Il Regno Unito conserverà la cronologia di navigazione dei suoi cittadini per 12 mesi

Che bello, finalmente siamo tutti un po’ più al sicuro (a parte quei pochi stronzi che hanno cose da nasconderci). Esplodono cose ad ogni passo di questi giorni ed è dunque giusto, in maniera angosciata, affidarsi a uomini maschi forti e passare leggi che privano pian piano i cittadini della loro libertà, senza al contempo avere alcun effetto sulla sicurezza nazionale.

The Guardian:

The new surveillance law requires web and phone companies to store everyone’s web browsing histories for 12 months and give the police, security services and official agencies unprecedented access to the data.

It also provides the security services and police with new powers to hack into computers and phones and to collect communications data in bulk. The law requires judges to sign off police requests to view journalists’ call and web records, but the measure has been described as “a death sentence for investigative journalism” in the UK.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Pensieri sul nuovo MacBook Pro

Dongles

Jeff Johnson nota come non sia possibile collegare l’iPhone al Mac, senza prima comprare un cavo aggiuntivo, dato che quest’ultimo è dotato solo di porte USB-C:

Apple was famous for their ecosystem integration. But out of the box you can’t plug a new iPhone into a new MacBook Pro. Absurd. Fire Tim.


Secondo Joe Cieplinski, i Mac diventeranno sempre più per pochi: Apple sembra credere che la macchina entry level per le masse sia l’iPad (Pro o non). O per porla in altri termini:

The days of the sub $1,000 Mac are done. I thought the Air would stick around for another generation because of this price tier, but then I thought about it more carefully. Low-cost PCs make almost no sense anymore. People who need the power of macOS are becoming a smaller group with every passing year. Prices will continue to reflect the shrinking market. Apple has an entry-level machine for people who are budget constrained, and it’s only $599. It’s called the iPad Pro. That machine does everything the target audience for an 11-inch Air or 13-inch Air would need and more. The MacBook and MacBook Pro 13 with no Touch Bar will cover anyone else, albeit at a slightly higher cost. The price you pay for needing more power than the average person.

Pretty soon, the only people who need macOS will be certain kinds of pros. So it’s pro machines from here on out. And those pro machines are going to keep getting more expensive. Don’t worry; you won’t be upgrading them very often.


Anche The Verge scrive che il futuro dei Mac e dei PC è costoso, una categoria di nicchia:

Here’s my interpretation of this phenomenon: Apple and Microsoft have both come to terms with the fact that people are simply never going to buy PCs — whether in desktop or laptop form, running Windows or macOS — in the old numbers that they used to. Computers are just too good nowadays, most users are already satisfied, and so the market for new PCs inevitably shrinks. And when you can’t have growth in total sales, the logical move is to try and improve the other multiplier in the profit calculation: the per-unit price and built-in profit margin. That’s been Apple’s approach for a while, and now Microsoft is joining in.


Stephen Hackett trova la nuova offerta di Apple abbastanza confusa. Forse Pro e non Pro non ha più senso: l’unica distinzione che rimane (o rimarrà) è in termini di dimensioni dello schermo — perché tutti i PC saranno per Pro, mentre per l’utenza consumer c’è l’iPad. Oltretutto, Apple non ha nemmeno menzionato l’iMac, il Mac Pro o il Mac Mini, mentre l’Air resiste ma senza alcun aggiornamento. È possibile che Apple smetta di produrre desktop? Nessun desktop può, almeno per ora, utilizzare la Touch Bar come sistema di input.

The notebook line is pretty confusing right now. There are several machines — ahem, MacBook Air — that seem to exist to hit a price point. I understand and respect that, but I am already dreading offering buying advice over the next year. Desktop Macs didn’t get a single mention, or a silent hardware update after the announcements were done. While last-minute rumors claimed that the iMac wouldn’t be ready in time, it — and the Mac mini — would have been well-served with CPU bumps and Thunderbolt 3.


Riccardo Mori, come Hackett:

Why can’t Apple leave the light & thin to the consumer line of notebooks, and offer pro notebooks that follow a more ‘function over form’ approach? What once was a clear distinction between ‘consumer’ and ‘pro’ machine, has now become something more like ‘regular’ versus ‘deluxe’ machines. Nowadays, a professional computer shouldn’t be constrained by a maximum of 16 GB of RAM. I know a few people who are barely comfortable with 32. Considering the non-trivial investment when you purchase one at its maximum tech specs, these MacBook Pros are supposed to last a few years.


