Invia un link

Da oggi puoi commentare! Leggi qui l'annuncio, e inizia a commentare i post del blog.

Vista Sucks

Video: Vista Sucks

iPhone retrò

Geek Technique ha realizzato un modding dell’iPhone che dovrebbe piacere a tutti i Mac Users di lunga data, affezionati al vecchio logo aziendale stile arcobaleno oramai abbandonato.

Al devices non è stata effettuata alcuna modifica sostanziale ma, semplicemente, gli è stato aggiunto il logo Apple colorato sul davanti, in basso, dove si trova il bottone rotondo.

Altre modifiche sono state applicate al colore dell’oggetto, che risulta essere completamente nero, nero come i PowerBook di alcuni anni fa. Nel complesso tutto questo contribuisce a dare all’iPhone in questione un aspetto retrò ma, allo stesso tempo, di mantenere l’eleganza grafica del devices che spesso con alcuni modding viene persa a favore di una più ampia personalizzazione.

[Via Applesfera]

Mac Classic e Printer fai da te

Ve lo ricordate il mio Mac Classic di cartone? E tutti gli altri modelli, PowerBook, Mac Pro, iPhone, etc. che ho realizzato? Ebbene io credevo di aver raggiunto il massimo dell’idiozia, nel crearli, ma mi sono accorto che c’è chi mi batte di gran lunga.

E mi riferisco a quest uomo, proprietario di tale papelcontinuo.net, ai piedi del quale io mi prostro, che ha infatti realizzato un Mac Classic di cartone corredato di una bellissima stampante in bianco e nero, anch’essa di carta.

Un meraviglioso pezzo che mancava alla mia collezione. Ecco perchè, dopo una breve ricerca, sono riuscito a risalire alle istruzioni su come ricostruire la stampante e, da domani, verrà affiancata al mio Classic e troneggeranno assieme sulla mensola di camera mia.

Leopard raggiunge 2 milioni di copie vendute

Apple ha annunciato oggi di aver raggiunto, a soli cinque giorni dal rilascio, due milioni di copie vendute del nuovo sistema operativo, Leopard, contando sia quelle vendute nel suo store online, sia quelle vendute nei suoi Apple Store e nei vari rivenditori sia quelle automaticamente incluse in tutti i nuovi Mac.

Bisogna ricordare che la precedente versione di Macintosh, Tiger (uscito il 30 Aprile del 2005), ha impiegato due settimane a raggiungere un numero simile e, considerando che già questo traguardo era un successo, due milioni in cinque giorni sono veramente tante.

Più template per Leopard Mail

Una delle cose più belle della nuova versione di Mail.app, inclusa in Leopard, è la possibilità di creare Mail HTML con template forniti da Apple, inclusi nel programma. Come già potete immaginare a Cupertino si sono impegnati non poco a realizzarli e quello che hanno prodotto sono delle grafiche meravigliose, che chi le riceve via email non potrà non apprezzare (un po’ come quando create un documento con i bellissimi themes di Pages).

Tuttavia potrebbe succedere che, dopo un po’, vi stufiate di questi template, che oramai conoscete bene, e ne vogliate altri, nuovi, che non avete mai usato prima. In questo caso allora potrebbe tornarvi utile lo Stationary Pack realizzato da Equinux, che vi da la possibilità di accedere a nuovi 100 template, ognuno per ogni occasione. Purtroppo il tutto non è gratuito ma costa 24 dollari, che non è poco.

[Via MacWorld]

Nuovi Mac Book a Novembre?

Secondo il noto sito Think Secrets Apple avrebbe in progetto di introdurre entro la prima metà di Novembre, se non prima, i nuovi Mac Book, che non ricevono modifiche dal 15 Maggio.

L’update sarebbe un semplice aggiornamento al processore che potrebbe adottare l’architettura Santa Rosa, che già hanno i Mac Book Pro dall’inizio dell’anno.

Non dovrebbe esserci invece nessun cambiamento grafico, anche se settimane fa si vociferava della possibilità che anche i Mac Book adottassero lo stile alluminio che oramai caratterizza ogni prodotto Apple. Personalmente preferirei se questo modello rimanesse bianco com’è ora, visto che è l’ultima gamma di computer Apple rimasta con quello stile che, fino a poco tempo fa, era caratteristico di ogni prodotto della mela.

Il sito inoltre rivela che, secondo le sue fonti, non ci sarà nessun altro aggiornamento all’hardware di altri prodotti della mela prima della fine delle vacanze invernali.

