Cosa aspettarsi da Apple, secondo Horace Dediu

Horace Dediu (aka Asymco) ha rilasciato a Forbes un’intervista. Fra le altre cose, si specula sull’iWatch:

When the iPad was imminent the great debate was over whether it would run iOS or OS X. Many imagined a touch-based Mac rather than the “big screen iPod touch”. It was a tough call and one which Microsoft could not and still does not make. Therefore, the interesting question for me with respect to iWatch is: What OS it will run? I will be shocked to the core if it does not run iOS. It is my opinion that making iOS work on it is the entire reason Apple is sweating this segment. They are in it because they are trying to make a platform product with a novel user experience and all the power of an ecosystem run on a wrist. It’s as big a problem as getting a phone-sized device to run a touch UI was in 2007. That is the crucial contribution that Apple is making to this next generation of computing. Now you might ask what users are asking for in this segment. The answer is nothing. Nobody is asking for this. As nobody asked for the iPhone (or the Mac or the iPad). It’s a new computer form factor and how it will be used will be determined by the apps written for it. But it will work and be magical out of the box in version 1. This is in contrast to the single purpose or accessory model of wearables we see to date.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Dalla veranda alla strada

Come molti avranno notato, il mio uso di twitter è diminuito drasticamente negli ultimi due anni. Soprattutto: lo uso sempre meno per pensieri legati alla mia vita, e sempre più per condividere link, immagini e materiale impersonale. La ragione è che il modo in cui percepisco Twitter — da spazio semi-privato popolato da gente che conosco, a luogo molto trafficato e pubblico — è variato negli anni.

O come scrive Frank Chimero, da un portico Twitter è diventato una strada:

Have you heard of evaporative social cooling? It says the people who provide the most value to a social group or organization eventually burn out and leave, undermining the stability and progress of the group. Most of my internet friends have been on Twitter since 2008, so they probably fall into this group. How much more is there left to say? We concede that there is some value to Twitter, but the social musing we did early on no longer fits. [...]

Here’s the frustration: if you’ve been on Twitter a while, it’s changed out from under you. Christopher Alexander made a great diagram, a spectrum of privacy: street to sidewalk to porch to living room to bedroom. I think for many of us Twitter started as the porch—our space, our friends, with the occassional neighborhood passer-by. As the service grew and we gained followers, we slid across the spectrum of privacy into the street.

(Bicycle Mind, al contrario, si adatta bene al Twitter di oggi)

PERMALINK COMMENTA TWEET

Il nuovo Dropbox Pro

Dropbox si è accorta che siamo nel 2014, e ha di conseguenza — finalmente! — aggiornato la propria offerta “premium”. Mentre fino a ieri era necessario pagare $50 al mese per usufruire di 500GB di spazio, da oggi con soli $9,99 si ottiene 1TB di spazio.

Sono un utente di Dropbox Pro da anni — la mia libreria iPhoto, iTunes e vari file importanti risiedono su di esso. Il nuovo piano non offre solo più spazio, ma registra i cambiamenti effettuati a ogni documento per 30 giorni, offrendo una cronologia dello stesso (pensate a Time Machine).

PERMALINK COMMENTA TWEET

Sviluppa per iOS all’inizio. Per Android dopo, molto dopo

Semil Shah, uno sviluppatore, sul perché le startup farebbero meglio (potrei togliere il condizionale, perché di fatto lo fanno) a sviluppare solamente pr iOS all’inizio, e creare una versione per Android della propria applicazione in seguito, dopo un bel po’ di tempo:

The most common trap here is the early iOS app which gets some buzz. All of a sudden, the founders hear “When are you building for Android?” The natural, enthusiastic response to sincere requests of the Android chorus is to go ahead and build for Android and seek more downloads, more growth, more revenue. I have a different view though. The proper response is: “No. Buy an iPhone.”

PERMALINK COMMENTA TWEET

Scrivere di Apple

Sono 15 anni che John Siracusa scrive di Apple (recensioni chilometriche dell’ultima versione di Mac OS su Arstechnica) e tecnologia. Per l’occasione, ha rilasciato un’intervista alla Columbia Journalism Review sull’argomento:

You can’t cover Apple or write about Apple as if it’s the scrappy upstart competitor fighting against the Windows monopoly.