Steven Levy guarda al nuovo Surface Studio di Microsoft, e lo confronta con le novità introdotte da Apple con il nuovo MacBook Pro. Ad un’analisi affrettata si potrebbe dire che Microsoft è oggi quella che innova, Apple quella che avanza con più cautela:

The difference between being the leader and the challenger is apparent in the two products introduced this week. The Surface Studio is a dramatic rethinking of the desktop computer. Also, the particular niche it targets — “creatives” in music and the graphic arts — is the exact one that Apple saw as its high-end core when it conceded the hopelessness of overtaking Microsoft on the basis of its operating system alone. And Microsoft wants to hit the classic buttons once defined by Apple’s fingerprints: lust-worthy design; painstaking attention to details; a sorcerer’s swoop of delight. Just check out its striking video for the Surface Studio — it is so influenced by Apple’s playbook that I’m surprised there’s no Jony Ive narration.

Apple claims that its new Macbook Pro is defined by a similarly impressive technological feat. And yes, the Touch Bar seems a genuine innovation, though I’m not yet sure it’s a successful one; I’ll need to use it over an extended period of time before making that judgement. But two things about it do seem clear. First, Apple has really dug its heels in on the belief that touch screens do not belong on desktop and laptop machines.

The second is that Apple is continuing a near-decade-long process of making its PC operating system act like a phone.


Forse i nuovi MacBook non hanno più il suono d’avvio, il che è una cosa tristissima.


John Gruber spiega perché, contrariamente alla direzione intrapresa da Microsoft, Apple continua ad essere convinta che i desktop non necessitino di schermo touch. Sono due sistemi di input completamente diversi — touch e mouse — per due ambienti completamente diversi. Così come il mouse risulterebbe assurdo su iPhone/iPad, toccare lo schermo di un portatile risulterebbe altrettanto scomodo (tutte le volte che ho provato un desktop touch, mi son domandato quale fosse il vantaggio):

Some people are adamant in their belief that MacBooks should and/or will eventually have touch screens, but I remain convinced that they should not and never will. Ergonomically, a vertical (or nearly vertical) display is not comfortable for touch. And even more important, MacOS was designed for a mouse pointer. That’s fundamentally different from touch. MacOS is no better suited to touch than iOS is suited to support for a mouse or trackpad pointer. (I’d even argue that touch support on the Mac would be even clunkier than mouse support on iOS.)

The Touch Bar is not the answer to “How do we bring touchscreens to the Mac?”, because that question is not actually a problem. The Touch Bar is the answer to “These keyboard F-keys are cryptic and inflexible — what can we replace them with that’s better?” That’s an actual problem.


Ho letto molti confronti fra il Surface e i nuovi MacBook Pro, e la conclusione sembra essere: guarda quanto è “nuovo” il primo, e guarda quanto sia prevedibile e banale il secondo. Seppur il Surface Studio sembri bellissimo, vorrei provarlo o leggere delle recensioni prima di esprimermi — sia perché sembra un prodotto mirato verso un’utenza specifica più che un generico PC, sia perché Microsoft è molto brava con i concept, un po’ come Google a stupire con prodotti innovativi, che poi nell’uso quotidiano o nei dettagli si rivelano pieni di lacune e frustranti. E comunque, avete provato Windows recentemente? Ho avuto a che farci lo scorso anno per l’università — cose che diamo scontate su Mac continuano ad essere complicate su Windows.

Come scrive Ben Brooks, e come disse Steve Jobs, il Mac è un “camion”: non aspettatevi rivoluzioni.

The reason people stay with Apple is not because of lock in — no that just makes the decision easier — they stay because it’s still vastly superior to all other options. This new MacBook lineup maybe be disappointing or confusing to people, but that’s only because they’ve come to expect magic with each new launch. But the truth of the matter is that it’s a laptop, and as much as you disagree, a laptop is not the future of computing, it’s the ancient hold over. It’s the truck, as Steve Jobs famously said, and I just heard a commercial for an actual new truck — they were touting an all new stronger steel bed. And so, in that way, woohoo for the ToucBar.