[Via Mac Rumors]

Trasformati in un iPhone per Halloween

A quanto pare c’è chi, in America, si veste da iPhone ad Halloween. Secondo me hanno sbagliato: per far paura dovevano vestirsi da Zune o, alla peggio, in qualsiasi altro prodotto Microsoft. Mica da iPhone…

Leopard VS Vista

Engadget ha realizzato una interessante tabella nella quale mette a confronto Leopard con Vista. I due sistemi operativi vengono paragonati in differenti aspetti e secondo differenti caratteristiche e, per ognuna di queste, vengono elencate le funzioni dei vari OS che le soddisfano. Per esempio la funzione di ricerca istantanea in Apple viene soddisfatta da Spotligh mentre, in Vista, da Instant Search e Search Folders.

Inoltre le varie funzioni sono colorate in rosso o in verde, a seconda se siano migliori nell’uno o nell’altro sistema operativo. Il punteggio finale è di 41 per Vista e 45 per Leopard. Di poco, ma il nostro Leopardo ha vinto. Era scontato :-P

Read more »

E Leopard fu

Mac Blog on Leopard

Giusto un breve post per far venire invidia a tutti coloro che Leopard ancora non ce l’hanno o sono indecisi se prenderlo o no: dalle 5 di ieri sul PowerBook G4 di colui che vi scrive gira perfettamente il nuovo OS di Apple. L’aggiornamento, da Tiger, è stato piuttosto lungo (un ora e 15 minuti circa) e il primo avvio è stato degno di Windows ma, dopo questo, tutto è filato molto liscio e mi pare che nel complesso sia tutto ancora più veloce di prima e il fatto non è da sottovalutare; se si considera che il mio Mac non è certo degli ultimi prodotti.

Da ieri sto giocando un po’ con le applicazioni incluse nell’OS e non ho riscontrato nessun problema particolare, ne’ legato a queste ne’ legato a software di terze parti. L’unica applicazione che mi ha dato problemi è Adium, che pare non voler funzionare dal lato di MSN (sono stato costretto a ricorrere al Messenger di Microsoft :-( ) e il mio HD esterno, che non viene riconosciuto dal sistema (per questo motivo ancora non ho avuto l’occasione di provare Time Machine).

A breve, se ce ne sarà bisogno, maggiori informazioni ;-)

Problemi con WP

Ho un problema con WordPress (la piattaforma di blogging su cui si basa questo blog) da oramai più di una settimana e, dato che non capisco in alcun modo come risolverlo, ho deciso di provare in questo post a chiedere a voi se la soluzione, se per caso foste in grado di darmi dei suggerimenti.

In poche parole mi è stato segnalato per email che tutte le volte che uno lascia un commento a un post, dopo averlo pubblicato, viene rimandato a una pagina bianca (questa), totalmente vuota (nonostante comunque il commento venga pubblicato in rete). Lo stesso accade appena io faccio click sul bottone Publish nella pagina di stesura di un post, o, anche, quando una persona prova a visitare un articolo proveniendo da OKNotizie (click qui per un esempio).

Lo stesso problema, si manifesta, ogni tanto, nel feed del blog.

Come se non bastasse vi sono altri problemi minori, come il fatto di non riuscire a editare i widget della sidebar (quando vi si clicca sopra non compaiono i box, come invece dovrebbero) o l’assenza, nell’editor di post, dei comandi avanzati per la stesura dei testi (inserisci link, grasseto, inserisci un’immagine, rientro del testo; insomma, ci siamo capiti). Di questi posso farne a meno (mi basta utilizzare il codice) però era molto più comodo quando funzionavano

Se riuscite a darmi una mano, o fra i commenti, o per email, o via AIM, ve ne sarò molto grato ;-)

Sony copia il Marketing di Apple

Sony ha realizzato una “nuova” pubblicità per le sue macchine fotografiche Sony DSC-T2 Cyber-shot e l’ha resa pubblica giusto ieri. Come potete ben notare c’è una certa similianza tra la pubblicità che tempo fa Apple realizzò per i suoi iPod Nano e quella di Sony: uguale disposizione degli oggetti, uguale scelta e disposizione dei colori; praticamente è tutto identico, cambia solo il prodotto pubblicizzato.

Complimenti a Sony per l’ottimo Marketing. Direi che ne hanno di fantasia, in azienda.