That is what I think is the modern ailment of coverage of Apple: people who remember it back from the day when it was a small underdog and have not adjusted the way they view it to account for the reality of today’s Apple. They are now big enough and powerful enough that you have to watch for their use of that power and that money much more closely.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Cambio di schermo

GUARDA L'IMMAGINE

La mia giornata negli ultimi giorni, riassunta in 229×320 pixel da xkcd.

PERMALINK COMMENTA TWEET

HealthKit e l’ipotetico iWatch

Secondo Tim Bajarin il device indossabile di Apple non sarà un iWatch (primariamente, se non altro), ma un braccialetto costruito attorno a HealthKit — e con come obiettivo principale la raccolta di dati personali sulla propria salute e il proprio corpo.

For those of us who have followed the life of Steve Jobs, we know most of the products he brought to market were ones he wanted to use himself. They came out of his personal life experiences. The iPod came out of his love of music and his frustrations with not being able to access what he wanted and play it back at will. The iPhone came out because he thought early smartphones were not great and he designed it around what he would want in a smartphone. The iPad was his version of making a Mac as portable as possible and replicating a computing experience, tied with new forms of content and apps, in a very convenient manner.

I believe Apple’s next big thing comes out of his experience in the health care system and his immense frustration with gaining access to his own personal records, in not being able to monitor his health in real time and in studying the bureaucratic world of health care — where data is not portable and effectively sharing data between doctors and other members of his health care team was near to impossible. [...]

I believe [Apple's new wearable] is more likely to be a health related wearable tied to this back end health data system. Yes, it can tell time, but instead of trying to be a generic smartwatch, I think Apple will narrow its focus and make their wearable entry closer to what we see in the Nike Fuelband but on steroids.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Come vanno le cose per Square

Non troppo bene. Il core business dell’azienda si è rivelato meno redditizio di quanto ipotizzato: secondo le previsioni, nel 2013 gestirà pagamenti per un valore di 30 miliardi di dollari. Square applica un 2,75% di commissioni, il che significa che dovrebbe ricavare 825 milioni. A questi, però, Square dovrà sottrarre le commissioni applicate da Visa e Mastercard e altri intermediari.

La cifra finale è più vicina ai 280 milioni — dai quali dovrà ulteriormente sottrarre tasse e spese.

Making money from payments processing is a bit like building a business by selling soda simply for the bottle deposit: It takes a lot of effort just to convert a $1 bottle of Coke into a nickel return, and only in extreme bulk can those nickels start to add up. More troubling, with Square’s business, the majority of those nickels go to the financial intermediaries it works with. At every swipe, Square takes its small cut of the transaction price, but 70% (or more) of that fee often goes to Visa, MasterCard, and other institutions that handle risk and fraud detection, as well as card-member rewards and services. With higher-end American Express cards, Square even loses money on charges.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Sovraccaricati di informazioni

CIT.

According to a 2011 study, on a typical day, we take in the equivalent of about 174 newspapers’ worth of information, five times as much as we did in 1986. — New York Times, Hit the Reset Button in Your Brain

PERMALINK COMMENTA TWEET

Il problema della diversità nella Silicon Valley

GUARDA L'IMMAGINE

Il New Yorker, sulla (inesistente) diversità dei dipendenti delle principali aziende informatica, e startup, della Silicon Valley:

The astonishing maleness and whiteness of Silicon Valley’s tech workers has less to do with Silicon Valley itself than with the education system that prepares kids to work there — or, more often, doesn’t do so. Women earn about eighteen per cent of computer-science degrees in the U.S. Black and Hispanic students each earn ten per cent or fewer. “If you have a really undiverse student population, it’s hard to make an even more diverse workforce,” Partovi said.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Come si stava prima di Internet

In “The End of Absence” Michael Harris racconta cosa significhi fare parte di quel gruppo di persone che è nato prima di Internet, le ultime che si ricorderanno come si stava prima che internet diventasse essenziale:

Soon enough, nobody will remember life before the Internet. What does this unavoidable fact mean?

For future generations, it won’t mean anything very obvious. They will be so immersed in online life that questions about the Internet’s basic purpose or meaning will vanish.

But those of us who have lived both with and without the crowded connectivity of online life have a rare opportunity. We can still recognize the difference between Before and After. We catch ourselves idly reaching for our phones at the bus stop. Or we notice how, mid-conversation, a fumbling friend dives into the perfect recall of Google.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Fotografare per condividere

CIT.