Apple didn’t launch a crappy product, they launched devices which still are the best option on the market. Which still have top notch industrial design. Which still have the best operating system. Which still have the best third party apps on any desktop platform. Which are still the best option for most people in the world. And frankly, if you can’t see that, then you need to go buy a non-Mac laptop and see for yourself how bad it truly is.


Anche Matthew Panzarino spiega perché un’interazione touch con un portatile né risulterebbe comoda, né servirebbe a molto. Insomma, se volete dei Mac con schermo touch probabilmente attenderete all’infinito:

These machines are not tablets; there is a work surface area and a view area. Any interaction you take on the screen has to be worth you moving your hands from your work area to the view area, obscuring a portion of the content that you’re viewing, and taking an action. The wrist rest and keyboard position also mean that you sit far back from the screen — and whether you touch a screen is almost always a function of how close your hands are to it. Most of those actions are also taken on large touch targets like the Start button and other tappable things. […]

The interaction models are also different than they are on an iOS device. On an iPad, every touch interaction is 1:1 — your finger directly manipulates stuff like volume sliders. On the MacBook, you can touch the volume button and begin sliding right away, providing you with an off-axis slider in plain view. In other words, you should be able to single tap and slide many interactions on the toolbar, while not obscuring your view of the control or content (in the case of photo thumbnails). This does not work on a touch screen.


E per ribadire il concetto: lo scopo della Touch Bar non è di essere uno schermo ma, come scrive Jason Snell, di essere un nuovo strumento di input:

Touch Bar is designed for angled viewing. The Touch Bar itself isn’t angled, but Apple designed it knowing that its primary viewing angle isn’t straight on—it’s at an angle, down on a laptop keyboard. This went into some of the aspects of its design, including changes to the structure of the glass and a special coating. The goal was to make it feel like an input device, not a display—and in fact, make it feel similar to the trackpad.


Se volete leggere qualcosa sulla Touch Bar e sull’uso che Apple si aspetta ne facciano gli sviluppatori, leggete le Human Interface Guidelines:

The Touch Bar—located above the keyboard on supported MacBook Pro models—is a Retina display and input device that provides dynamic interface controls for interacting with content on the main screen. These controls offer quick access to system-level and app-specific functionality based on the current context. For example, when the user types text in a document, the Touch Bar might include controls for adjusting the font face and size. When the user views a map, the Touch Bar could give quick, one-tap access to gas stations, lodging, and restaurants near the displayed location. A Touch ID sensor to the right of the Touch Bar allows fingerprint authentication for logging into the computer and approval of App Store and Apple Pay purchases.

PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

Cos’è successo a internet venerdì

Venerdì scorso, un attacco DDoS ha reso una grossa fetta di internet inutilizzabile per diverse ore. Un attacco di tipo denial of service avviene quando un server viene reso irraggiungibile inondandolo di richieste fasulle, riuscendo così a impedire accessi legittimi verso di esso. Lo spiega bene Tommaso Tani su Valigia Blu:

Avete presente quando state avendo una conversazione con una persona e allo stesso momento un’altra tenta di parlare con voi? E poi una terza si aggiunge a porvi delle domande? Molto probabilmente, riuscirete a gestirne solo due contemporaneamente e quanto proverete a dar retta anche all’ultima giunta, vi bloccherete perché non sarete più in grado di gestire tre conversazioni allo stesso momento.

Lo stesso principio – e anche la stessa tecnica – è utilizzato per questo attacco: migliaia di richieste sono inviate contemporaneamente a uno stesso server il quale non riesce a gestirle e a dare una risposta a tutti, bloccandosi e smettendo di funzionare. Certo, è nella natura di un servizio web “rispondere” a più utenti contemporaneamente, ma non a così tanti e in così breve tempo.