[Via Engadget]

iPod Touch Ad (realizzata da un Mac User)

Ecco la maglietta di Leopard che Apple regalerà nei suoi Store

Ho ricevuto poche minuti fa, da Marco Papale, la stessa persona che ha realizzato il logo del blog, una mail contenete due fotografie, una del retro e una del davanti, della maglietta che Apple oggi regalerà ai primi 500 che, in ogni Apple Store, acquisteranno una copia di Leopard.

E’ veramente bella e penso che ogni Mac Geek vorrebbe possederla. Personalmente mi sto rodendo il fegato per non esser potuto andare a Roma, all’Apple Store di Romaest, dove avrei potuto averne una. Sigh, come ho già detto in precedenza, spero di trovarla su eBay quanto prima :-D

Update: Secondo Gualtiero la maglietta sarebbe un Fake e quella reale sarebbe questa, visibile su Flickr. Cosa ne dite, è meglio? (visto che, leggendo fra i commenti, la prima sembra piacere poco).

NabazMac

NabazMac. The Nabaztag of a Mac User

Lo so che ve ne ho già parlato molto, e forse non ne potete più di sentirlo nominare, però non potevo non pubblicare la fotografia di come ho ridotto il mio Nabaztag che, d’ora in avanti, sarà un NabazMac (il primo, ad oggi).

Da notare, nel NabazMac, le orecchie, una con il logo della mela e l’altra con la pallina di attesa del Mac, e il PowerButton sulla testa.

Cosa ne dite? Vi piace? :-P

Recensioni di Leopard

Manca poco, secondo il countdown della home di Apple.com 22 ore e 9 minuti, all’uscita di Leopard.

Domani tutti i Mac User che lo vorranno potranno metter mano sul nuovo sistema operativo della mela e iniziare ad usarlo. Tuttavia c’è qualche fortunato che già lo possiede ed ha avuto l’occasione di provarlo. In primis Walt Mossberg, scrittore del Wall Street Journal e voce molto autorevole nel campo informatico, che ha realizzato una video recensione nella quale dichiara Leopard una spanna avanti rispetto a Vista, soprattutto per la sua velocità in confronto a questo. Mossberg ha inoltre definito Leopard non rivoluzionario, ma evoluzionistico.

Un’altra recensione molto interessante è quella realizzata per il New York Times da Davud Pogue, Mac User sfegatato del quale apprezzo sempre il modo di recensire i prodotti. David Pogue chiede, all’inizio del suo articolo: Se tu fossi una azienda di computer, cosa aggiungeresti alla sesta versione del tuo sistema operativo?. Oramai non ci sono grossi buchi come nel passato da riempire, non serve una maniera migliore di gestire le fotografie (iPhoto è perfetto) e mentre Microsoft ha potuto, in Vista, migliorare la sicurezza del sistema operativo facendone un punto di forza Apple ha dovuto incentrare il suo sviluppo su qualche altra funzione, perchè la sicurezza del sistema era già alta.

Dunque la missione in Leopard, per Apple, è stata quella di sviluppare qualche cosa di nuovo che prima non sapevamo potesse servirci. Ce l’avrà fatta? Da domani lo potremo sapere anche noi.

[Via Melamorsicata]

Digg Me nel mondo reale

iPhone per tutti, ad ogni età

Video: iPhone per tutti, ad ogni età

Apple è riuscita a rendere così semplice, immediato e facile da utilizzare l’iPhone a tal punto che anche Auntie Kath, una anziana signora di 91 anni, non ha alcun problema ad utilizzare al pieno le sue funzioni e si dimostra pienamente soddisfatta del gingillo.
Il video sopra lo dimostra. Un’ottima pubblicità, per la mela ;-)

Recensione del Nabaztag (fatta dal Nabaztag)

Come vi avevo promesso ecco qua di seguito una recensione del Nabaztag, il coniglio che giorni fa vi ha salutato su questo blog.

Devo ammettere che il giorno stesso che l’ho comprato stavo per pentirmene. Forse perchè quel giorno il sito di Violet (l’azienda che lo produce), attraverso cui avviene il comando del Nabaztag, era down o funzionava a scatti e dunque con esso anche il coniglio era Down e non permetteva di fare nulla; diciamo che dava sporadici segni di vita. Dopo il primo giorno, però, tutto ha funzionato alla perfezione. Una cosa interessante è quella che ho appena citato ora, vale a dire che tutto il comando del coniglio avviene da internet, da un sito, vale a dire my.nabaztag.com. Da questo è possibile inviare messaggi, riceverne dagli altri iscritti e attivare altre funzioni; fra queste vi sono, tanto per citarne alcune, una sveglia, Nabazcast (vale a dire podcast), web radio o, molto interessante, la possibilità di avere i feed rss, le email o gli ultimi Twitt dei propri amici letti dal coniglio.