The challenges present in photography today are not in the devices we use to capture, it’s not in our approach, skill level, or what we think we need to create good photos; the problem today is in social pressure. Photography has quickly evolved in its short lifespan from revolutionary, to useful, to ubiquitous and full of expectation. Like the clothes we wear, the cars we drive, or the houses we live in, our photographs are another vehicle to which the world judges us because the world expects to see proof of our beautiful, happy lives and we have grown to crave that attention. In this light, photography has grown vain in its old age.

We shoot, we shoot, and we shoot… and then we share. Sometimes to prove our good taste or creative ability, but also, in many cases, as a means to feel alive because we have generated this need to prove something to others and to ourselves. — John Carey, Don’t Forget to Remember This (*)

PERMALINK COMMENTA TWEET

Internet è di tutti?

Mantellini, sulla scelta di Twitter, Facebook e altri servizi di eliminare il video di James Foley dai loro server e sulle implicazioni che ciò comporta. In altre parole, facendolo hanno compiuto una scelta editoriale che è in contrasto al loro presentarsi come servizio per tutti e di tutti.

La domanda da farsi, è, quindi: di chi è internet? “Se Internet è di tutti,” scrive Mantellini, “è anche dei tagliagole vestiti in nero, i quali del resto, già da tempo, la utilizzano come se. E se invece Internet non è di tutti ma solo dei buoni, di quelli come noi, allora Internet non è più Internet ma uno dei nostri ben sperimentati orticelli recintati. Nei quali l’orrore (ma anche molto d’altro) può essere tenuto fuori, come se non esistesse.”

[Twitter e Youtube] Nate e cresciute fuori dal contesto editoriale e dentro la retorica delle relazioni fra pari, dopo averci alluvionato per anni con il racconto glorioso dell’informazione dal basso prodotta dai cittadini per i cittadini senza il fastidio di ingombranti intermediari, dopo averci raccontato con dovizia di noiosi particolari tecnici l’impossibilità di fermare o controllare il flusso di dati che ogni secondo raggiungeva i loro server, nel momento della diffusione del tragico video Twitter, Youtube e Facebook si sono trasformati in soggetti editoriali a tutto tondo. Impugnati i termini di servizio, scaldati i filtri tecnologici fino al giorno prima minimizzati, questi soggetti hanno iniziato a ripulire le proprie piattaforme dalle immagini dell’orrore giunte dal Medio Oriente. Per una ragione o per un’altra, per seguire la pietasminima dovuta ai familiari di quel giovane uomo straziato o per acconsentire ai pressanti consigli della Casa Bianca, le piattaforme di rete, utilizzate da tutti in tutto il mondo, hanno fatto una scelta di campo molto chiara e da servizio si sono trasformate in prodotto.

Non è importante ora chiedersi se quella scelta sia stata giusta o sbagliata, quello che va sottolineato è che se il New York Times decide di non mostrare quelle immagini terribili compie una scelta editoriale usuale, se Twitter chiude d’imperio profili che hanno semplicemente linkato quelle medesime immagini, compie una azione certamente editoriale ma con tratti censori incontestabili nei confronti dei propri utenti. E lo fa, tra l’altro, all’interno di una ciclopica eccezione, utilizzando per altre differenti ma ugualmente orribili immagini di guerra e dolore (per esempio quelle strazianti dei corpi dei bambini morti sotto i bombardamenti a Gaza), scelte editoriali del tutto opposte.

PERMALINK COMMENTA TWEET

La censura online, in Cina, potrebbe essere più selettiva di quanto ipotizzato

Secondo uno studio appena pubblicato, la censura online, in Cina, potrebbe essere più sofisticata di quanto in precedenza ipotizzato. Non sarebbero i messaggi negativi in confronti del governo a venire censurati, ma quelli che contengono un invito a una qualche forma di azione collettiva — che sia in favore o contro il governo.

BuzzFeed:

After conducting a study of what originally began as 11 million social media posts, King, Pan and Roberts found that criticism on social media is useful for the Chinese government so long as that criticism does not include a call to action. In an effort to mollify Chinese citizens and essentially prevent any form of collective action, the Chinese government will take any negative commentary on policies or leaders into consideration and make the changes they see fit.