La parte “ingegnosa” dell’attacco è che invece di essere stato diretto verso un singolo sito ha riguardato Dyn, un’azienda che si occupa di gestire i DNS di diverse aziende. Attaccando un pezzo comune dell’architettura della rete, è stato possibile buttare giù Twitter, Airbnb, SoundCloud, GitHub, Reddit, New York Times e Spotify, fra gli altri. Per diverse ore nessuno di questi servizi ha funzionato1. Come scrive il New York Times:

The attack on the infrastructure of the internet, which made it all but impossible at times to check Twitter feeds or headlines, was a remarkable reminder about how billions of ordinary web-connected devices — many of them highly insecure — can be turned to vicious purposes. And the threats will continue long after Election Day for a nation that increasingly keeps its data in the cloud and has oftentimes kept its head in the sand.

A portare avanti l’attacco sono stati centinaia di migliaia di device IoT, come telecamere di sicurezza, router o registratori digitali. Device connessi alla rete, apparentemente innocui, ma infetti da un malware: Mirai. Mirai scandaglia la rete in cerca di device protetti debolmente, da poco altro che una password di default mai cambiata, data dal produttore, e prova a prenderne possesso. Come spiega Krebs, gran parte dei device compromessi provengono da singole aziende cinesi — come la XiongMai Technologies — produttrici di componenti che finiscono dentro prodotti di altre aziende. L’utente non potrebbe cambiare la password neppure se lo volesse, in molti casi.

Mirai — il cui codice sorgente è stato rilasciato online — ha assemblato un botnet, un esercito fatto da questi dispositivi del cosiddetto internet delle cose, che hanno portato avanti l’attacco di venerdì. Lo stesso malware è responsabile di uno dei più grossi attacchi DDoS della storia, avvenuto solamente il mese scorso, verso il blog di uno dei maggiori esperti di sicurezza informatica: riuscì a portare verso il provider del blog, Akamai, 620Gbps di traffico.

Gli attacchi informatici vengono solitamente distinti in tre gruppi:

  • Quelli che riguardando la confidenzialità dei dati, ovvero l’accesso a dei dati personali
  • Quelli che riguardando l’integrità dei dati. Un attacco volto a compromettere l’integrità dei dati li modifica per comprometterne la validità
  • Quelli che riguardano l’accesso — ovvero impediscono agli utenti dall’accedere ai propri dati

Un attacco DDoS è un modo efficace per censurare un sito internet, impedendone l’accesso, e rientra quindi nella terza tipologia. Come scrive Bruce Schneier gli attacchi di questo tipo si sono fatti sempre più intensi e difficili da contrastare — e nell’internet delle cose gli attacchi di questo tipo, così come quelli che compromettono l’integrità dei dati, sono quasi una questione più seria di un leak di dati:

So far, internet threats have largely been about confidentiality.

On the Internet of Things, integrity and availability threats are much worse than confidentiality threats. It’s one thing if your smart door lock can be eavesdropped upon to know who is home. It’s another thing entirely if it can be hacked to allow a burglar to open the door—or prevent you from opening your door. A hacker who can deny you control of your car, or take over control, is much more dangerous than one who can eavesdrop on your conversations or track your car’s location.

  1. Secondo una stima del The Atlantic, il danno economico per ciascuna di queste aziende può variare fra i $20.000 e i $100.000 all’ora

PERMALINK COMMENTA TWEET

Il nuovo vecchio iPhone 7

Secondo il New York Times, quello che manca al nuovo iPhone è un nuovo design. Non per una ragione specifica, ma tanto per. Siccome il design è simile a quello introdotto nel 2014, va cambiato. Fine dell’arguta argomentazione.

Sottoscrivo le parole di John Gruber a riguardo:

There is a large contingent of pundits who apparently would be more excited about a new iPhone that looked entirely different but had the exact same components as the iPhone 6S than they are by the actual iPhones 7, which are shaped like the 6S but have amazing new components. I don’t get that mindset at all. It’s like being a car pundit and judging the new Porsche 911 with a “meh” because it looks like the previous 911, and never even considering what it’s like to actually drive the new car.

Non aiuta il modo in cui Apple nomina gli iPhone. Oramai ci si aspetta un cambiamento di design con i modelli senza “S”, e degli aggiornamenti minori per i modelli con la “S”. iPhone S = vecchio design, iPhone leggermente rinnovato. iPhone senza S = nuovo design, innovazione.