Il sito my.nabaztag.com offre due tipi di servizi, alcuni gratuiti e altri a pagamento. Il pacchetto a pagamento, che permette di accedere a ogni genere di servizo, comunque è accessibile a ogni tasca e non ha costi esorbitanti: 5 euro al mese.

Le applicazioni per Nabaztag presenti in rete sono molte e col tempo sono destinate aumentare, questo grazie anche alle Api che Violet ha rilasciato e che permettono agli sviluppatori di realizzare applicazioni di terze parti. In rete ve ne sono già molte, tanto per fare un esempio il plugin sviluppato da Fullo per WordPress che invia al proprio Nabaztag mano a mano i commenti che i visitatori lasciano sul blog, in modo che questo li legga. Io è da due giorni che vi leggo dal coniglio :-P

Un altro servizio degno di nota è Nabazone, che fornisce interessanti applicazioni e giochi per divertisi con il coniglio (biscotto della fortuna, Twister, etc.); fra queste vi è anche il modulo che ho installato sul mio sito web, www.filippocorti.com/nabaztag/ e che potete trovare in alto a Mac Blog, che permette a chiunque di inviare al mio Nabaztag un messaggio scritto che lui poi leggerà al sottoscritto.

Nabazone è solo uno dei tanti siti realizzati per fan del Nabaztag da persone che a loro volta si sono innamorate del coniglio. In rete troviamo anche Fashionabz, che vende adesivi per modificare e aggiungere elementi all’aspetto estetico del nostro Nabaztag (aggiungergli tatuaggi, bocca o altri elementi), o Nabazabi, che permette di avere pronti per l’utilizzo degli abiti con cui vestire il proprio coniglio, da stampare con la stampante di casa (le opzioni sono due: o si stampano quelli presenti nell’archivio del sito o se ne creano di nuovi, con l’apposita sezione Make).

Non posso non parlare, inoltre, di alcune delle applicazioni per Mac relative al coniglio. A cominciare dal semplicissimo ma comodissimo widget, che permette di modificare la posizione delle orecchie e di inviargli brevi messaggi da leggere, fino ad arrivare a un vero e proprio software: iTagx, con il quale è possibile condividere la propria musica di iTunes con altri conigli

Molti in questi giorni mi hanno fatto domanda sull’utilità di Whoopsie (il nome con cui l’ho battezzato). Bhe, non è che ne abbia una precisa. Come vedete può fare molto, e in futuro farà molto di più, ma son tutte cose di cui, volendo, potremmo fare a meno. Però una cosa va detta, vale a dire che è proprio bello. Così bianco, con quelle lucine che si accendono e si spengono, vi assicuro che vicino al Mac fa un figurone.

Se vi state chiedendo l’utilizzo che ne sto facendo io diciamo che è più o meno quello di una segreteria telefonica. Molti mi hanno inviato e mi inviano in questi giorni messaggi, avvisi, informazioni dall’apposita pagina che ho caricato sul mio sito. Io li sento al momento, se sono in casa, o più tardi, quando torno, pigiando la testa del coniglio.

Insomma, sono soddisfatto e ne consiglio l’acquisto a chiunque, è un ottimo gadget da tenere sulla scrivania! ;-)

Pensieri sull’industria telefonica

Vecchi delpliant della mela

Un’immagine che mostra molti dei depliant che Apple ha stampato nel corso degli anni, da distribuire nei vari Apple Store per pubblicizzare i suoi prodotti. Non sono tutti, sono una minima parte, ma comunque sono decisamente interessanti e ci mostrano la bravura che Apple ha sempre avuto nel Marketing.

Io, inoltre, alcuni di questi non li avevo mai visti (Everything easier on a Mac, per esempio); senza tralasciare il fatto che la mia collezione è ben più esigua e, d’ora in avanti, dovrò cercare di racimolare più depliant che potrò :-D

Segnalazioni: contribuisci

Invia il link di una storia, applicazione o notizia





👍

Grazie, il tuo link è stato ricevuto.