is to say not at all.

Fino a quando non ci ha riflettuto, sul valore che Wikipedia ha per il suo lavoro di giornalista, e per il numero di volte a cui vi ricorre al giorno per i suoi interessi privati, e ha finito col sottoscrivere una donazione mensile di 6 dollari al mese. Un donazione che probabilmente dovremmo fare tutti, ma appunto: la faremo. Più in seguito.

Trovo più efficace, o comunque molto valida, la proposta di Kottke di trattare Wikipedia come una spesa di lavoro — un po’ come paghiamo l’hosting, o l’accesso a internet. Più che da parte di blogger e giornalisti singoli, da parte di entità come il New York Times, Wired, Il Post, Repubblica o il Corriere della Sera. Tutte, sicuramente, vi si affidano ogni giorno:

I consider it a subscription fee to an indispensable and irreplaceable resource I use dozens of times weekly while producing kottke.org. It’s a business expense. […] Even $500/month is a drop in the bucket compared to your monthly animated GIF hosting bill and I know your writers use Wikipedia as much as I do. Come on, grab that company credit card and subscribe.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Cose da fare subito dopo l’aggiornamento a OS X Yosemite

Sono in ritardo ad installare OS X Yosemite, che a parte cose orribili come un’icona del volume con bordi neri, e l’ancora peggiore constatazione che aprendo un link a un’immagine in Safari, questo me la centra in mezzo alla finestra, sembra funzionare sul mio MacBook Air. Funziona, con le dovute modifiche:

  • Preferenze di Sistema > Accessibilità > Riduci trasparenza, per rimuovere l’effetto LSD, traslucido e brillante
  • Preferenze di Sistema > Mission Control, per sovrapporre (come facevamo ai bei tempi di Tiger) la dashboard al desktop, invece di averla in uno spazio dedicato
  • Preferenze di Sistema > Suono > Effetti, per riattivare l’effetto sonoro del cambio del volume (altrimenti muto)

Per il resto, l’elenco di novità, trucchi e dettagli su Yosemite stilato da Macstories è probabilmente il pezzo più utile che ho letto per ambientarmi. La mia funzione preferita è la possibilità di rinominare contemporaneamente più elementi del Finder (con regole):

A batch renaming option has been added to the Finder in Yosemite: if you need to rename multiple files at once, select them, then choose “Rename [x] Items…” from the contextual menu. This will open a modal dialog with three options to batch rename files: Replace Text, Add Text, and Format. The first two are rather self-explanatory: one replaces a string of text found in the filename and the other can append or prepend text to the filename. Format is more advanced, as it lets you pick a format name with index, date, or counter to be placed before or after the filename with an option for a custom format as well.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Non ne hai avuto abbastanza?

Leggi altri post