In realtà molte delle funzionalità più rilevanti di iOS — Siri e Touch ID, per dirne due — hanno visto la luce in un modello “S”. Come scrive Ken Segall, forse sarebbe il caso di abbandonare questa nomenclatura: cambiare design quando è necessario, invece che ogni due anni, e dissociare l’aspetto esteriore dal numero e dalla portata dei cambiamenti introdotti.

Did I mention how much I loathe this naming scheme?

From a marketing standpoint, Apple has simply been shooting itself in the foot every other year, muting expectations by putting an S on the box.

Even when an S model introduces a breakthrough feature, it comes in the context of “this is an off-year.” I’m trying to think of any marketer who has ever chosen such a course before, but I’m coming up blank.

PERMALINK 5 COMMENTI TWEET

7 anni di pubblicità dell’iPhone (2007 — 2014)

Video

7 anni di pubblicità dell’iPhone (2007 — 2014)

Certe me le ero proprio dimenticate; come quella che pubblicizzava il copia & incolla.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Ricevi le notizie del giorno nella tua inbox

Ogni mattina: 5 link selezionati con cura + le notizie del giorno

Le AirPods, senza cavi e senza bottoni

Oltre a non avere cavi le AirPods non hanno alcun bottone. Non hanno un bottone per il pairing con il device, dato che grazie al chip W1 dovrebbero essere in grado di auto-abbinarsi al dispositivo del momento 1. Non hanno un bottone per spegnerle o accenderle; ma si accendono se portate alle orecchie o spengono se rimosse. Non hanno un bottone per metterle in pausa; ma interrompono automaticamente la riproduzione di un brano se una qualsiasi viene rimossa dall’orecchio. Di fatto, non hanno comandi audio di alcun tipo, né per controllare il volume, né per saltare un brano.

L’unica cosa che si può fare sono due tap, su una qualsiasi delle cuffie: rispondono a una chiamata o invocano Siri.

Quindi “alza il volume” o “abbassa il volume”, invece di un bottone. Una cosa che proprio non mi vedo usare: aggiusto l’audio delle cuffie in continuazione, in maniera quasi ossessiva, a seconda del brano o di ciò che sto guardando. Mi rendo anche conto che di frequente aggiusto il volume dell’audio dall’iPhone o dall’Apple Watch, più che dalle cuffie, quindi spero facciano leva su questo uso più che sui comandi vocali.

  1. C’è un bottone ma sul case: quel bottone permette di abbinarle a altri dispositivi non Apple, perdendo però i vantaggi dati dal chip W1

PERMALINK 2 COMMENTI TWEET

Uber ha acquistato Otto

Uber ha acquistato Otto, un’azienda che si occupa di camion che si guidano da soli, fondata da Anthony Levandowski, una delle prime persone a lavorare alla macchina che si guida da sola di Google.

Da un’intervista di alcuni mesi fa, a Anthony:

Trucks are unsexy, and that’s why we’re doing it. It is old technology, and a huge market with a lot of deep issues around cost. But first and foremost, there’s a big societal component. Trucks cover 5.6% of all highway miles but cause 9.5% of all fatalities, and about half of truckers are away from home 200 nights a year, sleeping in parking lots and rest areas.

Because of federal regulations, a truck can only drive 11 hours a day today with a single driver. After 10 hours, the accident rate goes exponentially higher. If we can make it drive safely 24/7, more than doubling its capacity and utilization, that’s a very strong financial argument.

I camion che si guidano da soli, per il trasporto merci, sono più prossimi rispetto alla macchina che si guida da sola. Come vantaggio, hanno che devono spostarsi soprattutto in strade larghe e prive dei pedoni e degli ostacoli di cui le città sono pieni — più facili da mappare, quindi, e con meno variabili.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Sulle cuffie bluetooth

Alcuni mesi fa sono passato a delle cuffie bluetooth, perché:

  • Ho cambiato le ultime tre paia di cuffie per colpa del cavo. Tolto il cavo, erano perfettamente funzionanti.
  • Sono semplicemente più comode — non solo in palestra o mentre si corre, ma anche solo mentre si cammina o si sta statici davanti al computer. E i cavi sono sempre fastidiosi: meno ce ne sono da snodare meglio è.
  • Non sono un audiofilo; la qualità dell’audio mi sembra — per le necessità che ho io — sufficiente. A dire il vero, non ho notato un cambiamento.