PERMALINK COMMENTA TWEET

iBeacon Stickers: piccoli adesivi bluetooth

I beacon sono piccoli device che comunicano con lo smartphone via bluetooth. Un esempio pratico: vi trovate in un negozio d’abbigliamento, vi avvicinate a un paio di scarpe e sul vostro smartphone appaiono i prezzi dei modelli che state guardando — perché il beacon più vicino a voi ha rilevate la vostra posizione. La reazione del telefono è completamente configurabile: può essere una semplice notifica, o se avete l’applicazione del negozio in questione qualcosa di più complesso.

Estimote è una delle aziende che li produce, e oggi ha introdotto degli adesivi iBeacon: piccoli e dotati non solo di connettività bluetooth, ma anche di un sensore per il rilevamento della temperatura e del movimento. Le opportunità e opzioni sono infinite, alcune di esse esplorate in un breve video di Estimote. Li si può utilizzare sia in casa — se abbinati ad un’applicazione come Launch Here possono spegnere le luci della stanza quando uscite — o in un negozio, vedi l’esempio iniziale.

Costano $100, e si preordinano adesso per riceverli questo autunno.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Nicholas Felton: una vita quantificata

Video: Nicholas Felton: una vita quantificata

Il New York Times ha girato un breve video su Nicholas Felton, quello degli Annual Report: report annuali, graficamente perfetti, costruiti sopra dati raccolti su se stesso — posti visitati, km percorsi, etc…

È appena uscito l’Annual Report del 2013, ed è dedicato alle comunicazioni che Felton ha avuto nel corso dell’anno: le email che ha inviato, le persone con cui ha interagito e i mezzi che ha utilizzato per farlo, le parole più ricorrenti o gli SMS scambiati.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Una breve storia dell’USB, e delle porte che ha rimpiazzato

ArsTechnica ricorda i tempi bui prima delle porte USB:

If you were using a computer anytime before the dawn of USB in the Pentium and Pentium II eras, connecting pretty much anything to your computer required any one of a large variety of ports. Connecting a mouse? Maybe you need a PS/2 connector or a serial port. A keyboard? PS/2 again, maybe the Apple Desktop Bus, or a DIN connector. Printers and scanners generally used big old parallel ports, and you could also use them for external storage if you didn’t want to use SCSI. Connecting gamepads or joysticks to your computer often required a game port, which by the 90s was commonly found on dedicated sound cards (these were the days before audio chips became commonplace on desktop and laptop motherboards).

PERMALINK COMMENTA TWEET

Margini

Craig Mod ha scritto un pezzo sui margini dei libri:

A book with proper margins says a number of things. It says, we care about the page. It says, we care about the words. We care so much that we’re going to ensure the words and the page fall into harmony. We’re not going to squish the text to save money. Oh, no, we will not not rush and tuck words too far into the gutter.

A book with proper margins says, We respect you, Dear Reader, and also you, Dear Author, and you, too, Dear Book.

PERMALINK COMMENTA TWEET

Come vengono rappresentati gli sms e internet nei film?

Video: Come vengono rappresentati gli sms e internet nei film?

Tony Zhou ha studiato i vari metodi con cui, nei film, viene comunicato allo spettatore il contenuto di un SMS, o l’uso di internet. Spesso viene inquadrato lo schermo del cellulare (che diventerà obsoleto prima che il film esca nelle sale), a volte gli attori leggono i messaggi ad alta voce — quando mai vi è successo di farlo? — mentre nei migliori casi il testo del messaggio appare a lato della scena, in prossimità del cellulare1.

  1. L’uso migliore lo fa Sherlock della BBC. Guardate che meraviglia tipografica.

PERMALINK COMMENTA TWEET

John Oliver sulle pubblicità native

Video: John Oliver sulle pubblicità native

Native Advertising indica pezzi di giornalismo che sembrano normali, e si presentano come tali, ma in realtà sono pubblicità: sponsorizzati e pagati da aziende. BuzzFeed è forse il sito che ne fa più uso, ma anche testate più tradizionali hanno iniziato a sperimentarlo: l’Atlantic pubblicò un articolo sponsorizzato da Scientology, mentre recentemente il New York Times ha pubblicato un’inchiesta pagata da Netflix, volta a pubblicizzare Orange Is the New Black.

John Oliver ha due parole da dire, non in positivo, riguardo questo nuovo modello di business.

PERMALINK COMMENTA TWEET