Ma non è tutto così bello come potrebbe sembrare, ci sono aspetti che rimpiango delle cuffie con cavo:

  • La facilità di connessione. Per passare dal Mac all’iPhone (o viceversa) devo tenere premuto un bottone sul lato sinistro della cuffia per alcuni secondi, per poi abbinarle manualmente al device desiderato. A volte il device non le trova, e si perdono minuti per un’azione che richiede istanti con le cuffie con cavo.
  • L’assenza di una batteria. Mi è successo di dimenticare di controllare lo stato della batteria, e ritrovarmi così senza cuffie. Le cuffie bluetooth sono un’altra cosa che bisogna ricordarsi di ricaricare 1.

Pare che il prossimo iPhone non avrà il connettore jack, richiedendo così o delle cuffie bluetooth o dotate di un’uscita speciale, lightning (un’opzione che mi pare molto inelegante: manterrebbero il cavo e sarebbero incompatibili con il Mac, se non con adattatore). Ovviamente Apple avrà considerato i problemi da me sopra elencati (più molti altri), e confido abbiano trovato una soluzione — soprattutto nel rendere più immediato e facile abbinare delle cuffie bluetooth ad iOS, e spostarsi da un device all’altro.

Per quanto riguarda la motivazione dietro la rimozione del connettore jack — Jason Snell ha provato a trovarne alcune, ma nessuna al momento, né individuata da lui, né da altri, sembra sufficientemente valida:

It’s a very old standard, so it’s time to kill it. What is this, “Logan’s Run”? The age of something isn’t reason enough to kill it. A lot of aging standards are way past their sell-by date, and they deserve to be eliminated or replaced. But others stand the test of time and aren’t replaced because there’s no benefit in replacing them. The headphone jack seems to fall in the latter category.

Eventually the pain of transition will go away. That’s the great thing about transitions—they tend to end. This, too, shall pass. The problem is, the headphone jack doesn’t seem to be going away from any other part of the world. If Apple makes this change, people who have to connect to those other devices will probably not be making a transition—they’ll just be carrying an adapter with them for the foreseeable future.

Or to put it another way, Apple sells a Lightning to VGA adapter and a USB-C to VGA adapter. VGA! Still out there! Can’t be killed! I don’t miss the VGA port on my Mac, but anytime a worldwide connection standard is eliminated without a new standard coming right behind to replace it, you’re left carrying an adapter in your pocket forever.

  1. Le apprezzerei molto di più se si ricaricassero wireless

PERMALINK COMMENTA TWEET

iOS 10 permette di cancellare le applicazioni di Apple

E se le cancellate dall’iPhone svaniscono anche dall’Apple Watch. Un saluto da parte mia a: Stocks, Compass, Podcasts, Tips, Weather e Calculator.

💃

PERMALINK COMMENTA TWEET

iMessageAnalyzer: un’utility per analizzare i propri messaggi di iMessage

Applicazione

iMessageAnalyzer: un’utility per analizzare i propri messaggi di iMessage

È gratuita, e si scarica da GitHub. Potete realizzare grafici con la frequenza dei messaggi scambiati con una persona, paragonandoli per esempio all’interità dei messaggi scambiati in un giorno o semplicemente visualizzando com’è variata quantitativamente l’intensità di una conversazione/relazione nel tempo.

Non so a che possa in realtà servire, se non agli ossessionati fra noi del quantified self (alzo la mano).

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Navigare sul web nel 2016

Da un tweet di @gordypls:

  1. Apri sito
  2. Rifiuta richiesta di iscrizione a newsletter
  3. Chiudi e accetta l’informativa sull’uso dei cookie
  4. Blocca la richiesta di invio notifiche
  5. Blocca la richiesta di geolocalizzazione
  6. Rinuncia

Se avete un ad-blocker installato, c’è anche un altro passo da compiere per quei fantastici siti come Wired (questo è l’unico avviso che potreste, un giorno, trovare su Bicycle Mind).

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

La narrativa di Apple non funziona più?

Wall Street giudica le aziende in base alle storie che queste si fabbricano; i profitti valgono ma fino a un certo punto, altrimenti non si spiegherebbe come sia possibile la quotazione di Amazon (che ha profitti bassissimi) o il fatto che AAPL, l’azienda che nell’ultimo trimestre fiscale ha registrato 18,4 miliardi di dollari di profitti (ovvero, il profitto più grande che un’azienda abbia mai registrato in un trimestre), sia in discesa. Nello stesso trimestre Google (Alphabet, okay…), che ha superato ieri Apple in borsa diventato la società con più capitalizzazione di mercato al mondo, ha registrato $17.3 miliardi di dollari.

Secondo Neil Cybart, la storia che Apple racconta agli investitori non funziona più. Apple è sempre stata giudicata per numero di device venduti, ma il numero di device venduti ha (forse, probabilmente) raggiunto un picco: ne hanno venduti così tanti che sarà difficile venderne di più. Apple stessa ha detto che si aspetta un declino delle vendite, per la prima volta in 13 anni. Crescere, però, è anche il parametro più importante secondo Wall Street.

Per questa ragione, Apple deve trovare una narrativa che non sia più basata sul numero di device venduti, ma su un altro valore che rassicuri gli investitori e dimostri che l’azienda sta crescendo. Cybart suggerisce di sfruttare come metrica la “user base”, quell’enorme numero di utenti fedeli che periodicamente, perché soddisfatti della qualità dei prodotti Apple, aggiornano il loro iPhone, iPad o Mac acquistandone un modello nuovo:

Apple disclosed there are one billion devices that have engaged with Apple services over the past 90 days. In addition, management introduced a new services revenue total called Installed Base Related Purchases, which reflects the total amount spent on content and services in the Apple ecosystem, including the revenue remitted to third-party app developers and certain digital content owners. Exhibit 2 highlights management’s first attempt at forming a new Apple narrative that moves beyond hardware unit sales.  […]

Apple’s strength is hardware, and a long-term narrative should include hardware in some respect. Considering that Apple’s mission statement revolves around coming up with new products, hardware is very important. Instead of focusing on hardware unit sales growth, Apple could look at adoption rates within its user base as a metric to monitor. If there is evidence that a new hardware product, such as Apple Watch, is seeing steady adoption within the Apple user base, the takeaway could be that Apple is succeeding with its mission statement. This metric would also go a long way in validating Apple relevancy and user loyalty.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Apple aprirà il primo centro di sviluppo app iOS d’Europa in Italia, a Napoli

Dal comunicato stampa:

Apple ha annunciato oggi la creazione in Italia del primo Centro di Sviluppo App iOS d’Europa, per fornire agli studenti competenze pratiche e formazione sullo sviluppo di app iOS per l’ecosistema di app più innovativo e vivace al mondo.

Il Centro di Sviluppo App iOS, sarà situato in un’ istituzione partner a Napoli, sosterrà gli insegnanti e fornirà un indirizzo specialistico preparando migliaia di futuri sviluppatori a far parte della fiorente comunità di sviluppatori Apple. Inoltre, Apple lavorerà con partner in tutta Italia che forniscono formazione per sviluppatori per completare questo curriculum e creare ulteriori opportunità per gli studenti. Apple prevede di ampliare questo programma estendendolo ad altri paesi a livello mondiale.

PERMALINK COMMENTA TWEET

iOS ha superato Windows

È successo lo scorso anno, come mostra questo grafico di Horace Dediu.

PERMALINK COMMENTA TWEET

iOS 9.3 con Night Shift (e altro)

L’imminente update di iOS (9.3), la cui beta è stata distribuita questa mattina agli sviluppatori, porta con sé novità considerevoli, che Apple ha deciso di evidenziare in un’apposita pagina.

Innanzitutto — ed è ciò che personalmente attendo maggiormente —, un Night Mode alla f.lux che rende il display dell’iPhone o iPad meno fastidioso di notte:

Many studies have shown that exposure to bright blue light in the evening can affect your circadian rhythms and make it harder to fall asleep. Night Shift uses your iOS device’s clock and geolocation to determine when it’s sunset in your location. Then it automatically shifts the colors in your display to the warmer end of the spectrum, making it easier on your eyes. In the morning, it returns the display to its regular settings. Pleasant dreams.

Poi, un’applicazione Health con grafici più interessanti:

It’s simpler than ever to find third-party apps to track your health and wellness. Categories such as Weight, Workouts, and Sleep have a new slider menu that reveals great apps you can easily add to your Health dashboard.2 The Health app also now displays your move, exercise, and stand data, as well as your goals, from Apple Watch. So you can see all your health metrics in one place and easily share your data with third‑party apps.

E, per finire, una feature per ora riservata a scuole: gestione di utenti multipli sullo stesso iPad. Al momento Apple considera questa una funzione utile solo al settore educativo, in realtà non è raro che l’iPad venga condiviso in famiglia da più membri: sarebbe davvero bello vedere questa features arrivare su iOS per tutti.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Buon Natale

PERMALINK COMMENTA TWEET

Swift nel browser

IBM:

The IBM Swift Sandbox is an interactive website that lets you write Swift code and execute it in a server environment – on top of Linux! Each sandbox runs on IBM Cloud in a Docker container. In addition, both the latest versions of Swift and its standard library are available for you to use.

Grazie ad IBM, potete giocare con Swift nel browser.

PERMALINK COMMENTA TWEET

La fotocamera dell’iPhone 6s in Svizzera

Per recensire la fotocamera dell’iPhone 6 lo scorso anno Austin Mann andò in Islanda; quest’anno, per l’iPhone 6s (Plus) ha scelto la Svizzera.

Lo scopo della foto-recensione di Austin è vedere come l’iPhone si comporta come fotocamera da tutti i giorni, sempre disponibile. Austin è rimasto particolarmente colpito — come fotografo — dall’ottima stabilizzazione dei video e dalla resistenza all’acqua che lo rende ancora più versatile.

Water resistance is huge for any photographer, but especially pros, as we explore the unknown and capture the world around us. We were drizzled on/snowed on in Switzerland while shooting our time-lapse multiple times, and I’ve lost an iPhone to a torrential downpour while on a shoot in the past. This capacity for our gear to withstand the elements is a major innovation for photographers and filmmakers.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Nascondere la barra dei menù

El Capitan permette di avere la barra dei menù a comparsa. Un po’ come si può fare per il dock da tempo, se l’opzione è attiva (da Preferenze di sistema > Generali) la barra dei menù — prima di El Capitan sempre visibile — appare e scompare da sola, a seconda della necessità.

Ben Brooks ne sta facendo uso sul suo Mac, e apprezza molto il suo nuovo desktop iper-minimalista:

Hiding the menubar makes looking at the menubar a conscious decision and therefore I can add the clock back in. I have to not only look at the menubar, but move my mouse to the menubar to see anything. And that is great for productivity, because it is more challenging than just glancing.

PERMALINK 1 COMMENTO TWEET

Il nuovo iPhone è resistente all’acqua

Come vari video dimostrano, in confronto a tutti gli iPhone che lo hanno preceduto, il 6s è piuttosto resistente all’acqua: Apple è rimasta silente a riguardo, nessuna menzione sul sito né al keynote di lancio —, ma anche l’ispezione di iFixit ha rivelato nei componenti interni le misure adottate da Apple contro l’acqua:

The logic board brought a bigger surprise. Every cable connector on the board—from the battery and display, to the Lightning port and buttons—is surrounded by what appears to be a tiny silicone seal. Those little connectors are the most vulnerable bits of the device—quick to short out and corrode during unplanned aquatic excursions. Apple filed a patent for waterproof silicone seals on board-to-board connectors just this past March. It appears this is one patent they’ve rapidly put into production.

Normalmente un device viene reso impermeabile esternamente, sigillando le sue parti. Questa pratica però rende difficile qualsiasi riparazione successiva; Apple quindi — che potrebbe aver reso gli iPhone impermeabili anche in vista della quantità di device che fra un anno gli tornerà indietro, e dovrà immettere sul mercato dell’usato — lo ha reso impermeabile internamente, in particolare ha reso la scheda logica resistente all’acqua.

Scrive Wired:

Conventional wisdom leans on the brute-force method of coating a device’s case to keep the water out. “That’s what we were looking for,” says Suovanen. “We started looking at the case, the headphone jack, the Lightning port, to see if they did anything to keep water out.” Aside from a thin adhesive strip, though, nothing about the iPhone 6s exterior stood out as substantively different from the iPhone 6.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Non ne hai avuto abbastanza?

Leggi altri post